Premiata la storia di una confraternita universitaria gay

La storia studentesca The Initiation descrive le peripezie erotiche degli studenti gay che risiedono nel campus dell’Università di Horndale, il tipico college americano pieno di ragazzi sportivi.

La TLA VIDEO è il più grande distributore e rivenditore online di video e stampa gay degli USA. A partire da quest’anno ha deciso di indire un concorso che, tramite le votazioni online dei visitatori del suo sito, elegge i prodotti di maggior gradimento divisi in varie sezioni. In quella "Fumetti" il primo premio è andato al secondo numero di The Initiation, la serie omoerotica pubblicata dalla Class Comics di Patrick Fillion (e in Francia dalla H&O).

Questa serie, scritta da Robert Fraser e disegnata da Joseph Hawk, ha un’ambientazione squisitamente studentesca e descrive le peripezie erotiche degli studenti gay che risiedono nel campus dell’Università di Horndale, che a prima vista sembrerebbe il tipico college americano pieno di ragazzi bellocci e sportivi. In realtà, fin dalle prime pagine, si intuisce che le distrazioni non mancano, soprattutto per un ragazzo gay come il protagonista della storia, un biondino decisamente ben messo di nome Alex.

A quanto pare nel dormitorio maschile dove deve prendere posto, i ragazzi hanno una certa tendenza ad andare in giro senza niente addosso, e come se non bastasse il protagonista si ritrova in camera con un prestante latino americano di nome Dylan, gay come Alex, ma fedele al suo ragazzo Cole. Da parte sua Cole ha un concetto molto relativo di fedeltà: infatti fa parte della squadra di football dell’università, dove per tradizione chi perde durante gli allenamenti deve estrarre un giocatore a sorte destinato alla punizione del branco facendosi venire addosso da tutti i suoi compagni.

La carriera universitaria di Alex, però, non è molto brillante e così il professor Fenton lo fa affiancare da Bradley, uno studente molto dotato che però è ben deciso a farsi pagare in natura da Alex in cambio del tempo che gli dedica, ed Alex accetta di buon grado. Tuttavia, anche a causa del sesso consumato in biblioteca, i voti del protagonista non migliorano, e così Bradley e Dylan decidono di aiutarlo in maniera poco ortodossa: Bradley seduce Mr. Fenton e Alex si presenta nel suo studio nell’orario suggeritogli da Dylan, in modo da ritrovarsi coinvolto in un rapporto a tre che riesce a risollevare la sua media. In cambio Dylan chiede all’amico di accompagnarlo all confraternita gay Zeta Mega Phallus, la migliore del campus: ha appena lasciato Cole e non vuole partecipare ai riti di iniziazione da solo.

Zack, il capo della confraternita, fa subito capire alle matricole che dovranno vedersela con una lunga serie di riti di iniziazione sessuale, e solo i migliori e i più resistenti potranno entrare. Inutile dire che Dylan e Alex arrivano fino alla fine, scoprendo un notevole feeling e decidendo di rivedere la natura del loro rapporto. E questo è solo quello che accade nel primo numero della serie!

Il secondo, ambientato nell’anno scolastico successivo, è tutto incentrato sulle prove che vengono affidate ai membri della confraternita, e che consistono in una lunga serie di imbarazzanti prove di esibizionismo da effettuare nel campus, e che si risolvono frequentemente con degli orgasmi rigorosamente documentati con foto e video. Nel frattempo Dylan fraternizza anche con la squadra di nuoto, mentre Alex rimane vittima di un finto sequestro da parte di Bradley, dal quale viene salvato dal prestante Ethan. C’è una nuova storia d’amore all’orizzonte? In attesa di scoprire cosa accadrà nel terzo numero della serie vediamo che Dylan e Alex hanno superato la prova della doppia penetrazione e quindi potrebbero diventare i successori di Zack alla guida della Zeta Mega Phallus.

La storia è ben congeniata e il disegno è di qualità decisamente buona (impreziosito da una colorazione che lo valorizza, e dietro alla quale c’è lo zampino dello stesso Patrick Fillion). Se a questo aggiungiamo che la storia è incentrata sul mondo delle confraternite universitarie, dove effettivamente tutto è concesso e dove i risvolti omoerotici non sono poi così rari, non è difficile capire perché questo fumetto si sia guadagnato il primo posto al concorso indetto dalla TLA VIDEO.

D’altra parte le confraternite hanno sempre occupato un posto di rilievo nell’immaginario dei gay americani, ed è un peccato che i gay italiani non abbiano mai potuto fantasticare su qualcosa di simile. Per fortuna adesso possono farsene un’idea grazie a fumetti come The Initiation oltre alle tonnellate di foto piccanti che circolano su internet e che provengono dagli archivi delle numerosissime confraternite americane di ieri e di oggi.

di Valeriano Elfodiluce