IL TEATRO DEL SESSO VIRTUALE

A Firenze uno spettacolo sulle gay-chat

Al Teatro di Rifredi va in scena Helly, unospettacolo che ritrae il mondo virtuale delle chat, un fenomeno ormai dilagante che in molti casi si sostituisce ai tradizionali canali di comunicazione.

Massimo Stinco, autore e regista dello spettacolo, ha scritto il testo chattando notti intere nel web di gaytoscana, dove ha raccolto le storie dei tanti ragazzi che si avvicinano, si cercano, si incontrano nei territori della rete, traducendo il loro linguaggio in una drammaturgia teatrale. E dal popolo di gaytoscana stinco ha scelto anche comparse e figuranti dello spettacolo.

Helly (letteralmente Infernino) è il nome che i tre protagonisti dello spettacolo hanno dato al loro computer, la scatola magica che da’ vita ai loro sogni, alle loro ossessioni: il sesso, il desiderio di qualcuno che manca, il bisogno di colmare un assenza…

Helly troneggia al centro di una stanza asettica, bianca, glaciale, claustrofobica.

Tre ragazzi hanno inconsciamente deciso di chiudere col mondo e di comunicare solo virtualmente. Brian, Lorenzo e Davis comunicano soprattutto con se stessi e con i loro sogni, o attraverso i loro sogni. Comunicano con entità ignote o quasi partorite dall’utero oceanico di internet, forse frutto di bisogni e fantasie personali.

I tre giovani “amici”, quasi anime senza corpo, forse malati, forse emarginati, forse semplicemente “diversi”, hanno difficoltà a REAL-izzare la comunicazione, a umanizzare, a rendere fisicamente tangibili e visibili le creature emanate dalla “scatola magica” di Helly, il loro computer al quale hanno dato (a “lui” sì) un nome. Helly è per loro l’unica fonte di comunicazione.

E diventa per loro una vera ossessione.

Brian, Lorenzo e Davis amano sognare e sono dei grandi sognatori. Non vogliono scendere dal sogno ma anzi continuare a navigare in esso. Anche le loro attività (reali?) hanno a che fare in qualche modo col sogno essendo tutti artisti e innamorati del cinema e della musica.

La drammaturgia di Helly è minimalista, a tratti anche volutamente vuota e banale, e i dialoghi quasi non esistono essendo in realtà percorsi individuali che fanno fatica ad incontrarsi. L’intenzione è quella di creare un effetto: le parole passano, si incontrano appena, si sfiorano a volte, si scontrano e vanno. In Helly la parola è quasi soprattutto “letta” e non ascoltata.

Il pubblico assiste a vere e proprie “chattate” (comunicazioni via internet) gigantesche.

E’ un teatro giovane, moderno, attuale, psichedelico, d’immagine, di suoni, musiche, ma anche poetico a tratti, struggente.

Teatro Di Rifredi – Pupi E Fresedde, Via Vittorio Emanuele, 303 – 50134 Firenze, tel. 055.422.03.61/2 – fax 055.422.14.53

Da giovedì 5 a sabato 7 aprile ore 21.00

MBA PRODUZIONI – MM Teatro presentano in prima nazionale uno spettacolo di Massimo Stinco

HELLY – virus oniricoSSESSivo

con Andrea Belelli – Marco Faccenda – Moris Verdiani

www.toscanateatro.it; e-mail: staff@toscanateatro.it

di Christian Panicucci

LEGGI ANCHE

Cultura

Alfredo Cohen, l’Abruzzo riabbraccia il suo artista omosessuale: documentario e...

Artista, pedagogista e intellettuale, la figura di Alfredo Cohen in un documentario e nell'intitolazione del foyer del Teatro di Lanciano.

di Davide Bombini | 15 Dicembre 2018

Storie

Addio al coreografo Lindsay Kemp: lavorò con David Bowie e...

Aveva 80 anni, è stato anche ballerino, regista e attore.

di Redazione | 25 Agosto 2018

Cultura

Abracadabra, la parola magica che mette in scena Mario Mieli

Cinque date a Milano per riscoprire uno dei padri (e madri) nobili più contestati e dimenticati del movimento LGBT italiano.

di Gianluca Pellizzoni | 4 Aprile 2018