TDoR: la giornata internazionale per ricordare le vittime di transfobia

Secondo il TMM, nell’ultimo anno sono state 369 le persone transgender uccise.

Ogni anno, il 20 novembre è dedicato a tutte le persone transgender, vittime dell’odio transfobico.

Un odio che non si arresta, ma che aumenta di anno in anno, secondo i dati riportati. Il TDoR, il Transgender Day of Remembrance, è una commemorazione istituita il 20 novembre 1999 e da 19 anni viene celebrata in moltissime città di tutto il mondo, anche in Italia. A Roma, il TDoR commemora Andrea Olivero (una donna transessuale uccisa a bastonate a Roma Termini il 27 luglio 2013), con una manifestazione che dalla stazione Termini arriva alla Gay Street, in via San Giovanni in Laterano. A Torino, invece, viene organizzata ogni anno la Trans Freedom March. Quest’anno, si è tenuta sabato 17 novembre.

Il TDor e Rita Hester

Il TDoR è dedicato a Rita Hester, una donna transgender uccisa il 29 novembre 1998, a Boston. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, Rita Hester viene vista l’ultima volta uscire dal locale Jacques, assieme a due persone. Nel tardo pomeriggio dello stesso giorno, un vicino chiama la Polizia per dei rumori sospetti e quando gli agenti entrano nell’appartamento della donna la trovano in fin di vita, accoltellata. Morirà dopo pochi minuti.

Ma Rita morirà due volte: la prima per le ferite riportate, la seconda per come venne trattata dai giornali. Tutti i media parlarono di lei al maschile, tralasciando il suo essere transgender. Erano gli anni ’90, e la scarsa informazione portava a errori del genere molti giornalisti. Per tutti, quindi, era un uomo morto assassinato. Ai familiari e agli amici, rimase solo il ricordo di Rita. I responsabili non furono mai arrestati, ma le indagini supposero fossero stati dei conoscenti, in quanto non mancava nulla nell’appartamento e non c’erano indizi su un’eventuale colluttazione.

Le vittime di transfobia nel mondo

Il Trans Murder Monitoring (TMM) riporta le vittime di transfobia nel corso dell’ultimo anno. Dal 1 ottobre 2017 al 30 settembre 2018, gli omicidi di persone tran sono stati 369, con un aumento di 44 casi rispetto allo scorso anno. I dati fanno riflettere sull’odio manifestato, in particolare nei Paesi dove i casi superano il centinaio:

in Europa, le vittime sono 16, così suddivise:

L’85% delle vittime sono native americane o comunque persone di colore, e il 65% delle vittime europee erano migranti. Nella magior parte dei casi, il movente riconducibile all’odio transfobico viene posto in secondo piano, dando precedenza per un’eventuale accusa al razzismo, sessismo, xenofobia o altre discriminazioni.

LEGGI ANCHE

Sport

Martina Navratilova di nuovo contro le atlete trans: ‘è una...

L'ex campionessa di tennis torna a sferrare un durissimo attacco alle atlete e alla comunità transgender. Riesplode la polemica.

di Federico Boni | 18 Febbraio 2019

Storie

7 cose da non fare con una persona trans

Se non sapete come comportarvi davanti a delle persone transgender, vi diamo qualche consiglio.

di Eddie Fellino | 16 Febbraio 2019

Donne

Tutele transgender, esistono anche per le persone che non potranno...

Abbiamo chiesto all’avvocato Giovanni Guercio quali strade percorrere per una tutela giuridica da parte di una persona transgender.

di Eddie Fellino | 18 Gennaio 2019