Non solo mamme: ecco cosa accade quando i papà prendono il congedo

di

Padri alle prese con pappe, pannolini e pulizie della casa. Guardate come se la cavano.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4218 0

Ai genitori svedesi viene consentito di rimanere a casa con il bambino per 480 giorni ricevendo un assegno da parte dello Stato. Di questi, 60 giorni devono essere sfruttati dal padre, altrimenti vengono persi. Si tratta di una grande opportunità che però viene sfruttata solo da una minima parte di padri: solo il 12% di loro, si stima, condividono i giorni equamente con i partner.

Il fotografo Johan Bävman ha documentato alcuni di questi padri che hanno scelto di restare a casa: chi sono, perché lo fanno, come se la cavano nella quotidianità casalinga? Ve lo mostriamo in queste immagini.

Johan Ekengård, 38, sviluppatore prodotti a Sandvik

padri-congedo-figli-1

Johan Ekengård e la sua partner condividano il congedo parentale egualmente tra i loro figli Ebbe,7, Tyra, 5, e Stina, 1. Entrambi hanno preso nove mesi di congedo per ogni bambino.

“La perdita finanziaria per aver preso il congedo parentale vale ogni singola corona. Ho guadagnato la fiducia come un papà per i miei figli, comprensione per la mia partner, e legami più forti con i miei figli che, a mio avviso, sono importanti per la loro crescita.” – Johan Ekengård

Urban North, 32, consulente infrastrutture

padri-congedo-figli-2

Urban North è in congedo per 10 mesi con il figlio Holger.

“Mia moglie ed io cerchiamo di essere il più possibile uguali nella nostra vita quotidiana. Nostro figlio Holger era senza pannolino all’età di 4 mesi, qualcosa su cui entrambi abbiamo lavorato davvero duramente durante i primi mesi, e di cui sono molto orgoglioso oggi. La mia giornata consiste nel cucinare e giocare con mio figlio.” – Urban North

Loui Kuhlau, 28, artista

padri-congedo-figli-3

Loui Kuhlau è in congedo per un anno con il figlio Elling.

“Non c’è mai stata alcuna discussione su chi dovrebbe stare a casa con Elling. Era ovvio per il mio compagno e io che avremmo diviso congedo parentale egualmente. Se non avessi avuto l’opportunità di essere a casa con nostro figlio per quasi un anno, probabilmente non avrei saputo chi è come persona e quali fossero i suoi bisogni. Anche se si tratta di un lavoro a tempo pieno, ho difficoltà a capire il motivo per cui non vorresti essere a casa con il tuo bambino.” – Loui Kuhlau

Samad Kohigoltapeh, 32, ingegnere edile

padri-congedo-figli-4

Samad Kohigoltapeh è in congedo comune per i primi quattro mesi e, successivamente, trascorrerà sei mesi da solo con i suoi due gemelli Parisa e Leia, che sono nate una settimana fa.

“Quando si decide di mettere al mondo due nuovi individui bisogna anche assumersi la responsabilità di farli crescere per tutta la vita. Ho dovuto discutere con la mia partner per ottenere i miei mesi con i bambini, ma penso che sia importante per loro avere un presente padre presto nella loro vita.” – Samad Kohigoltapeh

Ola Larsson, 41, acquirente

padri-congedo-figli-5

Ola Larsson è attualmente in congedo con suo figlio Gustav per otto mesi.

“Lo Stato deve diventare migliore a fornire informazioni sui vantaggi che il congedo parentale offre ad entrambi i genitori. È un vero dono poter creare dei legami emotivi così forti con il suo bambino. Devi sperimentare il congedo parentale per capire che cosa ti perdi, prima di decidere di andare a lavorare.” – Ola Larsson

Tjeerd van Waijenburg, 34, sviluppatore di prodotti a Ikea

padri-congedo-figli-6

Tjeerd van Waijenburg è in congedo con il figlio Tim per 1 anno e 4 mesi.

“Nel mio lavoro all’Ikea mi incoraggiano a prendere tempo fuori per stare con Tim, che si sente bene. Sto considerando ridurre la mia settimana di lavoro al fine di trascorrere più tempo con lui durante i suoi primi anni. È un peccato che più papà non vedano i vantaggi del sistema egualitario promosso dallo stato svedese.” – Tjeerd van Waijenburg

Göran Sevelin, 27, studente

padri-congedo-figli-7

Göran Sevelin ha attualmente un permesso studio di dieci mesi per prendersi cura di sua figlia Liv.

“Il marsupio è un sostituto per la vicinanza tra madre e figlio durante l’allattamento. Penso che sia importante condividere la responsabilità di stare a casa con i propri bambini, anche se ci perdi finanziariamente. Abbiamo meno soldi perché io resto a casa, ma allo stesso tempo avrò più tempo per legare con mia figlia e questo è ciò che è più importante per il nostro futuro .” – Göran Sevelin

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...