La favola del DJ gay. Da domenica In tour con Patti Smith

Dai locali gay agli States. La favola del DJ italiano che da domenica sarà in tour con Patti Smith. È bastato mandare alla cantante un semplice remix per far sì che si innamorasse della sua musica.

E’ una di quelle storie che sembrano inventate, ispirate alla scenggiatura di qualche film americano. E invece è tutto vero. Domenica Ivan Dal Monte, 30 anni di Padova, volerà alla volta di Chicago per aprire i concerti di una delle cantanti più famose e longeve del mondo: Patti Smith, passando così dai locali gay più famosi – Mamamia, Hub, Muccassassina, Trash and Chic – alla scena musicale internazionale.

Come si fa a conoscere Patti Smith?

E’ successo tutto in maniera del tuto naturale. Io sono un suo fan da sempre. Ho fatto un remix inspirato alle sue canzoni che ho spedito alla manager.

Tutto qui?

Tutto qui.

E poi che è successo?

In occasione di un suo concerto a Venezia lo scorso agosto mi è stato chiesto di andare dietro alle quinte per presentarmi. Ed è finita che ho aperto il concerto prima della sua esibizione.

A quanto pare le era piaciuto molto il tuo cd

Così sembra. Comunque quella sera non ci siamo nemmeno parlati. Il giorno dopo la manager mi ha chiesto di andare ad un incontro fra lei e le autorità del Comune di Venezia. In quella occasione c’è stata la svolta.

Cioè?

Si è mesa a scrivere su un pezzo di carta, lo ha ripiegato e me lo ha messo in tasca. Quando sono arrivato a casa l’ho aperto e sopra c’erano scritti il suo numero di cellulare e il suo indirizzo di casa di New York. Non potevo crederci.

Ti suggeriamo anche  Torre del Lago, flashmob al Mamamia per riavere la spiaggia gay -video

L’hai chiamata, immagino

Certo! È stato lì che mi ha chiesto di aprire alcune date del tour che farà in America e di fare un cd insieme a lei nel 2012

E’ come vincere alla lotteria

Volerò a Chicago domenica e per me inizierà un’avventura incredibile.

Ti mancherà la scena gay italiana?

Il tour non durerà molto. Sarò ben felice di tornare a suonare nei locali gay italiani.