Arcilesbica contro le donne trans: “La biologia conta”

“Essere donne biologiche è un’altra cosa”.

In molti sono rimasti scioccati nel vedere, sulla pagina Facebook di Arcilesbica nazionale, un’immagine decisamente inquietante – due labbra femminili cucite col filo di ferro – accompagnate da un titolo che non lascia dubbi: I am a woman. You are a Trans Woman. And that distinction matters (Io sono una donna. Tu sei una donna transessuale. E questa differenza conta).

La foto e il titolo sono il link ad articolo postato su Medium.com da una lesbica femminista il cui nickname è PolelifeandPussy. L’autrice si dichiara “arrabbiata” perché le donne transessuali vogliono mettere a tacere le differenza tra sé e le donne biologiche quando invece occorre distinguere donne cisgender da donne transessuali, perché, sempre secondo l’autrice, avere o meno un utero o un seno dalla nascita cambia la prospettiva del linguaggio e il repertorio delle esperienze.Secondo l’autrice dell’articolo inoltre chiedere oggi rispetto per questa differenza porta ad essere tacciate di transfobia. A PolelifeandPussy dà anche fastidio di essere costretta a condividere spazi – ad esempio i bagni nei locali pubblici – con donne transessuali che conservano ancora l’organo genitale maschile.

Una presa di posizione questa che Arcilesbica ha esibito con la condivisione dell’articolo che a molti è risultata inaccettabile, lontanissima dalla contemporaneità e dai temi sempre più centrali dell’inclusività e dell’intersezionalità della prospettiva e delle rivendicazioni.

Uno dei primi a segnalare il fatto e a prendere posizione in alcuni post su Facebook è stato il presidente di Arcigay Napoli Antonello Anteo Sannino:

Ti suggeriamo anche  Nigeria: nuovi arresti da parte delle autorità omofobe

“Arcilesbica morente sceglie di usare il linguaggio e il pensiero dei movimenti ultracattolici. Fondamentalismo puro! Qualcuna della dirigenza nazionale di Arcilesbica usa l’associazione per posizionarsi in qualche partito per le prossime elezioni politiche?”

“Questo integralismo di Arcilesbica è inaccettabile. Usare le parole e i pensieri dei movimenti ultracattolici è qualcosa di aberrante. Dopo la posizione terribile sulla GPA, ora l’attacco al mondo transessuale. Non decide Arcilesbica cosa significa essere donna, come non decide Arcilesbica sull’autodeterminazione delle donne, sul loro corpo e su quello delle persone transgender. Un balzo indietro di 40 anni, ma Arcilesbica esiste ancora?”

“Quattro gatte impongono a tutta Arcilesbica e alle donne lesbiche italiane una colossale figura di merda. Altro che femminismo, la loro prepotenza muscolare all’interno della stessa Arcilesbica e nel movimento lgbt* italiano rappresenta il peggio del maschilismo e delle logiche del potere maschile, altro che femminismo!”

7 commenti su “Arcilesbica contro le donne trans: “La biologia conta”

  1. Le donne sono già poco solidali tra loro… figuriamoci se una lebisca potrà mai essere solidale con chi è più femmina di lei.

    E poi mi chiedono perché sono frocio… tsè…

  2. Non è la prima volta che sento notizie del genere. L’unico motivo che mi viene in mente è che abbiano subìto abusi da piccole per rifiutare così prepotentemente il membro maschile.

  3. Non penso proprio che un post di una col nick name pussy-something rappresenti il pensiero delle lesbiche italiane. Neanche tutta Arcilesbica rappresenta anche solo lontanamente il pensiero delle lesbiche italiane come Arcigay non rappresenta e non ha mai rappresentato neanche minimamente il pensiero degli omosessuali italiani.

  4. Queste affermazioni sono di una banalità sconcertante. Ognuno è diverso a secondo delle proprie esperienze anche all’interno del proprio sesso basta però non pretendere una specie di bollino di qualità come il DOP delle mozzarelle o il pensare di valere qualcosa di più solo perchè si e nati biologicamente uomini o donne.

  5. Molte transessuali sono più femminili di certe lesbiche, forse è questo che ad alcune da fastidio.
    Comunque io ho notato un’altra cosa: alcune lesbiche sono misandriche, provano un odio irrazionale nei confronti del genere maschile. Al contrario non ho mai percepito da parte dei gay forme di repulsione nei confronti delle donne.

  6. Certo che deve essere bello avere tutto il vuoto che hai tu nella testa, maschio / femmina, bianco / nero, sei davvero una creaura semplice, oserei dire quasi un mollusco.
    PS: quando te ne vai da questo sito, maleducato ignorante e razzista che non sei altro?

Lascia un commento