Come fare soldi in tempo di crisi? Fate coming out

Parlate del week end con il vostro partner davanti alla macchina del caffè e niente doppi profili su Facebook. La soluzione alla crisi potrebbe essere la diversità. Ce lo spiega “aBBabusiness”.

Ci vuole un piccolo sforzo per addentrarsi nel linguaggio e nell’approccio di "aBBabusiness": lì per lì, a meno di non essere degli addetti ai lavori, è difficile capire che razza di oggetto sia

il libretto che abbiamo davanti. Una rivendicazione politica? Un breviario aziendal-comportamentale? Un pamphlet visionario sui futuri possibili della società e, di conseguenza, delle aziende? È sufficiente però fare il callo al linguaggio adottato dagli autori – un’insistita metafora pop, che aggrappandosi ai testi degli Abba e ad altre perle dell’immaginario musicale glbt suddivide i possibili approcci al mondo del lavoro in lato A, rigido e conservatore,  e lato B, fluido e progressista – per scoprire un testo che si colloca a metà strada tra la divulgazione per profani e il manuale pratico per chi è più addentro alle dinamiche economico-aziendali.

Ma innanzitutto gli autori: Giampaolo Colletti e Andrea Notarnicola. Due giovani figure professionali moderne, versatili consulenti in contesti economici e mediatici, che si sono posti il problema di collocare la questione dell’orientamento sessuale all’interno del contesto economico. Nella fattispecie, di un’economia in rapido cambiamento, ammaccata dalla recente crisi e in cerca di soluzioni alternative. Una di queste, suggeriscono, potrebbe essere quella di puntare sulla diversità. E sì, anche sulla diversità sessuale.

Avvalendosi di esperienze personali raccolte nel corso della loro traiettoria professionale nonché di una quantità di dati statistici, gli autori ci raccontano che la comunità glbt, forte della consapevolezza accumulata in anni di lotte e graduali riconoscimenti (più altrove che in Italia, va detto, anche se tra le righe si legge che le aziende realmente innovative sono molto più avanti della società che le ospita), si è fatta portatrice sempre più credibile di una serie di valori che potrebbero rivelarsi cruciali nella reinvenzione di una nuova economia umanistica. Perché attenzione: di questo si tratta. Fare soldi, e farli bene. E quali sarebbero questi valori? Innanzitutto l’apertura, la trasparenza nel mettere a tema la propria vita all’interno del contesto aziendale. Smettere quindi di nascondersi: raccontare il proprio weekend con il partner dello stesso sesso davanti alla macchinetta del caffè, portare sulla scrivania (luogo-simbolo del lavoratore moderno) il proprio vissuto in forma di fotografie e oggetti. Ma anche essere liberamente presenti nello strabordante mondo dei social network.

Ti suggeriamo anche  Nata Femmena, su Rai 3 il riscatto dei moderni femminielli napoletani - trailer

È ora di finirla – sembrano dire Colletti e Notarnicola – con i doppi profili Facebook per essere lasciati in pace dai colleghi in odore di omofobia. Rivendicare la propria presenza, oltretutto, è il primo passo per veicolare in azienda tante altre caratteristiche che in qualche modo, sempre a detta degli autori, caratterizzano spesso, per quanto non in modo esclusivo, molti lavoratori glbt: la cultura del coraggio nel portare avanti le proprie idee e la propria unicità, la leggerezza, la versatilità, l’inclinazione al viaggio, all’incontro e alla scoperta, l’intuito per le nuove tendenze, l’approccio personale, la capacità di ascoltare, allearsi con le differenze e creare sinergie ed energie. Quello che stiamo vivendo, dice il libro, potrebbe essere un tipping point, una svolta epocale, in grado di delineare un mondo nuovo a partire dalla sfera lavorativa. E un po’ viene da credergli, leggendo la storia di Maria (ex Mario) Siclari, un’assicuratrice e sindacalista italiana che ha preteso e ottenuto il rispetto della propria traiettoria di genere in una ricca e consolidata azienda del nordest.

Tutto questo vi interessa? Allora sappiate che il libro verrà presentato a Milano venerdì 19 marzo, alla Feltrinelli di Piazza Duomo. Con gli autori, Ivan Scalfarotto. Fate un salto.

Giampaolo Nicoletti, Andrea Notarnicola, "aBBabusiness"

Edizioni Libreria Croce, pp. 128, 15 euro

di Matteo Colombo