HEDWIG: UN MITO DAL VIVO

E’ in scena a Roma il musical scritto da John Cameron Mitchell. Storia di una “diva con qualcosa in più” tra le gambe, forte della trasposizione in film, scatena gli entusiasmi.

ROMA – Rock musical, acclamato da più di sette anni come il nuovo Rocky Horror Picture Show, Hedwig And The Angry Inch sbarca dal vivo in Italia. Fino al 18 dicembre il musical sarà al Teatro Cometa Off di Roma, interpretato da Pier Luigi Misasi per la regia di Enrico Maria Lamanna.

Hedwig racconta la sua storia nel corso di un concerto rock dato in una cantina del West Village. Nato in quella che all’epoca era la Berlino Est, il nostro eroe – all’epoca chiamato Hansel – trova una fuggevole felicità con un soldato americano che gli propone una via di fuga attraverso un’operazione per cambiare sesso e il matrimonio. L’operazione riesce a metà, ma Hansel, ora chiamato Hedwig, si ritrova abbandonato/a in un parco roulottes del Kansas.

Hedwig trova consolazione nell’amore per Tommy Gnosis, un giovane rocker che diventerà una stella del rock, e che, mentre Hedwig ci racconta la sua storia, sta tenendo un grande concerto in uno stadio del New Jersey, proprio dall’altra parte del fiume. Di tanto in tanto Hedwig apre una porta sul retro in modo che tutti possono sentire lo show di Tommy e gli entusiastici applausi del suo pubblico. Tommy, nel corso dei suoi concerti, ci tiene a prendere le distanze da Hedwig, dopo essere stato colto in flagrante rapporto sessuale in macchina con lui.

Ti suggeriamo anche  DI-VI-NA, intervista a Riccardo Castagnari: "Chi divina nasce, anche se sbiadita, divina resta"

La storia, piena di sfumature, ed incentrata sulla ricerca di completezza sia sotto forma di qualcuno da amare che di una totale pienezza di sé, ha una vibrante partitura musicale.

Scritto da John Cameron Mitchell per se stesso, è per un attore-cantante una sensazionale opportunità di esibire la propria capacità e trae fonte di ispirazione dal Simposio di Platone.

Dopo il debutto avvenuto nel 1998 a New Jork lo spettacolo diviene immediatamente un fenomeno, non solo musicale, ma anche di costume, acclamato dal pubblico e osannato dalla critica, è stato rappresentato consecutivamente ad off-Broadway per oltre tre anni prima di essere ripreso dalla compagnia inglese Rose Tinted Productiones, che attraverso un tour internazionale ha contribuito a diffonderlo in gran parte del mondo.

Nel 2001 John Cameron Mitchell tramuta Hedwig in film raccogliendo lo stesso riconoscimento ottenuto dal musical.

Il film vince l’ Audience Award Dramma e come miglior regista al Sundance Film Festival, l’Orso d’Oro al Festival di Berlino, L’audience Award all’International Film Festival di San Francisco e come miglior attore al Seattle International Film Festival.

Nello spettacolo in cartellone a Roma, Hedwig è interpretato da Pier Luigi Misasi, che ha sulle spalle alcune importanti esperienze con i migliori registi teatrali, tra cui Giuseppe Patroni Griffi, Mario Ferrero, Luca De Fusco, Patrick Rossi Gastaldi, Giovanni Lombardo Radice, Claudio Insegno e in Cinema con Lina Wertmuller, Anna Brasi, Leandro Castellani, Antonio Monda,Vittorio Sindoni,Clive Donnel, Jerry London.

Ti suggeriamo anche  L'irriverente Drusilla Foer torna in teatro col suo recital Eleganzissima

Pur avendoci provato, non riesce a resistere alla meravigliosa anima di Hedwig, in quanto, come lui stesso dice, “l’attore è tutte le diversità, vive di diversità: l’attore è il diverso. Non ha sesso, ma li ha tutti, ha una testa gigante fatta di due teste con cui si guarda e guarda intorno cogliendo il Tutto, essendo uno con il Tutto. Hedwig è la perfetta metafora di tutto questo”.

Pier Luigi Misasi
in

Hedwig
Il Musical

di John Cameron Mitchell
musiche Stephen Trask
regia Enrico Maria Lamanna
direzione musicale Antonio Di Pofi
con Roberta Formilli, Yasemin Sannino, Furio Valitutti, Fabrizio Corso, Stefano Crudele, Emiliano Branda
Rock band dal vivo
luci Stefano Pirandello
scene Massimiliano Nocente
costumi Teresa Acone

TEATRO COMETA OFF ROMA – VIA LUCA DELLA ROBBIA 47 – tel 06.57284637
^SFino al 18 dicembre 2005^s

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Salotto Culturale.

di Alessandro Federici