SIATE SOLI, E PERFETTI

Aldo Busi e il "Manuale del perfetto single". Che svela tutte le miserie (e le falsità) della vita di coppia, e la forza eversiva, unica e molto scomoda (per gli altri) dello stare da soli.

Il perfetto single è colui che è da solo e non solo. C’è una grande differenza tra solitudine e solitarietà. Il prezzo che si paga per essere perfetti single è quello che si paga per affrontare sempre la verità: una specie di ostracismo dalla vita sociale basata sulla falsità dei rapporti di coppia, vere vampirizzazioni delle libertà altrui, quando si sta insieme per soddisfare bisogni che con il partner non hanno nulla a che fare. Chi legge il "Manuale del perfetto single" è avvertito: sanguinerà. A meno che non lo sbatta al muro o lo getti via, in un luogo dove difficilmente lo potrà ritrovare. Perché con i libri di Aldo Busi non c’è alternativa: o li butti dalla finestra o li tieni sul comodino tipo bibbia. Il percorso verso l’indipendenza passa anzitutto attraverso la scarnificazione di sé, di cui Busi è maestro: bisogna confessarsi le più scomode verità per evitare le trappole del rapporto di coppia e stare in piedi prima di tutto da soli, condizione necessaria per amare sul serio, ma solo quando sia il caso. I single descritti da Busi sono una necessità politica, non una condizione individuale.

Per questo il "Manuale del perfetto single", per chi vuol starlo a sentire, è un libro rivoluzionario, in grado di cambiare la prospettiva del rapporto col mondo. Dice Busi: "il single è’ il nuovo messia, colui che rinnoverà la società. Un arcangelo che non si ciba delle proiezioni indebite che chi è in coppia riversa sul partner. Non c’è rapporto tanto contronatura quanto la camicia di forza del rapporto di coppia soprattutto uomo-donna. I single sono una forza debordante che attraversa tutti i partiti, l’intero schieramento politico. Ma attenzione: è in corso la caccia alle streghe, c’è il rischio che mettano la tassa sul celibato".

Ti suggeriamo anche  Radclyffe Hall, la scrittrice che voleva essere un altro

Busi canta l’unicità eversiva del single, e la necessità di staccarsi dall’uomo o dalla donna dei sogni. E anche di pretendere dal partner. Il single perfetto non si lamenta mai di essere single: l’indipendenza suprema è libera dai ricatti affettivo-sessuali della vita di coppia, che potrebbe essere bella se l’amore esistesse davvero e non fosse una caccia di vampiri che svolazzano sopra i monolocali alla ricerca della preda da cui succhiare autostima, conferme e considerazione, per poi lasciarla spossata e vuota. Il brutto è che spesso, quasi sempre, i vampiri si attaccano l’un l’altro: ecco perché siamo circondati di coppie-simulacro, involucri vuoti di una finta passione che c’è stata e poi si è rivelata per quel che era.

ALDO BUSI
"Manuale del perfetto single"
Mondadori, pp.252, € 12,60

di Demetrio Fury