Coming out e outing: quale termine per uscire allo scoperto?

di

Prima di" uscire dall'armadio", sai quali sono i termini giusti da utilizzare?

Coming out e outing (Fonte: lgbtqnation.com)
CONDIVIDI
94 Condivisioni Facebook 94 Twitter Google WhatsApp
1551 2

Coming out e outing sono due termini che vengono utilizzati quando si decide di rendere pubblica la propria omosessualità (o un altro orientamento sessuale) volontariamente o involontariamente. Ma queste due parole hanno un significato molto diverso tra loro. E’ doveroso indicare la giusta definizione di coming out e outing, talvolta sconosciute dal mondo etero ma anche da parte di molti membri della comunità LGBTQ+.

Coming out e outing: la differenza

Se entrambi significano “uscire allo scoperto“, il coming out avviene quando è la persona interessata a dirlo ufficialmente. Potrebbe essere tramite un video sul proprio canale YouTube (come ha fatto ad esempio Willwoosh), ai propri amici o ai propri familiari in privato, o attraverso un post su Facebook. Il termine coming out veniva utilizzato in passato per indicare una giovane adolescente al suo debutto in società, solitamente al ballo delle debuttanti.

Coming out e outing (Fonte: arcigaygenova.it)
Coming out e outing (Fonte: arcigaygenova.it)

La definizione di outing è invece completamente diversa. Infatti, in questo caso l’orientamento sessuale non è reso pubblico dal diretto interessato, ma  viene “scoperto” da altre persone. Insomma, mentre il coming out è un atto volontario, l’outing non ha alcuna “autorizzazione” da parte della persona interessata, che per i più svariati motivi voleva tenere per sé il proprio orientamento.

Letteralmente, coming out significa uscire allo scoperto. Il termine completo sarebbe “coming out of the closet“, ovvero “uscire dall’armadio“, affrontare parenti e amici e liberarsi di un peso, dicendo di essere omosessuale.

Leggi   Test: sei pronto a fare coming out?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...