TRAVESTIMENTI IN DANZA

di

Dal Belgio con delirio, Babylonia kiss dei Woosh'ing Masch'ine in prima nazionale apre venerdì 17 ottobre la rassegna "Atti puri Danza impura" di Bologna.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1295 0

BOLOGNA – Il travestimento e il sogno, la danza e il teatro, l’illusione e l’isteria. E’ uno spettacolo dal fascino indiscreto quello che inaugura la stagione di danza di Teatri di Vita: Babylonia Kiss della compagnia Woosh’ing Mach’ine (Belgio), con la coreografia di Mauro Paccagnella e la partecipazione di Alessandro Bernardeschi, Didier Casamitjana e dello stesso Paccagnella, in scena da venerdi 17 a domenica 19 ottobre 2003 (ore 21.15; domenica ore 17.30 – a Teatri di Vita, via Emilia Ponente 485, Bologna; info: 051.566330, www.teatridivita.it).
“Gioco epico di inseguimenti, di blasfemie e seduzioni, dove l’uomo, la donna e la loro sessualità non sono che scivolamenti audaci di una stessa identità alla ricerca di un punto di riferimento”: è Babylonia Kiss, che ha debuttato in agosto al festival Bellone Brigittines di Bruxelles e che segna un punto di confine così frastagliato fra danza e teatro da rendere improprio perfino il termine di teatrodanza.
In scena, fra travestimenti e confessioni logorroiche, i due performers Alessandro Bernardeschi (alias Janet Marosca) e Mauro Paccagnella delirano – usando il corpo e la voce – con il languore acido delle dive decadenti che non ci sono più, calati in una Babilonia immaginaria dove le attrici dimenticate del cinema muto vanno a gustare la dolcezza di un paradiso meritato. Ma Babilonia non è più un paradiso, e così eccoci calati in un purgatorio di identità frantumate che ripetono gags e pas-de-deux, languori decadenti e isterie da favolose demodées. Il delirio, appunto!

Babylonia Kiss riporta a Bologna Woosh’ing Mach’ine, geniale ensemble portatore di un universo artistico ibrido e spiazzante, poetico e ironico, formato grazie all’apporto di diversi linguaggi. Dopo CyberBeans (premio coreografico SACD 1998, presentato tre anni fa a Teatri di Vita), il coreografo Mauro Paccagnella e il musicista Didier Casamitjana, affiancati dal danzatore Alessandro Bernardeschi, propongono ora un nuovo e imprevedibile tuffo nei sogni più segreti attraverso il progetto Dog-tricks, spazio di intreccio tra arti plastiche e performative, musica elettronica e videoarte, che qui arriva al suo esito più raffinato. Babylonia Kiss è la proiezione di un immaginario rimosso, una danza in contrappunto, un tango disperato fra due uomini sommersi da frammenti di memoria da Karl Marx a Patty Pravo, in bilico sui tacchi a spillo di un’identità multipla e al contempo unitaria, simboleggiata dalla divina Janet Marosca, alter ego di Bernardeschi, sfatta drag queen all’incrocio tra Gloria Swanson e Copi, voce incontrollabile della verità più intima e irriferibile dell’animo umano.
Mauro Paccagnella ha danzato negli spettacoli di autori come Flamand, Petronio, Borriello, Traoré, Mossoux-Bonté. Nel 1998 dà vita a Woosh’ing Mach’ine insieme a Didier Casamitjana, performer e compositore elettronico (attualmente collabora con il gruppo francese Art Zoyd, con i coreografi Gourfink e Pontiès e i registi Barbier e Braunschweig). Dopo aver danzato per artisti come Sosta Palmizi, Casiraghi, Decina, Diverrès, Alessandro Bernardeschi lavora attualmente anche con Caterina e Carlotta Sagna in Relazioni pubbliche (con lo stesso Paccagnella).
Lo spettacolo è realizzato grazie al sostegno di Ministero della Comunità francese del Belgio, Servizio della Danza; CGRI – Commissariat Général aux Relations Internationales de la Communauté française de Belgique, Service Culturel

Teatri di Vita
via Emilia Ponente 485, Bologna
tel: 051.566330
www.teatridivita.it
da venerdi 17 a domenica 19 ottobre 2003
ore 21.15; domenica ore 17.30
Babylonia Kiss
compagnia Woosh¹ing Mach¹ine (Belgio)
coreografia di Mauro Paccagnella
Alessandro Bernardeschi, Didier Casamitjana, Mauro Paccagnella
Spettacolo in prima nazionale realizzato in collaborazione con Ceramiche Marazzi.
Gli altri appuntamenti della rassegna:
calendario generale
7 e 8 novembre
TONO
compagnia Kinkaleri, progetto Kinkaleri
ore 21,15
14, 15 e 16 novembre
“MAYDAY. MAYDAY. May we help you?”
compagnia Artemis Danza/Monica Casadei, coreografia Monica Casadei
ore 21,15, domenica 17,30
28 e 29 novembre
Casio Tone
compagnia Silvia Real (Portogallo), coreografia Silvia Real e Sergio Pelagio
ore 21,15
12, 13 e 14 dicembre
progetto Gd’A
– evento installazione –
compagnia Anna Albertarelli, coreografia Anna Albertarelli
ore 21,15, domenica ore 17,30
19, 20 e 21 dicembre
Sirene
compagnia Aline Nari/Cristiano Fabbri, coreografia Aline Nari
ore 21,15, domenica ore 17,30

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...