Al Teatro Belli arriva Vincent River di Philip Ridley

“La Sodoma e Gomorra di Shoreditch”. L’omofobia inglese torna al Teatro Belli con Vincent River, celebre opera teatrale a tematica queer di Philip Ridley, in cartellone dal 14 al 17 gennaio

Roma – Un ritorno particolarmente atteso. Dal 14 al 17 gennaio torna al Teatro Belli Vincent River, testo teatrale di Philip Ridley, diretto da Carlo Emilio Lerici, figlio del drammaturgo Roberto Lerici.

Il protagonist, Vincent, viene trovato morto nei bagni della vecchia stazione ferroviaria di Shoreditch alla periferia di Londra. Si tratta di un luogo tanto noto per gli incontri fra omosessuali da essere definito dagli abitanti della zona "la Sodoma e Gomorra del quartiere”.

Dopo la morte di Vincent, sua madre Anita si scontra con l’atteggiamento ostile del vicinato tanto da essere costretta a traslocare, ma si accorge che un ragazzo continua a seguirla. E’ Davey. E’ lui che ha trovato il corpo di Vincent e non riesce a cancellare dalla sua mente il volto del morto. Con lo scorrere del gin, Anita e Davey poco a poco vincono la diffidenza. I racconti si intrecciano in un vertiginoso susseguirsi di emozioni e ricordi che inevitabilmente finiscono per incrociarsi in un drammatico finale…

Già visto lo scorso anno al Teatro Belli nell’edizione numero 16 della rassegna Garofano Verde – scenari di teatro omosessuale, curata da Rodolfo di Giammarco, Vincent River torna a partire da questo 14 gennaio, fino al 17,  con protagonisti Francesca Bianco, attrice di lunga militanza sui palcoscenici italiani, e Michele Maganza, tra i giovani attori piu’ promettenti usciti dalla scuola di Genova, che curiosamente, nella vita, sono madre e figlio. Di Francesco Verdinelli le musiche,  di Giorgio Baldo le scenografie, mentre del figlio d’arte Carlo Emilio Lerici la regia.

Ti suggeriamo anche  Tutti Potenziali Bersagli, monumento dimenticato di Roma che ricorda l'omocausto

In Piazza Sant’Apollonia 11/a, a Trastevere, 14/17 gennaio 2010, Vincent River. Prezzi: Interi € 18,00 – Ridotti € 13,00

di Federico Boni