Scoprirsi lesbiche a 40 anni: il caso di Elizabeth Gilbert, l’autrice di Mangia prega ama

di

Le donne che si scoprono lesbiche avanti con gli anni - magari dopo lunghe relazioni, matrimoni e addirittura figli - sono un tema molto attuale.

CONDIVIDI
50 Condivisioni Facebook 50 Twitter Google WhatsApp
13292 0

Elizabeth Gilbert, autrice del best-seller del 2006 Mangia prega ama (da cui è stato tratto nel 2010 il film con Julia Roberts) ha confessato di aver lasciato il marito dopo essersi innamorata della sua migliore amica.

Sulla sua pagina Facebook la scrittrice ha raccontato con un post che ha ha fatto molto parlare di essersi innamorata della scrittrice di origine siriane Rayya Elias, nel momento in cui alla donna fu diagnosticato un cancro incurabile al pancreas. Sono stati tantissimi i messaggi dei fan che l’hanno ringraziata per il suo coraggio e per l’onestà. La morte, o la prospettiva della morte, ha il potere di far pulizia di tutto ciò che non è reale ha scritto Gilbert. Mi sono resa conto di non voler semplicemente bene a Rayya; io la amo. E non c’è più tempo per continuare a mentire“. I commenti sono stati decine di migliaia. Un utente ha scritto: “Sembra proprio che tu sia stata messa su questa Terra per essere il nostro faro incrollabile, la nostra guida. Sin da Mangia prega ama sei stata un’ispirazione”.

Le donne che si scoprono lesbiche avanti con gli anni – magari dopo lunghe relazioni, matrimoni e addirittura figli – sono diventate un tema di cui si parla sempre più spesso negli ultimi tempi. Cynthia Nixon – la Miranda di Sex and the City, ha avuto una relazione eterosessuale per 15 anni prima di innamorarsi di Christine Marinoni, mentre l’attrice Portia de Rossi è stata sposata con un uomo prima di sposare, nel 2008, Ellen DeGeneres.

ellen-degeneres-portia-de-rossi_980x571

Come ricordano esperti e attivisti, il tema delle donne che fanno coming out tardi si lega a una serie di questioni molto importanti . Le donne entrando in un periodo diverso della loro vita spesso esplorano la loro identità e la loro sessualità, anche perché inizia forse ad importargli di meno ciò che pensa di loro la gente e per questo si sentono più orgogliose di ciò che sono. Negli ultimi anni, la maggior apertura verso le differenze e i vari provvedimenti per la legalizzazione del matrimonio egualitario in molti paesi (almeno in Occidente) hanno certamente contribuito a dare alle donne adulte la sensazione di poter vivere la loro sessualità in un modo prima impensabile. Per quanto ancora molto resti da fare a livello di sensibilizzazione e pregiudizio, certamente non si può negare che in molti paesi Occidentali la situazione ora è molto meglio di com’era anni fa. Le nuove generazione, in più, sembrano particolarmente inclini a coltivare la fluidità di genere, rifiutando le etichette fisse.

Susie Orbach, dopo aver passato più di 30 anni con lo scrittore Joseph Schwartz, e aver avuto due figli con lui, ha deciso di sposare l’autrice di romanzi Jeanette Winterson e ha scritto sul The Guardian: “Stiamo finalmente iniziando a riconoscere che la sessualità non è qualcosa né di binario né di fisso. Amore, attrazione, affetto e sesso sono più stratificanti e interessanti di quel che ci era stato insegnato”.

Jan Gooding, presidentessa di Stonewall ha dichiarato che le donne che “cambiano” orientamento sessuale avanti con gli anni spesso tendono a non voler essere etichettate in alcun modo. La stessa Goolding è stata sposata per 16 anni e ha avuto due figli con prima di innamorarsi di una donna, ma dice di sentirsi tuttora molto protettiva nei confronti di suo marito e dei suoi figli. “Le persone fanno fatica a credere che io mi sia potuta innamorare di una donna di punto in bianco. Eppure è successo. E le persone non è che per forza vivano nascoste fino al coming out. Quest’idea che tutti si conoscano a fondo fa molto male ai percorsi individuali. Insomma è possibile, succede, che le cose cambino. Che una donna a un certo punto inizi ad amare le donne.

Il post di Gilbert – in cui ha semplicemente scritto: “La amo e lei mi ama” – ha avuto un grande effetto sulle lesbiche tardive. Come ha detto Andrea Hewitt del blog A Late Life Lesbian Story: “Molte delle donne che scoprono avanti con gli anni di amare un’altra donna si sentono dire “sei confusa, starai avendo una crisi di mezza età”, quindi per loro questa storia in qualche modo legittima la loro esperienza”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...