Asessuali e cucina: il cibo per spiegare l’assesualità

Il sesso come il sambal: può piacere o non piacere.

Charis Loke è un’artista che si occupa di illustrazioni letterarie come lavoro. E ha trovato un ottimo modo per spiegare come vedono il sesso le persone asessuali.

Charis, in Malesia, lavora nel mondo dell’arte come illustratrice, appunto. E’ impegnata anche in progetti artistici e culturali e ha deciso di provare a spiegare l’assesualità a chi non comprende questa “etichetta” della comunità LGBT+, tanto sconosciuta o ignorata da non essere nemmeno inserita nella sigla, che al completo sarebbe LGBTQIA.

Ha individuato un modo originale per far capire chi sono gli asessuali e cos’è l’assesualità. Sono in molti, difatti, a non comprendere come una persona non provi l’istinto sessuale verso un altro individuo, uomo o donna che sia. Charis Loke ha puntato sulla cucina. O meglio, su un ingrediente molto particolare: il sambal. Questa è una salsa speziata e piccante indonesiana, a base di peperoncini macerati in aceto e insaporiti poi con del sale. E’ una delle più piccanti salse al mondo.

Il sesso come il sambal: può piacere o non piacere

Il concetto ideato da Charis Loke è molto semplice: il sambal è una salsa piccante e come tutti i cibi può piacere o meno. Così è il sesso. “Alcune persone vogliono sambal. Alcune persone non lo vogliono. Alcuni ne vogliono un po’ e altri ne vogliono molto. C’è un intero spettro di preferenze per sambal“. E conclude spiegando: “Alcune persone semplicemente non sentono affatto il desiderio di sambal“. Ovvero del sesso.

Ti suggeriamo anche  Sesso gay nei bagni pubblici: inaugura la mostra

La spiegazione non ha nessun base scientifica, naturalmente, ma spiega in modo semplice e conciso che come a una persona può aver provato il sambal, anche un asessuale potrebbe aver provato a far sesso. Ma molto semplicemente non ne sente più il bisogno, o perché non è piaciuto o perché non sente la necessità di ripetere l’esperienza. Il progetto è stato pubblicato su Queer Lapis, in cui l’illustratrice malesiana ha anche aggiunto dei disegni creati appositamente, per spiegare meglio il concetto. Qui il link per vedere tutte le illustrazioni.