GAY A TEATRO? RIDETECI SOPRA

di

Fiumi di risate per "Bionda Fragola", di Mino Bellei, in scena dal 6 maggio al Sala Umberto di Roma. Storia di una coppia di maturi omosessuali alle prese...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1302 0

ROMA – Basta con la raffigurazione degli omosessuali giovani, intraprendenti e grandi consumatori di sesso. Prendiamo invece due maturi uomini, uno farmacista e l’altro bancario, che vivono una vita “assopita” e di moderata tolleranza, dopo trentacinque anni di convivenza. Anche se la cosa può sembrare “noiosa”, sappiate che davvero non lo è. Anzi. Proprio da questo contesto, nasceranno alcune delle scene più divertenti che abbiate mai visto in teatro.

Stiamo parlando della commedia Bionda Fragola di Mino Bellei (foto accanto), un classico del teatro comico che torna in scena con l’interpretazione e la regia dello stesso Mino Bellei e con Sergio Di Stefano e David Stef (foto sotto), dal 6 maggio 2003, al Teatro Sala Umberto di Roma.

La prima assoluta di questa commedia tenutasi il 5 ottobre 1979 fu immediatamente un grande successo. Ebbe 120 rappresentazioni nella capitale per poi iniziare un tour…praticamente senza fine. La commedia è andata, infatti, in scena in Grecia, Francia, Uruguay, Argentina. Tradotta in tedesco ed acquistata dalla Fischer & Fischer, quest’anno è tornata in scena ad Atene e Salonicco e stayer approdare anche a Rio de Janeiro.

Fino ad ora, in Italia, la commedia ha avuto 560 repliche in tre riprese. Alla fine di questo ultimo giro le rappresentazioni si avvicineranno alle 800. Per ora tra l’Italia e l’estero le repliche sono state circa 1.100.

BIONDA FRAGOLA narra la storia del farmacista (Domenico) e del suo fidanzato contabile. Il primo è quello che “dirige” la coppia, mentre il secondo va a traino, ma si adegua e sopporta le sopraffazioni del compagno. È come se i ruoli fossero stati distribuiti al meglio e le cose (sembra) debbano andare così in eterno.

Se non che… il più tranquillo dei due, Antonio, incontra a teatro un ballerino di scarsa abilità tersicorea (Adriano) con il quale, pur essendo il ragazzo giovanissimo, nasce qualcosa. Antonio decide di vivere fino in fondo questa esperienza ma il primo errore che fa è di parlarne a Domenico il quale furente, anche se fino a quel momento ha trattato il compagno alla stregua di un mobile, dice all’amico che non è in grado di gestire una cosa così particolare e “suggerisce” di portare il ragazzo lì, in casa, dove li aiuterà come potrà.

E Antonio ci casca. Porta lì il ragazzo, il quale prima riluttante e poi anche lui succube, cade vittima di tranelli e scherzi folli del farmacista. La situazione si fa sempre più difficile fino ad una rottura, una riconciliazione, un armistizio, una nuova guerra dichiarata, sino ad un finale assolutamente a sorpresa che lascia il pubblico esausto dal gran ridere.

Le scenografie sono di Pietro Pagani e i costumi di Patrizia Brunella. Lo spettacolo per questa stagione sarà in scena in esclusiva al Teatro Sala Umberto di Roma.

Dal 6 maggio al 1 giugno 2003

MINO BELLEI
SERGIO DI STEFANO
DAVID STEF
in

BIONDA FRAGOLA

Di MINO BELLEI

Produzione Rossella Falk
Scene Pietro Pagani
Costumi Patrizia Brunella
Movimenti coreografici Marco Vallarino

Orario Spettacoli:
dal martedì al sabato ore 21.00
domenica ore 17.30

Costo biglietti:
intero: platea 25 € – galleria 20 €
ridotto: platea 22 € – galleria 18 €
cral: mart. merc. giov. 12 €
prevendita 10%

Per informazioni: Botteghino Teatro Sala Umberto
Tel. 06.6794753

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...