Egitto: interrogazione di Titti De Simone

La deputata lesbica del Prc con il compagno di partito Ramon Mantovan hanno presentato un’interrogazione al Ministro degli Esteri in merito al processo a 52 egiziani accusati di omosessualità.

Titti De Simone e Ramon Mantovani, deputati del PRC hanno presentato martedì un’interrogazione al Ministro degli esteri, sul caso del processo ai 52 egiziani accusati di omosessualità, per sapere «quali iniziative intende intraprendere il governo italiano nei confronti del governo egiziano al fine di promuovere una iniziativa politico-diplomatica, in raccordo ad altri paesi europei, contro le palesi violazioni dei diritti civili ed umani a cui sono sottoposti i 51 cittadini egiziani, attualmente processati per la loro presunta omosessualità».

52 cittadini egiziani stanno subendo da diversi mesi un vero e proprio processo politico, in quanto accusati di avere partecipato ad una festa gay sulle sponde del fiume Nilo. La vicenda ha sollevato la mobilitazione di numerose organizzazioni per i diritti umani, di associazioni gay e lesbiche di tutto il mondo, e la preoccupazione di esponenti di spicco del parlamento europeo, all’indirizzo del ministero degli esteri del governo egiziano.

Anche in Italia, il movimento glbt si è mobilitato attraverso una petizione (che può essere sottoscritta anche su Gay.it) che chiede al governo italiano di intervenire presso il governo egiziano, contro le palesi violazioni dei diritti civili ed umani a cui sono sottoposti i cittadini egiziani attualmente processati per la loro presunta omosessualità.

Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo