FABIO CANINO DA MARTE IN LIBRERIA

Dopo il successo di ‘Cronache marziane’, prima del Mardi Gras 2005, la nostra star ha scritto ‘Mai più senza – piccola enciclopedia del perfetto marziano’. Ce lo racconta lui stesso.

ROMA – E chi lo ferma più? Fabio Canino è ormai lanciatissimo. Dopo il successo inatteso e strepitoso di Cronache marziane, diventato un programma di culto per il popolo televisivo della notte, impegnato nella direzione artistica del Friendly Versilia Mardi Gras, uno degli eventi gay più attrattivi dell’estate, si permette anche il lusso di uscire nelle librerie con un libro, “Mai più senza – piccola enciclopedia del perfetto marziano”, che presenta in questi giorni in giro per l’Italia (sarà a Torre del Lago presso il Mamamia il 9 luglio alle 18.30 per la presentazione del libro, a Prato sempre il 9 luglio alla Festa dell’Unità alle ore 21.30 in un dibattito con Manconi, Freccero e altri, e a Firenze l’11 luglio alle ore 18.30 al Melbook Store intervistato da Costantino della Gheraredesca).

In tutti questi impegni fortunatamente riesce sempre a trovare il tempo per noi di Gay.it; pur avendo dovuto abbandonare la rubrica “lettere alla Jena” che da tanti anni teneva sulle nostre pagine, credo che siamo sempre un po’ nel suo cuore… Così, lo abbiamo intervistato.

Allora Fabio, un primo bilancio dell’esperienza a Cronache Marziane.

Bilancio più che positivo. Una sorta di favola. Non avrei mai immaginato tutto quello che sta succedendo. Sono veramente molto contento. Cronache mi ha dato la possibilità di essere me stesso e di fare quello che volevo. Non vedo l’ora che arrivi gennaio per ricominciare!!

Ti suggeriamo anche  Sanremo 2018: le pagelle marziane di Fabio Canino!

E questo libro? Che cosa ha a che fare con il tuo programma?

Eh il gioco sta proprio là. Quando si fa un programma cosiddetto di successo, ti propongono di tutto, e quindi anche un libro. Ma in questo caso è stata una meravigliosa coincidenza. Quando l’editore (Salani) mi propose di scrivere qualcosa, io avevo già delle ideuzze nel cassetto ma chiaramente non avevo detto niente a nessuno. Poi parlandone con lui ho capito che era proprio quello che cercava, qualcosa che avesse la stessa atmosfera del programma. Così è nato Mai più senza – piccola enciclopedia del perfetto marziano. Praticamente un manuale per essere o riconoscere chi è un marziano. Ma prima che tu faccia la domanda te lo spiego io chi è il marziano. E’ quella persona che si trova nel momento sbagliato nel luogo sbagliato. Colui o colei che spesso non si trova d’accordo con quello che sente dire, con il comun pensare, che spesso non si ritrova in quello che per tutti è routine, normalità. Quando ti senti dire che quello che fai o che quello che ti piace è inutile, superfluo e per te è fondamentale, ecco quello è un marziano! E con Mai più senza ci si riconosce, si ride, si scherza su quello che ci circonda, insomma un libro assolutamente estivo da spiaggia!

Ti suggeriamo anche  Dimitri Cocciuti: "Dopo un coming out disastroso ho scritto un romanzo"

Una curiosità: come è cambiato Cronache Marziane rispetto all’edizione spagnola?

Non granché. A parte il fatto che in Spagna i conduttori erano due e in Italia ci sono solo io. Poi chiaramente le diversità dei due Paesi sono riscontrabili anche nella tv che propongono.

E ora, cosa ti aspetta?

Sono diventato una trottola! Nel senso che sto girando l’Italia da nord a sud da est a ovest per fare serate, presentazioni del libro, conoscere le tante persone che seguivano Cronache Marziane e che mi vogliono conoscere. Poi a fine luglio inizio il Tim Tour nelle principali piazze d’Italia con star della musica italiana e internazionale. E poi non ci dimentichiamo il Mardì Gras a Torre del Lago che quest’anno ha un programma veramente eccezionale!