MArteLive spegne 10 candeline con un gran gala evento

10 anni di successi, di artisti fatti crescere e conoscere, da festeggiare questa sera al Palladium! Da Andrea Rivera ad Ulderico Pesce, tutti a cantare Happy Birthday al MArteLive

Roma – 10 anni di vita, oltre 20,000 giovani, studenti e non, coinvolti ogni anno, più di 2000 artisti presentati e lanciati ad ogni edizione, un network di locali più che raddoppiato, patrocini e partnership di diversa natura, il Classico Village come ‘casa’ nel 2001 e nel 2002, l’Alpheus dal 2003 ad oggi, nel 2006 e nel 2007 i primi passi per dare vita ad un’edizione  Nazionale, nel 2007 la nascita delle due edizioni di Bologna e ad Avellino, fino al boom del 2008, con 41 città coinvolte in 15 regioni; 93 locali; 8 spazi espositivi e ben 1.487 iscrizioni nelle sezioni a concorso che sono significati circa 5.000 artisti coinvolti nel progetto, sparsi tra Genova, Napoli, Cosenza, Bari, Milano e Bologna.

Numeri e voci di un fenomeno sociale e culturale nato nella capitale e capace di uscire dai confini laziali negli ultimi 24 mesi. MArteLive festeggia oggi 10 anni, di successi e di talenti, raccolti dall’anonimato e fatti conoscere, se non addirittura esplodere.

Per festeggiare dignitosamente il 10° compleanno, questa sera al Teatro Palladium, in Piazza Bartolomeo Romano 8, ci sarà un MArteLive Special, con gli artisti che hanno portato le migliori proposte emerse dalle precedenti edizioni assoluti protagonisti.

In apertura, dalle ore 20:00, il foyer del teatro accoglierà l’esposizione INmusica: linea e melodia, accordo e accostamento armonico di colori, dinamica musicale e del segno. Luca Morici, l’autore, esplora l’intimo rapporto tra musica e pittura. Alle 21 si entrerà nel vivo della serata. I reading letterari saranno animati dagli autori Claudio Renzi e Luca Latini. Il primo affronta sia la poesia che la narrativa con uno stile introspettivo e romantico integrato dalla comicità . Il secondo, sul palco con i suoi “Articoli Sparsi dal mondo, senza specificare quale" , è un poeta che presenta un genere particolare per il nostro tempo, quello epico, ma  dallo stile comico/surreale, che nelle sue parole “offre fino alla fine un sottile sapore amaro celato tra le trame dell’intreccio poetico-narrativo”.

Ti suggeriamo anche  Tutti Potenziali Bersagli, monumento dimenticato di Roma che ricorda l'omocausto

Per la musica saliranno sul palco i Soul Drivers, gruppo di ispirazone Brit-pop primo classificato nell’edizione scorsa, gli Underdog, una delle band rivelazione degli ultimi anni, miscela ritmica di sonorità jazzistiche e stili inusuali, ed Andrea Rivera, ormai volto conosciuto della terza rete. Il teatro sarà rappresentato da un nome d’eccezione come Ulderico Pesce, autore di quel genere definito teatro civile, accanto alla vincitrice della sezione Teatro 2009 Chiara Tomarelli, regista e interprete di Madonne di Beslan. Tratto da testimonianze raccolte a Beslan dalla giornalista Anna Politkovskaja l’anno dopo la tragedia, lo spettacolo si presenta come un nudo lavoro di resa di testimonianza e di riflessione aperta.

Per la danza si esibiranno la compagnia Nonna Danza, ancora un primo posto del 2009, e Silvia Ceccangeli con spezzoni degli spettacoli Breath – Un soffio di bellezza svelata contro tutti gli abiti galera che ti imprigionano fino a soffocarti ogni giorno di più – e Sunday Morning, la difficoltà, a volte l’impossibilità, di realizzare se stessi, vivere e viversi completamente in un’esistenza costretta come in un carcere.

Infine, troveranno posto sul palco anche le arti circensi con gli artisti Lucignolo e Michel Baguette. Artista poliedrico, Lucignolo vanta un lungo curriculum e tanto studio di moltieplic aspetti dell’arte circense, dalla clownerie pura al mimo, dal trapezio fino al cavo sospeso. Michel Baguette porterà invece sulla scena il palo cinese, capace di creare coreografie aeree e atmosfere da sogno.

Ti suggeriamo anche  Un week-end romano: i migliori hotel gay-friendly della Capitale

Ingresso 7 € – Ridotto con MArteCard 5 €, al Teatro Palladium in Piazza Bartolomeo Romano 8.

di Federico Boni