Il sesso gay in scena a Bologna

Per la prima volta nel capoluogo emiliano “Macadamia Nut Brittle”, riflessione dolce/amara sulla sessualità omosex del duo terribile Ricci/Forte

Tre attori dalle straordinarie capacità atletiche e una attrice scatenata e irrefrenabile in scena per quasi un’ora e mezzo alternando monologhi scabrosi e duri scontri verbali, lotte violente ed esplorazioni corporali, amplessi al limite del romantico e orge di puro consumismo sessuale. Approda per la prima volta a Bologna Macadamia nut brittle lo spettacolo di cui sono autori Stefano Ricci e Gianni Forte (in foto), il duo terribile del nuovo teatro italiano. Uno show tutto incentrato sulla sessualità promiscua tipica di certo mondo gay, capace di suscitare risate ma anche di risultare disturbante per la crudezza e l’immediatezza comunicativa. Il pubblico bolognese potrà assistere da mercoledì 9 a venerdì 11 febbraio a Teatri di Vita alle performance di Anna Gualdo, Fabio Gomiero, Andrea Pizzalis e Giuseppe Sartori diretti dallo sguardo implacabile di Stefano Ricci che abbiamo intervistato per l’occasione.

Come mai una compagnia innovativa come la vostra non è mai stata a Bologna, che è un po’ la capitale di certa cultura teatrale di ricerca?

Credo che sia solo un caso. O forse un po’ c’è il fatto che l’Emilia Romagna, patria dei gruppi di ricerca teatrale, ha una volontà di guardarsi intorno che non va oltre i perimetri geografici dell’esperienze regionali. O forse semplicemente la reputazione che ci precede, legata a una serie di aggettivazioni un po’ superficiali e che ruotano intorno alla trasgressione, alla dissacrazione e alla violenza, può intimorire qualche operatore.

Mi sembra strano che questo possa intimorire Bologna, capitale italiana della comunità omosessuale…

Effettivamente noi avevamo provato a venire grazie ad alcuni contatti con Gender Bender negli anni passati, ma c’è sempre stato l’ostacolo di un fattore economico. Gender Bender, forse per i tagli alla cultura che condizionano molte rassegne, preferiva qualcuno dall’estero perché è più di richiamo oppure performance più piccole: noi come gruppo non siamo tantissimi ma quando ci muoviamo abbiamo dei costi che incidono più di una performance con un unico performer in scena.

Capisco. Comunque visto che approdate nella "capitale gay" italiana, vorrei parlare dell’origine dello spettacolo che rappresentate, Macadamia Nut Brittle, che a me è sembrato fortemente legato a un modo di vivere proprio del mondo gay…

Certamente. Il lavoro nasce infatti da una riflessione intorno al mondo di Dennis Cooper, dalla necessità di raccontare il suo universo senza voler però riferire le vicende dei suoi ragazzi losangelini. Quello che ci interessava in lui era l’indagine sui vuoti e sul sesso come possibilità riempitiva; il sesso in Copper è in grado da un lato di tappare falle esistenziali e dall’altro di procrastinare l’entrata nel mondo adulto producendo una sorta di giovinezza eterna illusoria, e tutto questo è profondamente legato alla cultura omosessuale. Nello spettacolo vengono analizzate delle vicende che appartengono, almeno nei modi, al tipo di vita di un giovane gay di oggi, però poi profondamente se andiamo a sfrondare dai perimetri superficiali come gli incontri, la chat, il sesso reiterato, si racconta un disagio che esula da metodologie comportamentali e che è condivisibile anche da chi non vive un tipo di sessualità di questo genere. Infatti lo spettacolo viene compreso da un pubblico composto sia da persone che ripercorrono stili di vita vicini a quelli rappresentati sia da chi ne è invece molto lontano.

Sono curioso di sapere delle reazioni negative: in genere quando si descrivono alcuni stili di vita della comunità gay c’è sempre qualcuno che si risente e ha una reazione stizzita…

Ti suggeriamo anche  Russia, annullata la prima al Bolshoi: "Il balletto su Nureyev è propaganda omosessuale"

In effetti ci sono state, soprattutto da parte dei giovani gay, delle punte di irritazione dovute al fatto che alcuni di loro non riconoscono in questa ricerca incessante di sesso condotta attraverso le chat il vuoto che descriviamo noi. Probabilmente c’è una ipocrisia di fondo soprattutto nelle giovani generazioni che nascondono ed edulcorano tutto attraverso la ricerca del "principe azzurro", giustificando tutto; forse per loro un sano cinismo e una rappresentazione del reale scevra da qualsiasi infiocchettamento buonista può dare fastidio.

Mi racconti un po’ come nasce il duo Ricci/Forte?

Io e Gianni ci siamo incontrati in Accademia di Arte Drammatica, quindi abbiamo avuto una formazione classica. Poi abbiamo deciso insieme di collaborare nella scrittura, quindi componendo partiture drammaturgiche. Poi siamo partiti per gli States perché la formazione tradizionale stava stretta ad entrambi e questo disinteresse comune ha cementato il sodalizio artistico. A New York abbiamo fatto un incontro determinante con l’arte contemporanea; conoscendo questo settore e affinando le arti della drammaturgia verbale siamo tornati in Italia con le idee più chiare. Si è così formato questo gruppo con un’estetica che viaggia su binari paralleli: da una parte un’estetica che lascia poco spazio al minimale e a una descrizione sinottica della realtà. Avendo avuto la fortuna di lavorare per altri media come la televisione e il cinema, abbiamo preso teatralmente le distanze da un tipo di rappresentazione che neghi questi altri due fattori di comunicazione; nel nostro teatro abbiamo deciso di perseguire delle indagini che travalichino l’aspetto quotidiano del reale per andare ad indagare delle zone visionarie da un punto di vista estetico, ma che da un punto di vista verbale e personale possano rivelare qualcosa che va al di là della storia e che è profondamente radicato sottopelle. Il lavoro che facciamo con i performer è un lavoro di improvvisazione con cui andiamo a scavare in zone d’ombra private, in sinapsi che non vengono attivate perché profondamente dolorose; lì andiamo ad edificare delle architetture, delle strutture che in qualche modo siano condivisibili.

A Bologna presenterete anche un libro sullo spettacolo…

Ti suggeriamo anche  Alfredo Cohen, l’Abruzzo riabbraccia il suo artista omosessuale: documentario e intitolazione al teatro di Lanciano

Sì, è un libro che si chiama appunto Macadamia Nut Brittle e che contiene il testo integrale dello spettacolo più un apparato iconografico e un saggio introduttivo di Andrea Porcheddu che è un rappresentante della nuova generazione dei critici italiani che indaga attraverso Macadamia Nut Brittle qual è la nostra ricerca e in che punto della nostra parabola questo spettacolo si situa.

La settimana scorsa però voi avete debuttato con un nuovo spettacolo, Grimmless. Ce ne parli?

Già nel titolo è insita la sfida: siamo partiti dalle fiabe di Grimm ma facendo a modo nostro, cioè escludendo la figura di Grimm, prendendo solo la sua spudoratezza nel raccontare le fiabe per quello che sono, cioè con la violenza che le contraddistingue, senza i buonismi che poi Disney ha imposto a tutto il pianeta. Abbiamo cercato di comprendere dove fosse oggi la fiaba, la mistificazione, quale la realtà che ci propinano e soprattutto abbiamo indagato le continue morti, perché tutti i personaggi di Grimm muoiono in qualche modo per poi rinascere. Abbiamo cercato così di capire quali sono le varie morti alle quali siamo costretti a soccombere, le piccole morti dettate da frustrazioni, da chiusure di rapporti sentimentali, da insoddisfazioni, da crisi con familiari. Allora abbiamo cercato di capire se, come nelle fiabe, anche noi si potesse uscirne fuori con un nuovo sguardo, con la crescita. Abbiamo affrontato il bosco, inteso anche come Facebook, come unica possibilità di comunicazione filtrata che ti allontana dalla realtà delle cose. Questi sono i punti di indagine intorno ai quali ci siamo mossi per questo lavoro che forse più degli altri è profondamente radicato nell’intimità dei performer che sono in scena, perché le storie che raccontiamo in scena hanno echi di personaggi conosciuti come Biancaneve, la Bella addormentata nel bosco o Cenerentola, ma in questo caso vanno a svelare dei pezzetti di cuore tenuti in ombra fino ad oggi. In questa ricostruzione fiabesca fasulla – dichiarata puntualmente fasulla – questi pezzi di cuore brillano sotto la neve.

Visto che siamo su gay.it, vorrei chiederti una riflessione sulla realtà gay italiana. Che rapporto avete con l’attivismo gay o la comunità gay organizzata?

La nostra posizione è una posizione privilegiata ma anche un po’ falsata, vivendo in teatro e facendo un tipo di teatro che ti permette di vivere con tranquillità i tuoi desideri o la tua sessualità. Quindi il nostro entourage e la mia vita fatta dalle persone che lavorano con me e che frequento, sembrano una sorta di Disneyland dove chiunque ha la possibilità di vivere la vita che vuole. In realtà mi rendo conto che fuori da qui, nel mondo più concreto, ci sono numerose difficoltà, soprattutto nella città in cui viviamo, che è Roma, una città con dei livelli di arroganza e di superficialità che sfociano inevitabilmente in una violenza contro quello che apparentemente non è nel gregge. Uno dei ragazzi con cui abbiamo lavorato nel mese scorso ad una performance che abbiamo fatto a Roma è stato aggredito in uno dei numerosi incidenti di cui leggiamo sui giornali e che però finché non ti colpiscono direttamente rimangono solo sui giornali. In realtà la cosa nuova è stato il tipo di reazione che ha avuto il ragazzo, che è quella di protestare, di indignarsi, di attivarsi: nell’attivazione c’è la chiave di volta. Io credo che la nostra libertà, che non è manifesto di niente, ma una possibilità di raccontare con assoluta schiettezza qualunque modalità sentimentale o sessuale o di natura intima, indipendentemente dai condizionamenti e dal deserto dilagante che ci circonda, forse è un mezzo di resistenza per continuare ad avere una voce. È difficile e capisco che noi siamo privilegiati, ma continuiamo a farlo. Non ti nascondo che può essere un problema anche per noi: il fatto che uno spettacolo come Macadamia Nut Brittle possa incutere timore perché ci sono dei ragazzi maschi che ondeggiano sui tacchi a spillo in un paese come questo nel 2011 vuol dire che abbiamo ancora tanta strada da fare.

Volevo infine chiederti cosa avete fatto in televisione, quale sia il vostro curriculum televisivo.

Sarò schietto il più possibile: in televisione ne abbiamo fatte tante, abbiamo fatto anche delle serie famose citate in ogni articolo su di noi. Quindi preferirei se fosse possibile emanciparmi da questa dimensione televisiva perché capisco che può essere attraente per qualcuno ma se demonizziamo e critichiamo un sistema poi non possiamo utilizzarlo e farlo diventare leva per una popolarità. Quindi perché dirti che ho vinto un Telegatto? Preferisco far parlare il nostro teatro.

Ti suggeriamo anche  Addio al coreografo Lindsay Kemp: lavorò con David Bowie e Kate Bush

9, 10, 11 febbraio 2011, ore 21

Teatri di Vita, via Emilia Ponente 485 Bologna

www.teatridivita.it

Macadamia Nut Brittle

di Ricci/Forte

con Anna Gualdo, Fabio Gomiero, Andrea Pizzalis, Giuseppe Sartori

movimenti scenici Marco Angelilli

regia Stefano Ricci

produzione Ricci/Forte in collaborazione con Garofano Verde_Benvenuti