Spiagge bianche, natura incontaminata e vita notturna friendly: Bali mette tutti d’accordo

di

Che sia per un viaggio di piacere o per la luna di miele questo paradiso tropicale vi sorprenderà.

CONDIVIDI
47 Condivisioni Facebook 47 Twitter Google WhatsApp
11742 0

Lasciate alle spalle le festività di Pasqua e con l’odore della primavera  ormai alle porte è ora di pensare alla stagione più bella, quella dei matrimoni, delle vacanze e del mare. Se ancora non l’avete fatto vi consigliamo di prenotare le ferie seguendo i nostri consigli e quelli di Alejandro di Travel Out

La destinazione di cui vogliamo parlarvi è piena di fascino esotico, composta da innumerevoli isole paradisiache e dalla vita decisamente gay friendly. Parliamo dell’Indonesia e di Bali, anche detta l’isola degli Dei, un vero e proprio gioiello incastonato nell’Oceano Indiano.

Ciao Alejandro, per il mese di aprile ci proponi un viaggio alla scoperta dell’Indonesia e dell’isola di Bali; cos’hanno di speciale queste isole tropicali?

Innanzitutto è un luogo che non smette mai di stupire: le isole che compongono l’Indonesia ospitano svariati gruppi etnici, linguistici e religiosi; negli anni il Paese ha sviluppato un’identità condivisa basata su una lingua nazionale, una diversità etnica e un pluralismo religioso che rendono questo luogo pieno di fascino e cultura.

L’Isola di Bali è la meta che Travel Out propone per un viaggio di nozze gay, raccontaci di questo luogo

Nonostante il boom turistico degli ultimi anni, Bali ha mantenuto intatti la sua autenticità ed il suo fascino. Si tratta di un perfetto incontro tra natura, cultura e modernità e per molti aspetti è il gioiello più prezioso nell’arcipelago indonesiano. 

Qualche meta particolarmente significativa?

Sicuramente gli spettacolari templi: La cultura indu di questa antica isola si rispecchia nei luoghi mozzafiato che ospitano il Tempio di Tanahlot in riva al mare o il Petilan Pengerebongan. Se si è fortunati si può assistere anche alle numerose cerimonie balinesi che qui si svolgono periodicamente.

Il tempio di Tanah Lot

A chi consiglieresti questo viaggio?

Si tratta di mete adatte sia per una “semplice” vacanza che per un vero e proprio viaggio di nozze in quanto è una meta romantica, spirituale, dove sorgono antiche rovine e spiagge movimentate da una vita decisamente gay friendly. Per quanto riguarda i viaggi di nozze abbiamo dei contratti con alcune strutture che ci permettono di avere delle ottime tariffe dedicate.

Spiagge, mare e sole dunque; ma qualche idea per chi ama le escursioni in mezzo alla natura?

La bellezza di Bali è proprio questa: si tratta di un’isola così compatta che in poche ore si può passare dalla sabbia bianca allo spettacolare bordo di un vulcano attivo a 1500 metri sul livello del mare. Per chi ama la natura è una meta ideale in quanto il suo suolo vulcanico è molto fertile e gli abbondanti monsoni danno vita ad una natura lussureggiante e piena di colori. Per questo la stagione migliore per visitare Bali è proprio quello che va da maggio a ottobre.

E per la vita notturna cosa ci consigli?

Sicuramente la zona di Seminyak: è la più moderna del luogo e qui si concentra il fulcro del turismo gay con bar, locali, discoteche e serate a tema.

Leggi   Cuba, dopo l'addio dei Castro si avvicina il matrimonio egualitario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...