Lorella Cuccarini al Sistina con Il Pianeta Proibito

Trasgressivo, provocatorio, futuristico e marchiato X-Factor. Si annuncia da ‘tutto esaurito’ il ritorno sul palcoscenico di Lorella Cuccarini, coreografata e diretta da Luca Tommassini

Roma – A pochi giorni dalle dichiarazioni rilasciate a Vanity Fair, su temi delicati come i matrimoni e le adozioni per i gay, Lorella Cuccarini chiama a raccolta il pubblico glbtiq della capitale, che da decenni la venera, in vista del debutto teatrale de Il Pianeta Proibito.

Diretto e coreografato da Luca Tommassini, lo spettacolo approderà al Teatro Sistina di Roma a partire dal prossimo 26 gennaio. Ci ritroveremo all’interno di un viaggio nel futuro, che inizia dal foyer del teatro, dove il genio di William Shakespeare incontra i miti del rock, con una versione assolutamente nuova ed originale de “Il Pianeta Proibito Rock musical” di Bob Carlton, del 1988, riadattato e diretto da Luca Tommassini, ballerino di Madonna e Michael Jackson, che ha unito un grande team creativo e un cast artistico d’eccezione: prima fra tutti Lorella Cuccarini, regina incontrastata del musical italiano, al suo atteso ritorno sulle scene, affiancata da Attilio Fontana, ex ‘ragazzo italiano’, in un’inedita versione rockabilly.

I due protagonisti saranno affiancati da Pietro Pignatelli e dai grandi talenti delle tre edizioni italiane di X Factor: Chiara Ranieri, Antonio Marino, Enrico Nordio, Francesca Ciampa e Ilaria Porceddu  Lo spettacolo sara’ arricchito dalla partecipazione virtuale di Morgan, Mara Maionchi e Francesco Facchinetti e dalla partecipazione amichevole di Rosanna Vaudetti.

Da Elvis Presley a Bjork, dai Beach Boys a Michael Jackson, da Jerry Lee Lewis a Coolio, dai Rolling Stones ai Prodigy, un eclettico mondo musicale riproposto in modo assolutamente originale grazie agli arrangiamenti di  Roberto Tucciarelli.

Ti suggeriamo anche  Milano è la capitale italiana dell'HIV: record di contagi

Innovative e sorprendenti anche le soluzioni sceniche, grazie alle proiezioni in 3D, per la prima volta utilizzate in uno spettacolo italiano, capaci di far irrompere nello spettacolo Morgan, che si materializzarà sul palco come una forza oscura del male cantando una versione da lui arrangiata appositamente per lo spettacolo di Sympathy for the Devil dei Rolling Stones, Mara Maionchi nelle vesti della prima donna presidente degli Stati Uniti e Francesco Facchinetti, moderno narratore shakespiriano, che come in Romeo + Giulietta di Baz Luhrmann, diventa giornalista delle news.

Il pubblico, passeggero indiretto di questa strana crociera, sarà chiamato ad intraprendere un viaggio a bordo di un’astronave ipertecnologica che viene risucchiata dal misterioso pianeta di Shakespiria.

L’astronave è condotta da Capitan Tempesta (Attilio Fontana), divertente comandante di un singolare equipaggio: Roxy (Francesca Ciampa),donna risoluta e suo fedele braccio destro, Maya (Ilaria Porceddu) svampita, sexy e civettuola, il mozzo Cookie (Antonio Marino), cuoco e rozzo factotum di servizio, e l’Ufficiale Scientifico (Chiara Ranieri), donna energica e femminista.

Creato dalla mente del folle scienziato Prospero (Pietro Pignatelli), Shakespiria è il luogo più romantico in assoluto, ispirato alle atmosfere del teatro dell’ottocento oltre che a Shakespeare, un posto che ritrova i tratti più poetici del passato. Il pianeta è abitato solo dallo scienziato Prospero, genio pazzo ignaro della potenza della propria invenzione, un tipo eccentrico, un po’ dott. Jekyll e Mr. Hyde, da sua figlia Miranda (Lorella Cuccarini), pura e innocente creatura cresciuta sola con il padre e da Ariel (Enrico Nordio) un robot, fedele servitore di Prospero. L’incontro fra questi due strani gruppi diventa l’occasione per intrecci d’amore, vendette e rivelazioni. 

Ti suggeriamo anche  Roma, chiedono il conto e sullo scontrino c'è scritto: 'Carbonara classica, no pecorino, sì froc*o'

Oltre alla regia e alle coreografie di Luca Tommassini, Il Pianeta Proibito mette in campo Carmelo Giammello, acclamato scenografo di Prosa e Opera, Valerio Tiberi, light designer, Francesca Schiavon, costumista, Jonathan Redavid, coreografo insieme a Tommassini, Clonwerk e IViMap, a cui è affidata la realizzazione dei contributi grafici e delle proiezioni  3D, Roberto Tucciarelli, direttore musicale e Gianluca Merolli, che ha curato la traduzione dei testi delle canzoni e che firma il tema originale del musical affidato alla voce di Lorella Cuccarini. 

Ispirato all’omonimo film cult del 1956 diretto da Wilcox, “Il Pianeta Proibito” di Bob Carlton nasce a Londra nel 1988 da un gruppo di teatro sperimentale, per poi essere trasferito, grazie al successo ottenuto, nel West End, dove rimane in scena fino al 1993. Per due anni di seguito vince il prestigioso “Oliver Award” come miglior musical, battendo un kolossal come “Miss Saigon” e ottiene un enorme successo nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in varie parti del mondo.

Oggi, gennaio 2010, arriva finalmente in Italia, con una versione tutta nuova ed ancor più contemoporanea. Al Teatro Sistina, dal 26 gennaio al 14 febbraio. Prezzi dai 19 ai 38 euro.

di Federico Boni