LESBIAN PRIDE FESTIVAL

Confronti, progettazione e desiderio di essere protagoniste della nostra storia!

Bologna, Sasso Marconi, Marzabotto – 27 giugno/1 luglio 2001: FATTI LA STORIA! è un appuntamento ricco di confronti e progettazione, un Pride delle lesbiche in cui lo stare insieme, la ricerca della felicità, si uniscano al desiderio di essere protagoniste. Cultura, piacere, aggregazione, per la crescita della libertà femminile nello splendido scenario delle colline di Bologna, in un’area interamente dedicata, con ristorante, hotel, campeggio, parco, tennis, piscina.

Secondo le organizzatrici: "Piacere, per noi, è un’esperienza da moltiplicare perché la vita meriti di essere vissuta; Cultura, per noi, è scambio di un sapere che libera; Aggregazione, per noi, è incontro

di individualità che diventano collettività. Le destre tornate al governo cercheranno di farci sentire in pericolo per sospingerci di nuovo nell’invisibilità. FATTI LA STORIA è una prima risposta, un invito all’azione. Non ci basta un mondo a parte: vogliamo e otterremo la possibilità di vivere senza nasconderci".

Il LESBIAN PRIDE FESTIVAL unirà momenti di cultura ad altri ludici e di aggregazione: il programma propone workshop, cinema, corsi, presentazioni delle ultime uscite editoriali, ma anche discoteca, teatro, un sorprendente Pride-defilè e l’attesissimo party conclusivo, nella tradizione delle notti bolognesi.

L’anteprima sarà mercoledì 27 al Cassero con la conferenza stampa del LPF e l’aperitivo letterario di presentazione del libro "Da donna a donna" di Rita Rasom.

Giovedì 28, dopo il benvenuto a Sasso Marconi da parte delle autorità e dei vertici di Arcilesbica, si aprirà la tavola rotonda sul voto del 13 maggio, e prenderanno avvio il

seminario sul tema fare organizzazione ed il corso su corpo, musica e movimento. Nel pomeriggio anche il film "Aimèe & Jaguar", poi cena con musica dal vivo e serata con performance live "Onirical arts" e "Pride Festival Defilè".

Venerdì 29 cominceranno i corsi "Le lesbiche nel movimento delle donne" e "La voce e la sua espressività". Nel pomeriggio verrà presentata la rivista lesbica Towanda! e si svolgerà il seminario "Viaggio eroico nella letteratura lesbica". La serata sarà all’insegna del teatro, con alcune delle esponenti più note sulla scena nazionale: Sola e Luna, Angela Soldani, Spaventapassere.com e Eleonora Dall’Ovo.

Sabato 30 a Sasso Marconi si terrà il dibattito "Il pensiero materialista di Monique Wittig" e proseguiranno i corsi già cominciati, mentre a Bologna, aperta a tutti, avrà luogo la presentazione de "Le manifeste contra-sexuel", di Beatriz Preciado. Aperitivo con la lettura a più voci "L’una verso l’altra, parola di donne compagne di strada", prima della proiezione del film "Odio i saluti" di Julia Pietrangeli e del FESTIVAL NIGHT PARTY.

Domenica 1 luglio si chiuderà con il dibattito "La paura (della visibilità) mangia l’anima" e con il pranzo finale tutte insieme.

Ti suggeriamo anche  Rocketman in anteprima mondiale al Festival di Cannes

^SIl Programma dettagliato nell’altra pagina…^s^SProgramma Completo:^s

Mercoledì 27: Bologna, ore 18, aperitivo letterario sulla terrazza del Cassero – Egalia Ricerche e Cultura lesbica presenta il libro: "Da donna a donna" di Rita Rasom, amori e passioni di una donna che parla di donne. A seguire presentazione alla stampa del LESBIAN PRIDE FESTIVAL a cura di ArciLesbica Bologna.

Giovedì 28: Sasso Marconi, ore 10,00 presentazione dell’iniziativa, intervengono l’On. Titti De Simone, presidente dell’ArciLesbica Nazionale,

Francesca Dallabetta, presidente di ArciLesbica Bologna, saranno presenti:

Andrea De Maria, sindaco di Marzabotto, Marilena Fabbri, sindaco di Sasso Marconi, Paolo Bottoni, assessore al Bilancio della Provincia di Bologna, Lalla Golfarelli, presidente della Tavola delle Donne sulla Violenza, Silvia Bartolini, consigliera comunale; ^Sore 11,00^s "Analisi del voto del 13 Maggio", tavola rotonda con donne impegnate nei partiti e nell’associazionismo, moderatrice Antonia Ciavarella; ^Sore 12,00^s aperitivo; ^Sore 12,30^s buffet; ^Sore 14,30^s corso "Da corpo gioioso a gruppo fiducioso, tecniche di movimento e musica" conduce la bioterapeuta Gloria Fenzi; ^Sore 16,30^s seminario: fare organizzazione "Vademecum sulle attività pratiche di un’Associazione Lesbica" a cura di ArciLesbica; ^Sore 18,30^s film "Aimeè & Jaguar" tratto dal romanzo di Erika Fischer, presenta Christine Schmidt; ^Sore 21^s cena con musica dal vivo Chica’s Trio voce, chitarra e percussioni; ^Sore 23^s: Lesbian Pride Festival "Onirical Arcs" performance live; "PRIDE FESTIVAL DEFILE’" presenta Karlinga Michael…le modelle con orgoglio; ^Sore 1,00^s PRIDE DISCOTEQUE the fabolous Les.bo resident Dj’s_ D-Joy, Lisa, Magic Trippy.

Venerdì 29: Sasso Marconi, ore 10 corso "Le lesbiche nella storia del movimento delle donne" a cura di Lidia Cirillo; ^Sore 11^s corso sulla voce (I° parte – Sala Piccola), "La voce e la sua espressività, parlare in pubblico, cantare, recitare" seminario per acquisire una maggiore coscienza sull’uso della propria voce, conduce Sandra Passarello del Teatro della Voce di Bologna; ^Sore 13^s buffet; ^Sore 14,30^s corso sulla voce (II° parte); ^Sore 16,30^s "Presentazione della rivista lesbica Towanda", moderatrice Francesca Polo della redazione; ^Sore 18^s seminario "Viaggio eroico nella letteratura lesbica" a cura di Margherita Giacobino, introduce Anna Muraro; ^Sore 20^s cena con musical dal vivo DUO Cinzia & Debora, voce e chitarra; ^Sore 21^s teatro Sola e Luna in "Fermenti Saffici Vivi", Angela Soldani in "La BATONGHEIDE", Spaventapassera.com in "Spaventa le Passere", Eleonora Dall’Ovo in "Dita Lesbiche" e "Dialogo con Saffo" presenta la serata Alexandra Rubinstein, a seguire DISCOTEQUE, Lounge Music con dj D-JOY.

Sabato 30: ore 10 "Le manifeste contra-sexuel" Liana Borghi presenta Beatriz Preciado, presso Sala dello Zodiaco, BOLOGNA; ^Sore 10^s corso "Le lesbiche nella storia del movimento delle donne" a cura di Lidia Cirillo – 2° parte; ^Sore 12,30^s buffet; ^Sore 14,30^s dibattito "Il pensiero materialista di Monique Wittig" Liana Borghi persenta M. Hélène Bourcier; ^Sore 16.30^s "Le manifeste contra-sexuel" Liana Borghi presenta Beatriz Preciado presso Sala dello Zodiaco, BOLOGNA; ^Sore 18^s corso sulla voce (3° parte); ^Sore 19^s letture "L’una verso l’altra, parola di donne compagne di strada", lettura a più voci di testi proposti dal Gruppo di Lettura San Vitale; ^Sore 21^s cena con musica dal vivo, live music by Wilby; ^Sore 23^s film ^S"Odio i saluti"^s di Julia Pietrangeli, al termine incontro con la regista; ^Sore 24^s FESTIVAL NIGHT PARTY Dj Simona Giacobazzi.

Ti suggeriamo anche  Oscar 2019, dieci nomination per La Favorita e Roma, mentre Bohemian Rhapsody si ferma a cinque

Domenica 1: Sasso Marconi, ore 11 dibattito "La paura (della visibilità) mangia l’anima" a cura di Cristina Gramolini; ^Sore 14^s buffet; ^Sore 15^s ASSEMBLEA CONCLUSIVA E RINGRAZIAMENTI.

Programma Serata di Teatro Lesbico

Venerdì 29 giugno 2001:

^S"Fermenti saffici vivi"

di e con Sola e Luna – Vicenza^s

Il racconto di un’estate, di una vacanza attesa da tempo e della ricerca di un po’ di fermenti vivi dopo mesi di yoghurt insipido…

Sola&Luna, giovane e spigliata, scrive e inscena puro cabaret lesbico tagliente e frizzante. "Fermenti Saffici Vivi" è il suo primo lavoro.

^S"La batongheide"

di Elena Rossi

con Angela Soldani- Pisa^s

Poema epico in ottave a rima baciata, "La Batongheide" è una favola sui sempiterni dilemmi della coppia lesbica: fedeltà o infedeltà? Stabilità o instabilità? Nel poema si narra che 3500 anni fa l’ardita cavaliera Batonga era felicemente fidanzata con la bella Fatonza. Ma un bel giorno arriva la guastafeste di turno, nei panni della maga Katonza che, dopo un duello all’ultimo fendente, rapisce Fatonza e rinchiude in un sarcofago Batonga. Finalmente Batonga resuscita per narrarci la sua istruttiva storia…

Angela Soldani recita costantemente la sua vita e perciò fa l’attrice per forza o per diletto. Ha già interpretato "L’annuncio" di Elena Rossi che è stato replicato numerose volte dal 1996 al 1998 ed ora torna a calcare le scene con "La Batongheide".

^S"Le Dita Lesbiche"

di e con Eleonora Dall’Ovo – Milano^s

Le dita lesbiche prendono la parola e si raccontano rispondendo a tono agli scienziati della Berkeley University, autori di uno studio che sostiene che le dita delle lesbiche sono riconoscibili in quanto tali, perché più corte di quelle delle donne eterosessuali. Causa: una maggiore esposizione agli ormoni maschili subita nell’utero materno. Un gioco di ombre dove la lunghezza delle dita non conta, vale solo ciò che si desidera e si tocca.

Ti suggeriamo anche  Prima unione civile in carcere: Camilla e Adriana staranno in cella insieme

Eleonora Dall’Ovo, lesbiurga, drammaturga, regista per la cooperativa teatrale La Baracca di Monza scrive e autoproduce dal 1997 spettacoli lesbici come atto estetico di opposizione, in risposta alle politiche culturali correnti. Il teatro lesbico è per lei uno spazio pubblico attraverso cui entrare in relazione con le altre donne, con le loro idee, vite e fantasie, condividendo e costruendo insieme un parlare comune, un discorso al femminile, o megli femminista. Ha prodotto i seguenti spettacoli lesbici: Drag queen; L’indiscreto fascino dell’essere lesbica ovvero baciami 1997; Spiragli di Coppia 1998; Slegami 1999 e Dialogo con Saffo 1999 che presenterà anche nel corso di questa serata.

^SLe Spaventapassere.com

in "Spaventa le passere Donne alternative al centro dell’attenzione".^s

Attraverso una serie di monologhi e di demenzialoidi canzoni comiche Le Spaventapassere.com raccontano il mondo delle donne innamorate pazze di Lady Oscar. La prima fidanzata di nome Jessica, il coming out, Susanna l’amica gnocca, le canzoni rivisitate, le chicche e le checche, ed infine un esilarante documentario che racconta il mondo saffico, mettendo in ridicolo il mai ridicolizzato mondo di Saffo.

Lo spettacolo "Spaventa le passere" già collaudato in diversi locali torinesi e della Lombardia (vedi Recycle) è riuscito nell’intento di far ridere e divertire anche le più seriose.

Spaventapassere.com, ossia Silvia Bandini e Virginia Ballucco, sono amiche da sempre, nemmeno per una notte amanti, ma complici per tutta la vita. Classe ’72 e ’73, oggi si considerano esperte in Comunicazione e in cabaret. La prima, torinese, web master di successo, scrive testi comici anche per spettacoli teatrali. La seconda, veneta, giornalista pubblicista per caso, ma cabarettista per forza, lavora anche per tv e radio del Veneto. Insieme hanno scritto questo spettacolo alternativo.

Il LESBIAN PRIDE FESTIVAL ha il patrocinio di: Comune di Marzabotto, Comune di Sasso Marconi, Provincia di Bologna.

Si ringraziano: Associazione Orlando, donne D.S., Partito della Rifondazione Comunista, Federazione dei Verdi, CGIL Emilia Romagna, Arcigay il Cassero.

segreteria organizzativa

LESBIAN PRIDE FESTIVAL

e-mail: [email protected]

tel. 0349 5058132 o 0335 5326378

fax 051 279220

sito web: di jaguar