PrEP: svolta in Europa, via libera al farmaco che previene i contagi HIV

Saranno però i singoli stati a scegliere come adottarla, in base al potenziale ruolo di questo farmaco nel contesto dei sistemi sanitari . In Italia cosa succederà?

È ufficiale: arriva anche in Europa la PrEP, sigla per profilassi da pre-esposizione, il farmaco antiretrovirale che, se preso con regolarità e attenzione, può ridurre il rischio di contrarre l’HIV fino al 90% nei soggetti a rischio. La PrEP, lo ribadiamo, NON può e non deve sostituire il metodo di prevenzione di MST più diffuso e sicuro, il preservativo: è una possibilità per quelle persone che praticano sesso bareback (e negarlo sarebbe omertoso, poiché esistono) pur consapevoli dei grandi rischi che corrono di proteggersi. Ed è un’ulteriore sicurezza per coloro che utilizzano il preservativo e vogliono proteggersi ancor di più, o per il partner sano di una coppia sierodiscordante: la PrEP, con una corretta informazione e una valutazione caso per caso, potrebbe rappresentare davvero una rivoluzione.

A dare il via libera alla diffusione della PrEP è la Commissione per i Prodotti Medici ad uso umano (CHMP) della EMA, l’European Medical Agency: ora si attende la ratifica da parte della Commissione Europea. La Commissione ha basato la propria decisione su due studi che hanno mostrato una riduzione sostanziale del rischio di Hiv-1, quando Truvada (il farmaco in questione) viene utilizzato come ‘PrEP’. In uno di questi, lo studio iPREX, ha ridotto il rischio di infezione da HIV del 42% negli uomini sieronegativi o in donne transgender che hanno rapporti sessuali con uomini, gruppi considerati ad alto rischio di infezione da HIV. Nel secondo studio (realizzato da Partners PrEP) Truvada ha ridotto il rischio di infezione del 75% nei partner eterosessuali di uomini e donne sieropositive.

Ti suggeriamo anche  Arcigay e le polemiche sulla campagna Hiv/Aids

Una volta che sarà garantita l’estensione“, si legge nel comunicato dell’Ema, “ogni Stato membro potrà prendere una decisione sul prezzo e il rimborso basata sul potenziale ruolo di questo farmaco nel contesto dei sistemi sanitari nazionali“. Sta quindi ai singoli ministeri delle nazioni europee decidere se e in che modo adottare la PrEP, se includerla nel sistema sanitario nazionale o meno. La Gran Bretagna, prima di uscire dall’Europa, aveva già deciso di non includerla, rendendola di fatto a pagamento (LEGGI >). L’Italia come si comporterà? 

LEGGI ANCHE: La PrEP è la prossima frontiera dei diritti civili: ecco perché > >

prep

11 commenti su “PrEP: svolta in Europa, via libera al farmaco che previene i contagi HIV

  1. Il preservativo costa niente rispetto al costo del farmaco… e non ha effetti collaterali (a meno che non si sia allergici al lattice, ma anche in questo caso basta prendere quelli lattex free). Il preservativo, in aggiunta, ti protegge anche da altre malattie. Quindi se vuoi fare sesso bareback sei liberissimo di farlo ma la PrEP te la paghi tu.

  2. che commenti stupidi. i preservativi si rompono, e quanta meno gente si infetta, meno gente la puó trasmettere e con il tempo diminuiscono i casi fino a scomparire, come con i vaccini, le medicine non sono care se non fosse per le patenti private che sono mafie corporative. é con quello che dovreste incazzarvi

    1. Commenti stupidi? Uhm… vediamo… qual è la probabilità che si rompa un preservativo? Qual è la probabilità non prendersi nessuna malattia con la PrEP (compresa l’HIV)? Quanto costa un preservativo? Quanto costa invece il farmaco per la PrEP? Se vuoi rispondere per favore cosi da alzare il livello della conversazione…

      1. La patente del TRUVADA scade tra sei mesi, quindi il prep sarà un farmaco generico, come l’iboprufeno.
        Per le domande statistiche che fai, google podrá darti tutte le risposte, é utto pubblicato divertiti.
        Al di la della comparativa prep vs condom pero sono piu importanti i dati che dimostrano che nei fatti, la gente non sempre usa il preservativo, per svariate ragioni. Quindi una profilassi di prevenzione sarà sempre più efficiente di un predicozzo sull’uso del preservativo, che nella pratica, non ha fermato l’epidemia di HIV. Quindi il risultato si puó migliorare.

        1. Grazie per la risposta.
          Tuttavia non ho bisogno di google per avere le risposte alle mie domande: ho accesso a fonti molto piu’ autorevoli sull’argomento. In ogni caso, se volevi fare tu il “predicozzo”, saresti stato molto piu’ efficace se avessi riportato anche i link a cui ti riferisci.
          Mi sembra che tu ti sia risposto da solo quando hai affermato che “la gente non sempre usa il preservativo”. E’ forse questo il motivo per cui l’epidema dell’HIV non si è fermata?
          Spiegami anche come faccio a sapere se la persona con cui intendo fare sesso occasionale è sotto PrEP o no… mi baso sulla fiducia? Gli faccio assumere la pastiglia in mia presenza? Il preservativo lo devi indossare nel momento in cui lo usi… quindi lo vedi.
          L’oggetto della discussione non è l’efficacia dei due rimedi, bensi’ la possibilità di far sostenere al Sistema Sanitario Nazionale il costo di un farmaco come Il Truvada rispetto ai rischi/benefici quando esiste già un rimedio. Aggiungo anche, ma sono sicuro che ne sei a conoscenza, che il Truvada non è un vaccino e puo’ avere effetti collaterali, non puo’ essere assunto da tutti indistintamente (vai su google…). Puoi dire lo stesso del preservativo?
          Fra sei mesi, quando il brevetto sarà scaduto, vedremo il prezzo del farmaco… ma temo che non essendo un farmaco da banco e con un bacino di utenza non di massa, il prezzo non sarà inferiore a quello di un preservativo. Magari la soluzione potrebbe essere quella di rimborsare anche il preservativo.

          1. allora, non so se sei di quelli che vanno con il papa a predicare l’astinenza in africa. La gente non usa sempre il preservativo, che ci piaccia o no, é cosí, é intelligente prenderne atto.
            il prep lo devi prender tu, non il tuo partner, per non infettarti.
            La gente siero positiva in trattamento con successo non é infettiva. -statisticamente 0% di infezioni-
            Il peso sulla spesa pubblica mi sembra un appiglio. Veramente vogliamo parlare della spesa pubblica iniziando col costo del Truvada?
            Mi sembra più un atteggiamento sanzionatorio sulle abitudini sessuali di certi il tuo che un discorso pratico.

          2. Cambia tono per favore, perchè è troppo aggressivo e maleducato… sei forse tu il papa che vuole predicare?
            Ognuno puo’ fare quello che meglio crede… sesso protetto, non protetto… quello che vuole. Non sono io quello che sanziona… ma se devo pure pagare per il comportamento altrui, voglio almeno poter dire la mia. Quello che intendevo era che se io non conosco il mio stato sierologico o sono positivo con carica virale alta (si, ci sono anche questi) come faccio a essere sicuro che il mio partner è sotto PrEP? Nessun appiglio. Sono molto critico anche sulle cure gratuite a chi fuma pur sapendo quali rischi corre.. a meno che non facciamo pagare un pacchetto di sigarette 20€ per coprire gli eventuali interventi sanitari… Ognuno è libero fare le scelte che ritiene piu’ opportune ma deve essere consapevole che per ogni scelta fatta ci sono delle conseguenze.

          3. Si chiaro, il castigo incombe sui peccatori. Se mangi elaborati con additivi sai che aumenti le possibilitá di avere tumori? Una dieta troppo ricca in carboidrati -cioé la dieta occidentale- aumenta esponenzialmente il rischio di diabete, malattie coronariche, ecc ecc. La sanità dovrebbe dire, ti piaceva bere tutti i giorni coca cola? Adesso pagati tu le iniezioni di insulina. O forse la priorità é castigare il libertinaggio sessuale?

          4. Penso di essere piu’ che chiaro. Sono responsabile di cio’ che dico, non lo sono affatto di come tu lo voglia intendere.
            Nessun castigo per il libertinaggio sessuale… anche perchè sarei io il primo a dover essere castigato.

            Come al solito se qualcosa è di tutti allora non è di nessuno. Se contribuissimo economicamente alla sanità proporzionalmente al rischio che corriamo nel nostro stile di vita (fumo, dieta etc etc) probabilmente staremmo piu’ attenti in quello che facciamo.

            Il preservativo è accessibile a tutti (supermercato, farmacia, online… gratis nei cruising). Non sono i preservativi a non essere efficaci… se lo usi, funziona. Cosi come la PrEP funziona solo se assunta rigorosamente secondo il protocollo medico. Sto parlando di alternative: perchè lo stato dovrebbe pagarti la PrEP quando puoi usare il preservativo? Non ti piace usarlo? Beh… sono cazzi tuoi.

            Capisci?

  3. Amici aiutano condividere con i tuoi amici non nascondere i tuoi probl? Em, Sono molto felice oggi !!! Ecco perché sto dando grande grazie a PROFETA MADANI. Ho
    sofferto da HIV / AIDS per gli ultimi sei (6) anni, ho speso un sacco
    di farmaci denaro ottenere dagli ospedali per tenermi in buona salute,
    ho provato tutto il possibile per farmi curare, ma mi aspettavo qualcosa
    ottenere qualsiasi soluzione! fino a quando ho deciso di provare la cura a base di erbe. Fu
    così che ho ottenuto in contatto con questo grande medico a base di
    erbe in una ricerca on-line, ho contattato e dopo che aveva amministrare
    la sua cura a base di erbe su di me, due (2) giorni dopo che voglio per
    un altro test. A
    Dio sia la gloria ho provato l’HIV / AIDS negativo, (io sono così
    felice di vedere il mio me l’HIV / AIDS negativo ancora una volta). Sono
    molto orgoglioso di esprimere la mia felicità attraverso questa
    piattaforma e per dire un grande grazie a PROFETA MADANI per
    ripristinare la mia vita torna alla normalità. È possibile MADANI così via contactPROPHET [email protected]
    se si sono infettati con il virus HIV / AIDS o che hanno problemi di
    salute o che hanno è il numero Mobil chiamata o WhatsApp lui
    2.348.138,624813 millions PROFETA MADANI possibile anche curare i
    seguenti MALATTIA:
    1.HIV/AIDS
    2.HERPES 1/2
    3.CANCER
    4.ALS (malattia di Lou Gehrig)
    5.Herpatitis B
    pancreatite 6.chronic
    7.Emphysema
    8.COPD (Chronic Obstructive Pulmonary Disease)
    9.asthma
    10.Acute glaucoma ad angolo chiuso
    11.Diabates
    12.CHRONIC PANCREATITE

Lascia un commento