Rapporto a tre "particolare"

Gay live feed Forum Questioni Sesso & Salute Rapporto a tre "particolare"

Questo argomento contiene 10 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Marco 3 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 11 articoli - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #1227587

    Kleinman
    Partecipante

    Salve a tutti, vorrei esporre una questione in modo spero rispettoso di chi leggerà. Ho 34 anni e sto da 11 con un uomo più grande di me di 10 anni. Abbiamo superato un paio di grosse crisi in questo lungo arco di tempo e oggi il nostro legame è più saldo che mai, anche dal punto di vista sessuale, aspetto che peraltro ha sempre funzionato alla grande rappresenanto talvolta un vero e proprio collante durante i momenti più neri.
    Da un paio d’anni abbiamo iniziato a parlare della possibilità di fare un’esperienza a tre. L’idea è nata da lui ma ora è decisamente più radicata in me, che però contemplo l’ipotesi di farlo solo a determinate condizioni. Premetto che sono geloso e possessivo e non sopporterei di vedere un terzo fare sesso col mio uomo, ma come passivo ho la fantasia di stare con due uomini attivi contemporaneamente, uno dei quali il mio fidanzato. Tra le sue fantasie, invece, c’è anche quella di vedermi “impegnato” con un altro, oltre che con lui. Di conseguenza, parlandone sporadicamente nel corso degli ultimi due anni, ci siamo fatti un’idea generale di come potrebbe andare l’esperienza a tre per noi: io passivo al centro delle attenzioni di lui e del terzo, che si concentrano su di me quasi ignorandosi tra loro.
    Sulla carta quindi la cosa sembrerebbe funzionare, e ultimamente ho anche individuato un papabile terzo. Quello che mi preoccupa però è la reale fattibilità della cosa soprattutto in relazione al fatto che non si tratterebbe di un rapporto a tre paritario, ovvero di tre persone sullo stesso livello, ma di un gioco in cui ciascuno ha un ruolo ben preciso.
    Mi chiedevo perciò se a qualcuno sia capitato di realizzare una cosa a tre secondo questa modalità particolare o se invece sembri troppo forzata e irrealizzabile. La mia fantasia è questa e almeno a parole sembra compatibile con i gusti del mio lui, non credo che mi piacerebbe farlo in altro modo, stile orgia in cui tutti fanno tutto, della serie ‘ndo cojo cojo, se riesco a spiegarmi.
    Grazie in anticipo e ogni esperienza sarà ben accetta 😉

    #1227592

    michele89
    Partecipante

    Ciao Kleinman, non ho esperienze di questo tipo, anche a me darebbe fastidio vedere il mio uomo con un altro
    Considera che certe esperienze creano aperture anche ad altro
    A gelosie soprattutto, a incomprensioni se mai uno dei due prendesse iniziative non volute, a “preferenze” sessuali con lui o con l’altro
    La coppia deve essere pronta a tutto, e si puó fare solo se c’é dialogo e intesa
    Io non riuscirei a farlo col mio ragazzo
    Se voi ci riusciste, dimostrerebbe la vostra forza
    Ma attento a tutte le variabili
    Ovviamente dovete trovare il terzo che sa stare al suo posto
    Che fa quello e basta
    E devi sperare che questa esperienza non porti ad altre voglie, a spingersi piú in lá, ad avere contatti anche con l’altro e non solo in quei ruoli
    Posso solo dirti le mie riflessioni e facci sapere
    Buona fortuna

    #1227594

    Reuel
    Partecipante

    Ciao. Sei molto, molto, molto fortunato, spero tu te ne renda conto.

    #1227597

    Marco
    Partecipante

    Pensaci bene prima di farlo, te lo dico per esperienza.
    Tra fantasia e realtà c’è una terra di mezzo in cui tutto è imprevedibile.
    Ora dici che il vostro rapporto è più saldo che mai… che bisogno c’è allora di soddisfare una fantasia di questo genere?
    Questa è una delle domande che ci si fa dopo aver soddisfatto questo genere di fantasie.
    Non so se hai mai sentito parlare del famoso Vaso di Pandora.
    Pandora era curiosissima di aprire quel vaso, anche se le era stato detto di non aprirlo mai.
    Lei, non curante delle conseguenze lo aprì comunque è quello che uscì, non le piacque affatto.
    Io sono uno di quelli che il vaso lo ha aperto e le conseguenze non hanno tardato a farsi sentire.
    Un rapporto a tre nella coppia, con il tempo, porterebbe soltanto che ad una terza crisi.
    E poi ricordati che in una coppia entrambi devono essere soddisfatti… se nellle tue condizioni c’è solo un’altro attivo ed escludi a priori un passivo per lui, sappi che si sentirà autorizzato un domani a cercartelo per i fatti suoi (giustamente).

    Consiglio: cercate di soddisfare le Vostre fantasie senza includere un terzo nella coppia, diventerebbe un elemento disturbante è una volta fatto non si torna indietro!

    #1227601

    Kleinman
    Partecipante

    A Michele 89:
    I “pericoli” collaterali che tu citi corrispondono esattamente alle mie paure, le stesse che mi hanno frenato finora nel concretizzare questa fantasia. Ma mi frulla in testa da troppo tempo e ho come il desiderio di realizzarla per non pensarci più. Sarà stupido da dire, ma è come se sotto sotto sperassi di scoprire che in fondo non è niente di che e di poter poi proseguire nella mia storia senza più questo tarlo nella testa. In realtà credo che mi piacerà, ma di certo se e quando succederà voglio che resti un’esperienza isolata a un ambito e a circostanze specifici. Il terzo che credo di aver trovato, infatti, vive dove noi abbiamo una casa di vacanza al mare e dove non andiamo spessissimo perché distante. Non vorrei mai farlo nella nostra città, tantomeno nella nostra casa né nel nostro letto. Proprio per questa idea di confinare la cosa a una dimensione altra, non appartenente al nostro quotidiano. Di tutti questi aspetti abbiamo parlato molto, certo non è il nostro tema quotidiano ma in diverse occasioni di intimità ci siamo detti come vorremmo che fosse. Tutto troppo cerebrale?

    #1227602

    Kleinman
    Partecipante

    A Reuel:
    Mi definisci fortunato perché il mio lui è disposto a concedermi un’esperienza a tre in cui solo io mi concedo al terzo?
    Sì, credo di essere fortunato, soprattutto per il fatto di avere una storia in cui entrambi ci sentiamo liberi di raccontare le nostre più profonde fantasie. E tra queste non c’è l’idea di fare sesso con altri per il gusto di farlo, ma di realizzare la fantasia che descrivevo per noi, come esperienza condivisa e arricchimento della nostra coppia. Lo “squilibrio” di uno schema di questo tipo mi ha fatto porre alcune domande: se io sono geloso e penso che non potrei mai acconsentire a vedere il mio uomo che fa sesso con un altro, perché invece lui lo può fare? Non mi ama abbastanza da sentirsi ferito? Certo non potremo saperlo finché non lo facciamo, ma credo che la disparità in uno schema di questo tipo corrisponda banalmente ai nostri rispettivi gusti sessuali: io ho la fantasia di stare con due uomini attivi, lui sarebbe eccitato da questa “condivisione”, in particolare mi ha detto che lo ecciterebbe moltissimo vedermi fare sesso orale con l’altro mentre lui mi penetra da dietro, cosa che corrisponde in tutto e per tutto alla mia fantasia…gli ho poi chiesto se sia disponibile anche a scambiarsi di ruolo con l’altro e mi ha detto “se può eccitarti, va bene” (se sono troppo esplicito scusatemi). Lui inoltre ha anche fantasie da cuckold. Non ha usato questo termine ma mi ha parlato della possibilità di mettersi un attimo da parte a guardare me e l’altro, e l’idea mi piace altrettanto. Il pericolo è quello che ci siamo fatti in testa un film che sarà difficile da realizzare…

    #1227604

    michele89
    Partecipante

    Ciao Kleinman, si vede che non sei stupido e sicuramente ci avrete pensato bene prima di decidere
    Se lui ha questa fantasia cuckold spiega perché riuscirebbe a vederti con un altro senza farsi sopraffare dalla gelosia
    Il fatto che giustamente tu voglia farlo non a casa ma in un altro ambiente dimostra la tua volontá di evento straordinario e circoscritto
    Se é una cosa che ti frulla in testa e non ne puoi fare a meno allora provateci
    Se avete tutta questa complicitá la cosa é invidiabile e spero non vi creerá problemi
    Se poi la cosa dovesse essere cosí piacevole da volerla ripetere, lí dovrete un attimo parlare del perché vi é piaciuto e cosa ha aggiunto al rapporto, cosí da ridurre al minimo i pericoli di cui parlavamo e fermarsi eventualmente prima di avere danni
    Se hai bisogno siamo (sono) qui
    Anche in privato

    #1227608

    Kleinman
    Partecipante

    A Marco:
    Grazie per i consigli, come ho detto apprezzo ogni racconto di esperienza altrui. Tutto quello che dici sta alla base del fatto che io e il mio lui parliamo di fare questa cosa da più di due anni ma non l’abbiamo ancora fatto e, credimi, stiamo seriamente valutando ogni aspetto anche ora. Il fatto è che credo che le variabili possano essere talmente tante che è impossibile stabilire che cosa proveremo dopo finché non l’avremo fatto. Con questo non voglio dire che siamo costretti a farlo per forza ma, riguardo a quello che dici sull’eventualità che lui resti insoddisfatto perché non avrà un “secondo passivo” come io avrò un “secondo attivo”, mi sento di escluderlo proprio perché la fantasia così come l’ho descritta è nata innanzitutto in lui, che me l’ha raccontata anni fa in un momento di intimità molto eccitante e nel tempo si è radicata in me, al punto che di tanto in tanto gli dico “prima o poi lo trovo”. Negli ultimi mesi lui mi sta chiedendo spesso conto di questa ricerca, perché desideroso di compiere il passo almeno quanto me. Poi è chiaro che la mente umana è parecchio complessa e tutto può succedere, comprese conseguenze spiacevoli.
    Voi vi siete lasciati dopo questa esperienza a tre? Ripeto, ogni racconto per me può risultare prezioso.

    #1227611

    Marco
    Partecipante

    Se è una cosa che desiderare ardentemente fare, fatela. L’importante è essere chiaramente consapevoli delle possobili conseguenze e chiedersi se si è disposti a pagarne il prezzo alla fine della festa.
    Tra la fantasia è il fatto compiuto ci passa di mezzo l’infinito. La differenza tra le due cose è sostanziale, in quanto la fantasia fortifica il rapporto, far entrare un terzo nella coppia non fa altro che sgretolarlo dall’interno e in quel caso sareste voi stessi gli artefici della vostra eventuale rovina, e lo spazio per i sensi di colpa non ci sarà.
    Le scelte che prendiamo purtroppo hanno una sola direzione, non si torna sui propri passi se il risultato finale non ci aggrada.

    D’altra parte potrebbe andarvi bene! Potrebbe piacervi, potreste trovarla un esperienza interessante… così interessante ed eccitante da rifarla, e poi rifarla ancora. Distruggendo così, una volta per tutte quel legame che prima vi teneva stretti .
    Dopo che lo fate una volta, il rapporto è come se venisse compromesso – anche sé inconsciamente.
    Dopo, la domanda che sorgerà spontanea sara: “perché non farlo io da solo con un altro?” E da lì iniziano i tradimenti di nascosto.
    Non importa che ora vi dite dato delle regole. Quando il rapporto viene compromesso dall’interno è proprio come avere un alibi bello pronto che ci fa sentire più sicuri di poter fare quello che vogliamo e quando lo vogliamo.

    Ripeto, io non giudico affatto, anzi! L’unica cosa che mi preme fare è farvi riflettere su quello che state per fare. Poi la scelta sta a voi ovviamente.

    Buona fortuna

    #1227621

    Kleinman
    Partecipante

    Marco, perdonami ma il ritratto che fai mi pare un po’ troppo catastrofico. Non intendo sottovalutare gli aspetti che evidenzi, ci mancherebbe, ma credo che una cosa del genere, dopo averla maturata gradualmente nel tempo, vada alla fine vissuta con la leggerezza che merita.
    In uno dei due periodi di crisi che ho avuto col mio uomo in 11 anni di storia, cinque anni fa ho avuto una brevissima relazione con un altro, non clandestina (la crisi è nata proprio perché io sono stato sincero, gli ho parlato di un sentimento nato con quest’altro e l’ho “lasciato” prima per non tradirlo). Dopo quel breve periodo di confusione mi sono reso conto di amare solo lui e siamo tornati insieme. Ebbene, l’aver fatto l’amore con una persona diversa da lui non mi ha dato assolutamente nulla in sé, anzi, sono tornato da lui perché come faccio l’amore con lui sono sicuro che non lo farei mai con nessuno, oltre che per il sentimento che ci lega.
    Tutto questo per dire che né io né, a quanto pare, nemmeno lui abbiamo il desiderio di andare a letto con altri, vogliamo semplicemente vivere questa esperienza insieme proprio per la sua peculiarità.
    Il momento si avvicina, magari non se ne farà niente, ma se succederà ve ne darò conto

    #1227624

    Marco
    Partecipante

    Buona fortuna allora allora

Stai vedendo 11 articoli - dal 1 a 11 (di 11 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.