5 risposte veloci su sesso, app per rimorchiare e HIV

Il sesso occasionale è un grande campo di sperimentazione e relazione che può essere vissuto in modo più o meno sicuro e consapevole. Ecco cinque questioni spinose.

Hai delle domande su come si rimorchia su internet, sesso bareback e HIV? Noi abbiamo le risposte.

Il sesso può essere assai complicato. Incontrare uomini, una croce o una delizia. Se poi ci si aggiunge l’HIV, può anche passarti la voglia di metterti in gioco. Ma incontrare, come qualsiasi sport, richiede pratica e alcuni tentativi prima di riuscire a trovare la via giusta. Per aiutarti a farti coraggio e finire finalmente nel letto di qualcuno, ecco 5 risposte veloci e sincere su alcune problematiche relative al sesso e a incontrare uomini sieropositivi.

1 – Nelle app per incontri si può scegliere se rivelare se si è HIV+ o no. Io non lo faccio. E’ mentire o essere prudenti?

Non importa se sei su una app di incontri, in un bar affollato, nel banco surgelati di Carrefour: il tuo status è privato e decidi tu quando e se rivelarlo. Molti preferiscono dirlo subito per proteggersi dall’investire emozioni inutilmente su persone sbagliate. Ma a prescindere da quello che fanno gli altri, il tuo status non è paragonabile a quanti centimetri hai o a cosa ti piace fare a letto. E’ una decisione tua se e quando dirlo a qualcuno, fintanto che non metti a rischio la salute dell’altro con comportamenti a rischio.

2 – Conosco qualcuno che è sieropositivo ma nelle app si descrive sieronegativo. Dovrei dire qualcosa?

Ti suggeriamo anche  PrEP, la Nuova Zelanda è pronta al finanziamento pubblico

Esistono molti gruppi di supporto per ragazzi sieropositivi . Vivere con l’HIV non è facile a livello sociale e frequentare qualcuno può essere devastante a livello psicologico. Non forzarlo e non esporlo a rischi inutili. Aiutalo nel suo percorso e ne uscirai una persona migliore.

3 – Se scrivo che sono HIV+ nel mio profilo, devo per forza parlarne prima di fare sesso con qualcuno ?

Mettere il tuo status HIV vicino a una tua foto sexy non è la stessa cosa di parlarne per fare sesso sicuro. Uno degli errori più frequenti delle persone con HIV è pensare che la propria salute non meriti di essere protetta. Ma lo merita. E la verità è che tu sei vulnerabile ad altri ceppi di HIV o di malattie a trasmissione sessuale. Per questo è sicuramente meglio parlarne. Parlarne accresce l’intimità psicologica e quello, oltre a un senso di tranquillità, non può che rendere migliore il sesso.

4 – Lui è sieropositivo e lo sono anche io. Lui vuole fare sesso senza preservativo. Per me è ok. Ma rischio qualcosa?

Quando si parla di sesso è importante ricordare che nulla è perfettamente sicuro. Per quanto riguarda l’HIV, se siete entrambi sotto farmaci e la vostra carica virale è non rilevabile, allora la vostra scelta è meno pericolosa di due persone il cui status è ignoto o hanno carica virale elevata. Ma siete entrambi sicuri di quello che dice l’altro? Il preservativo ha comunque il vantaggio di proteggervi da altre infezioni sessuali. Se invece siete una coppia, potrebbe essere una buona idea testarvi entrambi contemporaneamente prima di buttare via il preservativo. Perché la decisione finale è vostra e solo vostra, ma almeno arrivateci il più informati possibile.

Ti suggeriamo anche  PrEP: arriva una nuova terapia dalla durata di un anno

5 – Lui dice di essere HIV- ma il suo ultimo test è stato 3 anni fa e si dice scocciato dal mio voler usare il preservativo. Sbaglio?

Ripeti con me:“non è mai sbagliato proteggere te e la tua salute”. Chiunque ti faccia sentire a disagio o peggio in colpa per una decisione che riguarda la tua salute non merita il tuo tempo. Quando si tratta di sesso e protezione, tutto dipende dall’essere informato e realistici. Il sesso sicuro è intrigante tanto quanto quello bareback. Non devi mai chiedere scusa per il fatto di voler fare delle scelte intelligenti riguardo al sesso e all’HIV. Il ragazzo giusto capirà le tue scelte e le apprezzerà.

4 commenti su “5 risposte veloci su sesso, app per rimorchiare e HIV

  1. Premetto che ho una mia morale e il rimorchio lo uso solo se attaccato ad un trattore, quindi di app hot non ne ho mai usate se non per curiosità e disinstallate dopo 24h.
    Non so cosa si provi ad avere l’HIV per fortuna ma posso immaginare lo stigma sociale dei sieropositivi. Ma a questo punto chiedo… Dato che l’HIV deriva quasi totalmente da un comportamento a rischio, non riesco a concepire il fatto che esistano persone che nonostante tutto continuino ad avere una vita sessuale attiva e promiscua nonostante il contagio dilagante. Sul serio avere l’aids è diventato normale o accettabile dal punto di vista del sesso penetrativo? Perchè un sieronegativo dovrebbe rischiare un rapporto con un sieropositivo pur con tutte le precauzioni necessarie? Non farebbe meglio a passare oltre? Chi ha l’HIV non dovrebbe rassagnarsi ad avere un’attività sessuale più “mite”, magari intraprendendo una relazione stabile con qualcuno che si ama davvero?

        1. Ma no, dai. Era una vera e propria condanna negli anni 80, quando Reagan contribuì non poco a tenere tutto nascosto. Ma oggi, in un paese occidentale ovvio, è difficile che l’HIV porti a gravi conseguenze. Questo non vuol dire che si dovrebbe abbassare la guardia, perché anche solo una vittima è una vittima di troppo, ma ci sarebbe bisogno di cambiare concezione della cosa.

Lascia un commento