Matthew Shepard: 20 anni fa la morte che ha segnato la storia LGBT+ americana

I due aggressori stanno ancora scontando la pena. Due ergastoli ciascuno senza possibilità di uscita per buona condotta.

Aveva solo 21 anni, quando venne rapinato, picchiato e torturato da due ragazzi coetanei. Il movente era chiaro: omofobia.

Matthew Shepard è nato il 1 dicembre 1976 a Casper, nel Wyoming. Il 7 ottobre 1998 conosce in un bar di Laramie due ragazzi, ai quali chiede un passaggio. Ma non avrebbe mai più rivisto la sua casa e i suoi familiari. Muore il 12 ottobre 1998 in un letto d’ospedale nel reparto di rianimazione, a causa delle ferite riportate dall’aggressione per opera dei due omofobi. Aveva 21 anni.

A 20 anni dalla sua morte, il ricordo di Matthew Shepard è ancora vivo nella mente dei suoi genitori e di coloro che hanno seguito la storia. E’ vivo nella storia della cultura LGBT+ americana.

Matthew aveva una grave ferita alla testa, riferirono i medici quando lo soccorsero, che andava dalla nuca fino all’orecchio destro. Un danno celebrale che impediva al corpo di regolare il battito, la respirazione e la temperatura corporea. Dozzine di lesioni erano poi sparse in tutto il corpo, in particolare sul collo, sul volto e alla testa. Il suo viso era totalmente ricoperto di sangue, ma questo non bastò. I due aggressori lo legarono a un palo, e lo lasciarono lì, ancora vivo.

Matthew Shepard

Dopo 18 ore, un ciclista lo notò per caso e chiamò i soccorsi. I medici non poterono far altro che ricoveralo in rianimazione, ma operarlo era fuori discussione. Non sarebbe servito. Alle 00:53 del 12 ottobre, il suo cuore smise di battere. Si trovava all’ospedale Poudre Valley a Fort Collins, in Colorado.

Ti suggeriamo anche  Messico, colpo di pistola a una coppia gay: "Ci stavamo solo tenendo per mano"

Il processo, l’arresto e gli effetti della morte di Matthew Shepard

La polizia, nel giro di poche settimane, arrestò i due responsabili: Aaron James McKinney e Russell Arthur Henderson. Gli agenti, durante una perquisizione, trovarono la carta di credito e le scarpe di Matthew, oltre a un’arma con tracce del sangue del ragazzo.

Nel processo, i legali dei due assassini cercarono di utilizzare la carta del panico gay, dettato da delle avances di Shepard nei loro confronti. Il panico gay è un’arma che solitamente usa la difesa, che prevede di attribuire agli accusati una temporanea infermità mentale e contemporaneamente colpevolizzare la vittima. Non ha mai funzionato. Nemmeno in questo caso. McKinney e Henderson vennero dichiarati colpevoli e la pena fu esemplare: 2 ergastoli per ognuno. Niente possibilità di uscita per buona condotta. La famiglia Shepard si oppose quando si iniziò a parlare di pena di morte. “Stiamo offrendo la sua vita in memoria di uno che non vive più” avevano affermato i genitori, Judy e Dennis.

La storia di Matthew e il processo fecero presto il giro di tutto il Paese, scatenando le reazioni delle associazioni LGBT+ da una parte, e quelle contrarie alla pena per i due aggressori, dall’altra. In particolare, il pastore Fred Phelps, della Chiesa Battista, si puntò a sostenere i due ragazzi. Cartelli e slogan omofobi durante i funerali e davanti al tribunale, di una cattiveria fuori ogni limite. Il giudice, naturalmente, non prese in considerazione il gruppo e confermò la pena.

Ti suggeriamo anche  Atene, dato alle fiamme il centro di controllo HIV del quartiere Monastiraki

Da parte della politica, il caso attirò anche l’attenzione dell’allora presidente Bill Clinton. L’inquilino della Casa Bianca tentò in quell’occasione (era il 1999) di estendere i reati per discriminazione sessuale in tutto lo Stato, ma i repubblicani riuscirono a bloccarlo. Ci riuscì 10 anni dopo Barack Obama, nel 2009.

Il presidente USA Barack Obama con Judy Shepard

Dagli Anni ’70 ai ’90, Matthew Sheppard è stata la 24esima vittima d’omofobia negli Stati Uniti. Rientra nel 56,7% di vittime aggredite per il proprio orientamento sessuale.