Quali sono le conseguenze del coming out? Ecco quello che non vi aspettate

di

Libertà sessuale porta libertà sessuale. Via la paura! Sarete un punto di riferimento per chi non sa dove sbattere la testa.

CONDIVIDI
134 Condivisioni Facebook 134 Twitter Google WhatsApp
15157 1

Tutti e tutte penseranno che le conseguenze del coming out siano pesantissime, come una sorta di odierna inquisizione. Per questo, alcune persone tardano anni nel dichiararsi ad amici e parenti, altre fanno prima: non lo fanno direttamente. In amicizia, la paura principale è che l’amic* del tuo stesso sesso pensi di piacerti… e in effetti, si riscontrano un certo numero di amic* che, quando scoprono che per anni hanno pensato di piacervi e non era vero, ci rimangono parecchio male. Le lusinghe sono a-gender: piacciono a tutt*!

Tutte le paure sulle conseguenze del coming out dipendono da quanto, in primis, ci sentiamo non-normali, schifos*, sbagliat*, indesiderabili e/o potenzialmente “pericolos*” per chi ci sta vicino. Bisogna capire che alla gente, di noi nello specifico, importa ben poco e, tolte le chiacchiere da bar, con chi andiamo a letto o chi amiamo è soltanto un problema nostro (visto che per molte persone, l’amore è già di per sé una cosa complicata).

E’ bene ricordarsi sempre che, in molti casi, la persona a cui lo stiamo per dire lo aveva già almeno immaginato, se non addirittura capito, e che una conferma di ciò che aveva pensato accrescerà la sua autostima e potenzierà il suo gaydar. Digitando “dopo il coming out” su Google, Yahoo Answer ha ovviamente molte risposte, che sembrano più positive che negative.

conseguenze-del-coming-out-lesbica-1

Rotto il ghiaccio: l’avete detto alla prima persona. Ottimo. Dalla seconda in poi, sarà tutto sempre più facile. Quando “il mio ex” o “la mia tipa” saranno frasi di ordinaria amministrazione, che vi troviate su un BlaBlaCar, dal medico o dall’avvocata, significa che la vostra intimità sarà divenuta cosa pubblica, senza darvi alcuna spiacevole conseguenza, anzi.

Quali sono le più divertenti conseguenze del coming out?

Nel giro di un mese l’avete detto a tutta la gente a cui volete più bene (i genitori sono un caso a sé stante) e il grosso peso della clandestinità sarà ormai un ricordo lontano. Se le conseguenze del coming out non vi spaventavano più di tanto, facevate bene: non è niente di tutto quello che avevate immaginato!

conseguenze-del-coming-out-lesbica

Pensavate che la vostra migliore amica etero fosse in difficoltà al sapere che siete lesbiche, finché non avete notato che tutte le volte che si ubriaca vi viene in collo, vi struscia e vi accarezza più del solito, per niente imbarazzata dal vostro nuovo gusto sessuale, anzi. E lo stesso vale per quasi tutte le vostre amiche e per tutte le loro amiche, che decidono alla minima curiosità di “provare”, che non esiteranno due volte a volervi come cavia. Tra queste “etero curiose“, ci saranno sempre delle bisex, non dimenticate.

conseguenze-del-coming-out-gay-1

Credevate che a tutto il mondo non interessassero i fatti vostri, che potevate benissimo vivere senza sfogarvi spesso e che vi sarebbe bastato un amico o due che capissero la vostra situazione sentimentale, finché non iniziate a notare che la gente, al vedervi sbottonare, è diventata molto più curiosa: i fatti vostri interessano eccome, le persone hanno un estremo bisogno di confrontarsi sulla sessualità, figuriamoci per chi la vive apertamente.

Inizierete infatti a notare un’altra cosa: quanto più sarete disinvolt* nell’essere voi stess*, tanto più la gente nutrirà stima per voi. Capirete davvero le conseguenze del coming out quando vi troverete a dire serenamente, di fronte a un gruppo di sconosciut*, che sta arrivando il vostro ragazzo o la vostra ragazza. La notizia li farà inizialmente sussultare, ma poi la situazione sarà subito più rilassata di prima, più confidenziale. D’altronde, siamo ancora poch* a dichiararci e avere un gay, una lesbica o un bisex dichiarato di fronte è sempre un’occasione di crescita unica.

Leggi   Charlie Carver e il coming out: 'grazie a mio fratello gemello ho capito quanto fossi diverso'

dopo-il-coming-out-divertente

Le vostre amiche, che non l’avevano già capito, andranno in estasi al sapere che siete gay. Se non sono già troppo innamorate di voi, avrete la certezza di poter contare su persone fidate che non vedevano l’ora di avere un amico non etero, che non ci provasse con loro, col quale poter parlare di tutto quello di cui, di solito, parlano con altre donne.

Temevate che il vostro collega maschio alfa all’apparenza, pur avendo accolto la notizia senza problemi, diventasse più rigido nei vostri confronti e vi stupisce molto quanto faccia il buffone più di prima in vostra presenza. Ecco, in questi casi, potreste aver scoperto un bisex. Se invece lo vedete a disagio, rigido, con velati atteggiamenti omofobi e impacciato… ricordate sempre che i gay repressi sono almeno la metà del totale. Se è etero e sereno, non cambierà atteggiamento e si lascerà provocare per scherzo, divertendosi anche lui.

 

Il resto del mondo si sentirà libero di parlare con voi in modo aperto, di confessarvi dubbi esistenziali e sessuali, di scrivervi in privato sfogandosi delle proprie paure, di chiedervi cose molto intime. Diventerete, specie nelle piccole comunità, un punto di riferimento per coloro che non sanno dove sbattere la testa, una fonte di coraggio per chi non ha la forza di fare il grande passo del coming out. Con pazienza e passione sarete tra i primi e le prime a vedere come le persone, con l’esperienza, crescono e si rilassano nei confronti di quello che sono.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...