Firenze: strisce pedonali Rainbow in S.M. Novella

A Firenze è stata realizzata in Piazza Santa Maria Novella, di fronte alla Chiesa, “Zebra” un’opera dell’artista croato Silvio Vujicic.

FIRENZE – A Firenze è stata realizzata in Piazza Santa Maria Novella, di fronte alla Chiesa, “Zebra” un’opera dell’artista croato Silvio Vujicic che consiste nella realizzazione di un percorso/attraversamento pedonale urbano fatto di strisce bianche e strisce colorate.

I sei diversi colori utilizzati, che vengono alternati alle strisce bianche, sono: celeste, verde, giallo, arancione, rosso e violetto. Questi colori rappresentano la bandiera arcobaleno, che è il simbolo internazionale del movimento gay, lesbico e transgender (oltre che la bandiera della pace) e simboleggiano le tante diversità culturali, anche legate all’orientamento sessuale, che compongono la società: una esplosione colorata di entusiasmo primaverile che celebra il diritto alla diversità, un percorso multicolore da attraversare a piedi negli ordinari spostamenti urbani.

Zebra è un’opera realizzata nell’ambito del Florence Queer Festival, festival internazionale di cinema, video e altre arti a tematica gay, lesbica e transgender, la cui terza edizione si è svolta a Firenze dal 14 al 26 maggio 2005, con il patrocinio di Comune di Firenze, Provincia di Firenze e Regione Toscana.

L’installazione di Zebra a Firenze è presentata dall’associazione Ireos insieme a Domina Hair and Style, in collaborazione con Eventi e il Queer Zagreb Festival, che per primo ha realizzato l’opera a Zagabria nel 2004.

Ti suggeriamo anche  Mikaël di Carl Theodor Dreyer, uno dei primi film gay della Storia rivive al Palazzo delle Esposizioni di Roma
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni