“L’omofobia è una scelta”: Bologna contro le discriminazioni

di

Tante le associazioni di Bologna che hanno contribuito. E anche i Comuni della provincia

Tante le associazioni di Bologna che hanno contribuito. E anche i Comuni della provincia"L'omofobia è una scelta": Bologna contro le discriminazioniFoto 1 - Tante le associazioni di Bologna che hanno contribuito. E anche i Comuni della provincia
\"L\
"L'omofobia è una scelta": Bologna contro le discriminazioniFoto 2 - Tante le associazioni di Bologna che hanno contribuito. E anche i Comuni della provincia
\"L\
"L'omofobia è una scelta": Bologna contro le discriminazioniFoto 3 - Tante le associazioni di Bologna che hanno contribuito. E anche i Comuni della provincia
\"L\
CONDIVIDI
289 Condivisioni Facebook 289 Twitter Google WhatsApp
4058 1

In occasione del 17 maggio, Giornata Internazionale contro l’Omo-Bi-Transfobia, 8 associazioni bolognesi (Eagle Nest – RED Bologna, ArciLesbica Bologna , BugsBologna, Bogasport, GAY LEX, MIT – Movimento Identità Transessuale, PLUS, Uni LGBTQ) si sono impegnate per realizzare una campagna di sensibilizzazione, che verrà riprodotta e affissa oltre che in città in 9 comuni della provincia (Argelato, Bologna, Budrio, Calderara di Reno, Castel Maggiore, Minerbio, Pianoro, Pieve di Cento, San Lazzaro di Savena) che grazie ai loro primi cittadini hanno deciso di collaborare per dare all’iniziativa la più ampia visibilità possibile.

“Essere gay, lesbica, trans non è una scelta: essere omofobi sì”: questo lo slogan, accompagnato da bellissime foto (che potete vedere nella gallery in alto). “Le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere in Italia avvengono ogni giorno, vista la totale assenza di una legislazione efficace e capace di contrastare efficacemente i crimini e le parole d’odio. Speriamo che il governo presto ottemperi all‘impegno preso alla fine dello scorso anno e che presto il nostro Paese possa così uscire da una realtà intrisa di omo-transfobia e violenza”: queste le parole nel comunicato stampa diffuso per la campagna.

Le tre immagini saranno riprodotte oltre che in stampa per i canali web e i social network, e anche noi vogliamo contribuire a farle arrivare più lontano possibile: la necessità di una legge contro l’omofobia è talmente urgente che non si può più rimandare, anche alla luce dei recenti fatti di cronaca. Gli ultimi hanno visto la tragica morte di un povero 18enne e una nuova aggressione nei confronti di uno degli inquilini del “condominio antigay” di Torino, oltre che di un ragazzino genovese.

Leggi   Coppia gay festeggia l'unione civile, minacciata di morte sui social dall'Islam radicale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...