I puppy: i cuccioli gay che si stanno diffondendo anche in Italia

Sono i “cuccioli” di solito mascherati da cani. Ma i puppy sono una tipologia che va oltre una maschera.

Tra le varie tipologie della comunità gay, ci sono anche i puppy.

I cuccioli, in italiano. Per quanto riguarda questa categoria, ci sono da fare delle distinzioni, vista la recente diffusione del genere in Italia, che ha creato una vera e proprio sotto-comunità. Come è accaduto per i bear, i puppy stanno iniziando pian piano a diffondersi anche nel nostro Paese, e hanno fatto il loro “debutto in società” durante i Pride più importanti, ovvero quelli di Roma, Milano e Napoli.

Ma partiamo dalla definizione: un puppy si può identificare come un ragazzo molto giovane – sotto i 30 anni – con delle caratteristiche che riconducono appunto a un cucciolo di cane. Occhi grandi e luminosi, giocherellone, con un’aria un po’ ingenua. Non deve seguire necessariamente la moda del momento. Non rientra assolutamente nella categoria dei bear, come invece potrebbero essere i chubby. Solitamente sono glabri, ma non ci sono regole in merito.

I puppy le maschere da cani

Nel mondo fetish, il puppy play ospita tutte quelle persone che amano indossare una maschera “canina”, ginocchiere, plug a forma di coda, collari e guinzagli. In Italia ci ancora pochi club che organizzano eventi per questa categoria, ma basta una semplice ricerca in rete per rendersi conto gli amanti del genere iniziano ad essere tanti. È importante sottolineare la differenza con i dogslave, un ruolo che può rientrare nella tipologia, ma non necessariamente.

Anziché un personaggio famoso rappresentante della categoria, dobbiamo citare Mr. Puppy 2018, ovvero Aaron. Icona della categoria, è un amante del puppy play italiano, scoperto dopo una relazione di 12 anni.

Ti suggeriamo anche  Test della settimana: Daddy, twink, muscle o bear. Qual è il tuo tipo?
Dalla pagina Fb ufficiale Mr.Puppy Italy 2018 – Aaron

Nel corso di un’intervista, Aaron ha spiegato che dopo questa storia monogama, importante e seria, si è ritrovato quasi discriminato dalla stessa comunità LGBT+, perché non abbastanza alto, bello, muscoloso. Indossando una maschera da cane ha potuto far uscire la sua parte più fantasiosa e giocosa, ha acquisito sicurezza e la forza di mostrarsi per quello che è veramente.

Cultura

Cos’è lo Shudō, l’amore omosex dei Samurai

In Giappone, lo shudō ha un'origine antichissima.

di Alessandro Bovo