A NATALE, DITELO CON UN LIBRO

Pagine gay sotto l’albero: per la mamma e per il parroco, per chi sa ma non vuol sapere, per chi fa finta di essere indeciso, per quel bel tipo che volete conquistare, per il vostro amato partner…

Un libro per Natale. Ma che sia gay. Serve, eccome, regalarlo. Potrebbe essere il modo per far capire agli altri (la mamma, l’amico etero, il capufficio, l’ex compagno di scuola) che

essere gay non è proprio come pensano. O per far decidere quel ragazzo che si fa un sacco di problemi e fatica ad accettarsi. Può essere una dichiarazione d’amore al partner oppure, se siete single, un modo per conquistare quel ragazzo che vi piace tanto, ma a cui non avete il coraggio di dichiararvi…

Insomma: la cultura apre la mente, e babbo Natale sa quanto ce ne sia ancora bisogno, nonostante i progressi fatti. Dunque, regalate un libro. Anche agli amici, ai parenti, per dire loro il nostro affetto, e magari svelare un po’ di noi, se ancora non lo abbiamo fatto. Natale potrebbe servire anche a questo.

I CLASSICI. Due fra tutti.Il primo è Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde che Feltrinelli offre in un’edizione super economica a Lire 9 mila, con un’aggressiva e irriverente prefazione di Aldo Busi che esalta e valorizza quello che molti considerano il capolavoro del decadentismo, difendendolo da successivi "incauti prefatori".

L’altro è Maurice di Edward Morgan Forster che troverete fra Gli Elefanti di Garzanti a 19 mila lire: la storia dell’ingenuo ed intrigante giovane inglese che ha affascinato molte generazioni di lettori compreso il regista James Ivory che nel 1987 ne ha tratto il bellissimo film con un Rupert Everett nel pieno della sua fulgida gioventù. E se Dorian Gray farà colpo su chi ama Wilde ed è già un gay navigato, il Maurice di Forster è adattissimo per chi vuol fare un regalo romantico e far capire quanto po’ essere forte e bella la passione fra due ragazzi.

Fra i classici italiani possiamo citare

Gli occhiali d’oro di Giorgio Bassani, disponibile da Mondadori che ha recentemente incluso lo scrittore ferrarese nel Pantheon dei Meridiani.

Uno straordinario racconto nel quale sullo sfondo di tragedie collettive quali il fascismo e la guerra si affrontano i temi dell’esclusione e della diversità rappresentati dall’ebraismo e dall’omosessualità. Da regalare a chi crede che essere gay sia come farsi una passeggiata nel Corso.

Per i più intellettuali, i saggi di Pier Paolo Pasolini (e anche i suoi romanzi) sono pubblicati nei Meridiani Mondadori a 85mila lire, ma in offerta natalizia il prezzo dovrebbe scendere a 65mila. Passiamo a Pier Vittorio Tondelli, da tutti ormai considerato fra i grandi della nostra letteratura: i due recenti volumi di Opere, pubblicati da Bompiani potrebbero essere proprio un regalo di quelli che non si sbaglia: dalla mamma al proprio fidanzato, tutti si commuoveranno. Tondelli rappresenta la condizione omosessuale in modo moderno e obiettivo, sulla pagien ci sono le conquiste fatte e quelle da fare, tutte introiettate nelle intime storie tra il romantico e il tarsgressivo che hanno fatto di Tondelli il più amato della generazione gay tra gli Ottanta e i Novanta. Così, con poco meno di sessanta mila lire, regaleremo alcuni fra i romanzi più significativi degli ultimi vent’anni.

LA NARRATIVA. Prima di tutto l’Aldo Busi scrittore: quello degli esordi è senz’altro il migliore e il suo primo libro, Seminario della gioventù, ancora disponibile presso Mondadori, vi stupirà per intensità e qualità di scrittura. E per fare un dispetto alla mamma rompicoglioni, Busi ha da poco pubblicato il Manuale della perfetta mamma (Mondadori, L.23mila): ma attenzione, perché la vostra genitrice quando l’avrà letto non vi guarderà più in faccia, anche se poi capirà cosa avete voluto dirle…

Per quanto riguarda la narrativa italiana più recente, Feltrinelli ci offre la nuova edizione ampliata e rigorosamente economica (a Lire 13 mila) di Ragazzi che amano ragazzi di Piergiorgio Paterlini, un libro che racconta con garbo e semplicità l’infanzia e l’adolescenza di giovani omosessuali. Alessandro Golinelli è invece indicato per i lettori dal palato più forte: il suo romanzo di esordio che racconta la prostituzione maschile, Basta che paghino, è stato appena ristampato da Il Saggiatore. La lista dei libri stranieri potrebbe essere lunghissima. Anche in questo caso due nomi. Fra i romanzieri è da segnalare Michael Cunningham, il primo scrittore dichiaratamente gay che col libro The hours incentrato su Virginia Woolf ha vinto nel 1999 il prestigioso premio americano Pulitzer per la narrativa (in Italia il libro è ora disponibile da Bompiani col titolo Le ore).

E Cunningham ha pubblicato da poco il suo nuovo romanzo Carne e sangue, sempre per Bompiani: pare sia ancora più bello del precedente e si annuncia come il caso letterario dl 2001. E per restare fra le novità editoriali dobbiamo assolutamente segnalare la ristampa in edizione economica del primo e del terzo romanzo della trilogia autobiografica del grande Edmund White: Baldini & Castoldi propone a 14 mila lire Il giovane americano e La sinfonia dell’addio, per qualche tempo introvabile sugli scaffali delle librerie.

Leggi   La Juta dei Femminielli: il miracolo della Madonna che salvò due omosessuali dalla morte

LA SAGGISTICA. Fra la saggistica italiana, due titoli da non perdere. Il primo è assolutamente perfetto da regalare ai propri insegnanti, ai colleghi professori, a quella bigotta che insegna lettere e si scandalizza al solo nominare Pasolini: Francesco Gnerre, nel suo libro L’eroe negato (Baldini&castoldi) ripercorre la storia della letteratura italiana del Novecento e dimostra che non solo Pasolini, ma anche Saba, Palazzeschi e Gadda erano gay, più o meno velati. Il secondo saggio racconta la storia del movimento di liberazione omosessuale: si intitola Il movimento gay in Italia e l’ha scritto il giornalista Gianni Rossi Barilli (Feltrinelli, lire 13 mila): da regalare a quei gay che non hanno mai fatto autocritica, e a chi ancora non sa che i gay non vivono solo di Gucci e Prada. Per la saggistica straniera, se il libro di Marco Politi sul prete gay, La confessione, (perché non regalarlo al vostro parroco…?) ha suscitato la vostra curiosità sul mondo omosessuale del celibato, non perdetevi un libro del 1993 appena ristampato da Marsilio in edizione economica (Lire 10 mila): Può mai l’amore essere peccato?, l’indagine tuttora attualissima di un intelligente giornalista tedesco, Thomas Migge, che si può considerare coraggiosa e innovatrice.

Se invece avete deciso di trascorrere o far trascorrere le feste in tutta spensieratezza, la lettura più adatta sarà di certo il libro di Jaffe Cohen [e altri], Piccoli gay crescono (Feltrinelli, Lire 14 mila) il cui sottotitolo è: Per una beata educazione all’omosessualità felice. E’ un regalo ideale da fare ai colleghi di lavoro, o a quei genitori che ancora si dannano perché hanno scoperto che siete gay. Storceranno la bocca, ma poi cambieranno atteggiamento…

LA POESIA. Come non cominciare da Sandro Penna "il solo poeta italiano che abbia parlato a gola spiegata" come scrive Cesare Garboli? Con 28 mila lire Garzanti ci offre tutte le sue Poesie, un’occasione unica per leggere alcune fra le più belle liriche della nostra letteratura. Da regalare come prova d’amore al proprio partner, ideale anche per gli amici più cari. Per la poesia straniera, Stampa Alternativa ha pubblicato in questi giorni una selezione di versi tratti dai Complete works di Walt Whitman che ha intitolato La parola del corpo (Lire 16 mila). "Un letamaio di sensualità degradante e bestiale" secondo i puritani recensori dell’epoca, questi poemi del corpo e delle passioni ritrovate sono invece in Whitman quanto di più sano e innocente si possa immaginare: poesia da regalare a tutti.

di Alberto Bartolomeo

LEGGI ANCHE

Cultura

Disforia di genere e mondo T: metti alla prova le...

Verifica le tue conoscenze in materia!

di Eddie Fellino | 10 Febbraio 2019

Cultura

La Juta dei Femminielli: il miracolo della Madonna che salvò...

In ricordo dell'intercessione della Madonna di Montervergine, ogni anno viene organizzato un pellegrinaggio, chiamato appunto Juta dei femminielli.

di Alessandro Bovo | 9 Febbraio 2019

Cultura

Mia Martini e la discriminazione di una cantante a cui...

Una dedica a Mia Martini, colei che ha vissuto la discriminazione sulla sua pelle.

di Alessandro Bovo | 8 Febbraio 2019