A Barcellona arriva Fetiches, una mostra ad alto tasso erotico

di

Una spettacolare collettiva sulla mascolinità e sul mondo LGBT.

CONDIVIDI
111 Condivisioni Facebook 111 Twitter Google WhatsApp
6054 0

Valid Foto presenta a Barcellona gli scatti di Stanley Stellar, Joana Biarnés e Chantal Regnault in una spettacolare collettiva sulla mascolinità e sul mondo LGBT.

Curve maschili, sguardi, un uomo “puppy” a quattro zampe: tutte queste scene hanno un comune denominatore: il fetish, inteso non come atto pratico, ma come addizione a qualcosa che stimola la fantasia e non solo.

Fetiches, questo il nome della mostra, è un viaggio attraverso la rappresentazione del corpo maschile e delle estensioni della sessualità. Ma non solo: è anche un territorio di ricerca, perché in molti casi è lo spettatore a dare un significato alle opere, e spesso totalmente diverso da quello che vuole comunicare il fotografo.

La serie delle palestre, per esempio, non è esplicitamente gay, ma è stata percepita come tale dal pubblico“: spiega Fernando Peracho, direttore della sala, mostrando le immagini in cui pugili e atleti degli anni ’30  si allenano, per arrivare agli scatti che immortalano gli atleti dei nostri giorni.

Tra gli autori spagnoli di Fetiches, Tony Catany, National Photography Prize nel 2001 e Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere in Francia che ha dedicato quattro anni della sua vita a ritrarre il nudo maschile in una serie intitolata Dreaming Gods. Gli scatti che si possono vedere a Barcellona sono tra i più belli di Fetiches: una schiena maschile in bianco e nero che sembra una scultura, oltre ad un rivenditore nudo immortalato senza testa e il ritratto dei primi anni ’90 di un giovane a Río Caribe, in Venezuela, uno dei pochi scatti a colori della mostra.

Leggi   Fetish help line risponde alle domande che non hai mai osato chiedere
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...