Torino è rainbow con l’Internazionale d’arte lgbt

Si svolgerà in occasione del 25° Togay la IV edizione dell’Internazionale d’Arte LGBT, primo evento dedicato alle arti visive queer. Il tema di quest’anno è il travalicamento del concetto di genere.

È stata presentata la quarta edizione dell’Internazionale d’Arte LGBT che si svolgerà in occasione del 25° Torino LGBT Film Festival (15 – 22 aprile 2010).

Si tratta del primo evento tematico dedicato unicamente alle arti visive a tematica queer ed è stata realizzato dall’Associazione Koinè in collaborazione con la Fondazione Artèvision ed AV Art Gallerie, il contributo della Regione Piemonte e il patrocinio di Arcigay. L’Internazionale nasce con l’intento di dar vita a un evento artistico che permetta di scoprire nuovi talenti da tutto il mondo, promuovendo la maturazione di una coscienza civile e di sensibilizzazione nei confronti dell’universo LGBT quale parte integrante della società contemporanea, indipendentemente dalla fascia economica e sociale.

Nell’edizione 2009 sono emersi artisti quali Moxy Hart, Martha Cecilia Meza e i giovani Alessandro Capurso e Walter Rossignolo.

Il tema di quest’anno è lanciato dallo slogan: “Sono come sono”. L’intento è ‘disfare’ il concetto di genere alla ricerca di artisti che desiderino mettersi in discussione.

Gli organizzatori spiegano: “Perché i generi sono sempre e solo due? Perché tutto il resto eccede dalla norma? Gli uomini non sono tutte singolarità? Nel momento in cui si è costretti a rappresentarsi attraverso un ruolo di genere si è obbligati a rinunciare a tutto quel che fa di ognuno di noi un’identità; la società si crea delle ‘aspettative’ sul ruolo che tutti si augurano vederci recitare, pena il mancato riconoscimento sociale e in alcuni casi persino giuridico. Crediamo sia arrivato il momento di andare oltre gli stereotipi e i pregiudizi; lasciamo che l’arte ci racconti l’essenza di coloro che hanno avuto il coraggio ‘to be themselves’”.

Ti suggeriamo anche  Torino, la Diocesi attacca Chiara Appendino: 'sconcertati dalla registrazione di un neonato come «figlio» di due mamme'

Per partecipare è necessario inviare entro il 28 febbraio curriculum e portfolio a [email protected] specificando nell’oggetto "Internazionale d’arte LGBT_artista".