Coppia gay contraria ad ordine pubblico fa ricorso

Ricorso al tribunale di Latina per la coppia omosessuale di Latina sposata all’Aja e alla quale il certificato di matrimonio non è stato registrato “perchè contrario all’ordine pubblico”.

LATINA – Un ricorso al tribunale di Latina sarà depositato domani mattina dall’avvocato Alessandro Mariani che rappresenta Antonio Garullo e Mario Ottocento, la coppia omosessuale di Latina sposata all’Aja e alla quale il certificato di matrimonio non è stato registrato “perchè contrario – secondo l’ufficiale di Stato civile di Latina – all’ordine pubblico”.

I due si sono sposati l’1 giugno del 2002 a l’Aja. La prima coppia gay italiana unita in matrimonio, seppur all’estero, aveva chiesto al comune di Latina – dove sono iscritti nello stesso stato di famiglia come conviventi – di trascrivere l’atto di matrimonio ma la possibilità gli è stata negata nell’ottobre scorso. Il comune ha, infatti, posto il quesito al ministero dell’Interno e il Viminale ha replicato che “l’atto non è trascrivibile perchè nel nostro ordinamento non è previsto il matrimonio tra soggetti dello stesso sesso in quanto contrario all’ordine pubblico”. Inizialmente si era pensato a un ricorso al Tar, ora si rivolgeranno al tribunale civile per chiedere “la semplice trascrizione di un atto dovuto”.

Ti suggeriamo anche  Riccione, due mamme contro il comune per il riconoscimento dei figli
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni