Firenze: Arcigay incontra il candidato Martini

Una delegazione di esponenti della comunità gay e lesbica toscana ha incontrato stamani a Firenze Claudio Martini, candidato alla Presidenza della Regione per la lista Toscana Democratica.

FIRENZE – Una delegazione di esponenti della comunità gay e lesbica toscana, capeggiata dal presidente regionale di Arcigay, Alessio De Giorgi, ha incontrato stamani a Firenze Claudio Martini, candidato alla Presidenza della Regione per la lista Toscana Democratica.

La delegazione ha presentato al candidato Presidente una piattaforma-appello di “GLBTF per Claudio Martini”, con cui un gruppo di esponenti della comunità gay, lesbica, bisessuale, transessuale e friendly toscana – tra cui esponenti del movimento gay, giornalisti, imprenditori, artisti – ha deciso alle prossime elezioni regionali di sostenere Claudio Martini e di invitare al voto in tal senso la comunità gay e lesbica toscana.

Nella piattaforma, è prevista la piena applicazione della legge regionale contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, per cui i sottoscrittori chiedono al presidente di individuare nella struttura regionale un funzionario che possa seguirne l’applicazione nelle pieghe degli uffici regionali; la creazione di campagne di comunicazione regionali sull’omosessualità; inomosessualitàitive sul lavoro, per conoscere meglio i fenomeni di discriminazione; eventuali interventi legislativi regionali sulle coppie di fatto.

Il candidato Claudio Martini, prendendo atto le richieste avanzate e promettendo una risposta dettagliata a giorni, ha dichiarato: “Ho confermato l’impegno a difendere con convinzione la nostra legge davanti alla Corte Istituzionale, visto che consideriamo sbagliato e negativo il ricorso. Ho anche confermato il mio impegno a dare piena attuazione ai contenuti della legge e la volontà di assumere iniziative di informazione, monitoraggio ed organizzazione che la rendano effettiva su tutto il territorio toscano”.

Ti suggeriamo anche  La discriminazione tra i giovani: l'odio verso gay, ebrei e cinesi in Italia

Materiale promozionale del comitato per Claudio Martini sarà stampato e distribuito nei locali gay della regione.

Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni