Pronti per il teatro? Al ‘Libero’, la rassegna gay

di

Per il secondo anno di seguito, in programmazione una serie di rappresentazioni sulle tematiche omosessuali. E il nome lo scegliete voi.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
954 0

Era nato come un esperimento del Teatro Libero di Milano, ed è diventato un appuntamento annuale, perché il successo è stato indiscutibile. E’ pronta, infatti la seconda edizione della rassegna di teatro omosessuale che quest’anno prevede otto spettacoli.

Un progetto che nasce da un desiderio civile e culturale di presentare i diversi aspetti dell’omosessualità, scegliendo come mezzo per farlo il palcoscenico e la pièce teatrale come immediato spunto di riflessione sulle variegate sfaccettature dell’essere gay e lesbica. Un approccio forse inconsueto ma quanto mai vivace e stimolante a testi e situazioni che prendono in esame le tensioni, i risvolti affettivi, le difficoltà e la condizione omosessuale alla luce dei più recenti modelli scenico-letterari. 

"Un’iniziativa che vuole essere una risposta concreta alla necessità di dare voce anche alle minoranze sociali con tutta la forza culturale che il teatro è in grado di offrire", dicono gli organizzatori della rassegna in programma dal 2 al 17 maggio al Teatro Libero.

Ma la seconda edizione ha anche na novità. Quest’anno, a scegliere il nome della rassegna, sarà il pubblico stesso, dando via libera alla propria fantasia e all’estro creativo. "Quello che serve davvero – dicono ancora gli organizzatori – è la capacità di sintetizzare un messaggio, passione per il teatro e occhio attento alle tematiche omosessuali. Il migliore diventerà il titolo ufficiale della rassegna". Il vincotore, oltre a vedere il nome da lui scelto sui manifesti della rassegna, riceverà dei biglietti omaggio per assistere agli spettacoli. Per partecipare basta andare sul sito del Libero e seguire le istruzioni. 

La rappresentazione che apre la rassegna il 2 maggio, scleta insieme agli altri che compongono il cartellone dopo una lunga selezione, si intitola ‘Sempre così carine’, prodotta da Margherita film. Tra gli altri titoli, alcuni lasciano già intuire la tematica trattata, come ‘Turbamenti notturni’ in programmazione il 4 e il 5 maggio, ‘Vestito piaccio, nudo convinco’ (14 e 15 maggio) e ‘Matrimoni diversi’ (8 e 9 maggio).

Leggi   Alfredo Cohen, l’Abruzzo riabbraccia il suo artista omosessuale: documentario e intitolazione al teatro di Lanciano
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...