Egitto: appello per il 16enne condannato

Solo lui ha potuto opporsi alla sentenza che lo condanna a tre anni di lavori forzati: i 23 uomini condannati a pene da uno a cinque anni non potranno appellarsi.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

E’ stato presentato oggi un appello per il sedicenne egiziano che lo scorso mese è stato accusato di "atti osceni" e "immoralità sessuale". L’accusa di immoralità è un eufemismo per omosessualità, che è un tabù pur non essendo illegale in Egitto.

L’adolescente è stato arrestato insieme con 52 altri uomini – accusati tutti di "immoralità" – a una festa su un barcone sul Nilo nel maggio scorso. Solo a lui è stato concesso presentare un appello, a causa della sua età.

Il teenager ha ricevuto una condanna a tre anni di prigione con lavori forzati seguiti da tre anni di libertà vigilata.

Human Rights Watch ha sollecitato il governo egiziano a capovolgere la sentenza e liberare il ragazzo. Gli adulti sono stati processati separatamente davanti una corte di emergenza di sicurezza dello stato. Il 14 novembre, 23 uomini sono stati condannati a pene da uno a cinque anni di lavori forzati; 29 sono stati assolti. I condannati non possono presentare appello.

di Gay.com

Ti suggeriamo anche 

I giornali egiziani distorcono gli studi di Patrick Zaki: 'è gay, deve rimanere in carcere'

Omofobia

Legge contro l’Omotransfobia, il bellissimo discorso di Laura Boldrini alla Camera – video

"Ognuno deve essere libero di amare chi desidera senza per questo cadere vittima di odio e discriminazioni", ha rimarcato l'ex presidente della Camera.

di Federico Boni