Shakira, una lupa femminista con il senso dell’umorismo

Abbiamo incontrato la superstar colombiana e ascoltato in anteprima il nuovo “She Wolf”, tra metafore animali, solidarietà femminile e desiderio di libertà. Scoprendo un’icona gay a pieno titolo.

MILANO – È tanto caruccia e sorridente e cinguettante, Shakira, che, non appena si materializza al photo call sulla terrazza del Park Hyatt, il desiderio di ucciderla accumulato nell’ora e passa di ritardo – pare sia un’habituée – svanisce alla velocità dei panini al salmone con cui l’ufficio stampa ci ha tenuti a bada. Nell’attesa, oltre a sfondarci di carboidrati, abbiamo ascoltato un paio di volte “She Wolf” (il disco intero, per quanto a volume bassino e sorvegliati da un minaccioso cartonato della nostra, vedi foto). Che dire? Si fa ascoltare, è abbastanza divertente, tre tracce si ripetono sia in spagnolo che in inglese, un assaggio della versione latina prevista per il 2010, mentre quella globale è in uscita il 9 ottobre. Il singolo “She Wolf” funziona, ma questo lo sapevamo già. “Did It Again” la ricorda abbastanza da vicino. Per il resto, è sempre la nostra cara vecchia Shakira, con in più qualche piega orientaleggiante e addirittura gitana, un unico accenno technopop (“Man In This Town”, tra quelle che più ci piacciono), un episodio vagamente rock (“Mon Amour”) e soprattutto il pezzo con Wyclef Jean, “Spy”, che con le sue atmosfere anni Quaranta è di gran lunga la cosa migliore del disco.

La ragazza è un tripudio di sorrisi e savoir faire. Il sangue sudamericano non è acqua, e la conferenza stampa che segue è delle più amichevoli e rilassate, con un allegro rimbalzare tra inglese, spagnolo e italiano, di cui un traduttore dadaista fornisce una versione a dir poco creativa. È cresciuta, la colombiana dallo sterno assassino, e lo sottolinea con decisione: “Oggi mi sento più donna, più in contatto con la mia femminilità e con i miei desideri istintivi e profondi. E cerco di difendermi con le unghie e coi denti, come un animale”. Ecco spiegata la lupa! “Che poi non sono solo io. Secondo me la lupa è la donna dei nostri tempi, una che sa cosa vuole e tenta di esprimersi, difendendo le proprie libertà individuali.” Shakira accenna alla “gabbia dorata” nella quale ultimamente aveva la sensazione di vivere, e della quale il video “She Wolf” vorrebbe essere una metafora: “Quella gabbia rappresenta una donna che vuole liberarsi, ma non solo sessualmente”, ribatte alla pronta insinuazione di un giornalista allupato. “La repressione è il cancro della società.”

Ti suggeriamo anche  Sesto San Giovanni, chiude l'unico sportello LGBT attivo nel Nord Milano

Ci sarai mica diventata suffraggetta, cara? “Spesso in passato mi hanno chiesto se ero femminista, e io ho sempre negato. Ma mi sa che sbagliavo. Col tempo sono diventata più solidale con le donne e con la loro lotta.” Quando qualcuno le chiede di approfondire i termini di tale lotta, Shakira sfodera l’ironia: “Be’, noi donne dobbiamo soddisfare molte aspettative: essere grandi professioniste, brave figlie, brave madri e pure carine. È un sacco di roba!” L’ignara non sa di aver appena pronunciato quella che in Italia è una specie di parola magica (“madri”), ma a quanto pare in sala non aspettavano altro. E infatti il domandone veteromaschilista glielo fanno almeno in due: “Ci stai dicendo che vorresti dei figli?!” Lei, con imbarazzata eleganza, butta lì un “Prima o poi”, ma subito svicola: “Al momento ho appena partorito il disco, e non riesco a pensare ad altro. Voglio che cresca sano e forte, e che vada a Harvard!” Risatine, tra i pochi che capiscono l’inglese.

Dopodiché si passa a parlare della sua attività umanitaria, e qui di spazio per l’ironia non ce n’è. Il tema la appassiona sinceramente, e ci racconta nel dettaglio delle scuole aperte con la fondazione “Pies descalzos” in Colombia , dove un numero impressionante di bambini non ha accesso all’istruzione: “Lo faccio da quando avevo diciott’anni. È una delle esperienze più appaganti che ho mai vissuto, e non mi costa alcun sacrificio. Essendo cresciuta in un paese in via di sviluppo, ho visto con i miei occhi come l’istruzione è in grado di cambiare la vita di bambini e comunità intere. Ha dato un senso nuovo alla mia vita, e mi emoziona quanto esibirmi su un palco.”

Ti suggeriamo anche  Tendenze Moda: il ritorno del marsupio

Massimo rispetto, eppure a me fin qui sembra tutto troppo serio e eterosessuale. Allora provo a chiederle della sua imminente comparsata in “Ugly Betty”, e di eventuali progetti cinematografici, ma lei non fa che sorridere e confermare, escludendo per il futuro altri impegni su pellicola. Quando poi, a conferenza conclusa, e con un espediente che non rivelerò mai (hai la mia gratitudine eterna, Simona), riesco a dirle: “Non so altrove, ma qui in Italia sei un’icona gay”, la sua risposta è una laurea ad honorem in frociarismo: “A dire il vero non ho mai ricevuto tanti apprezzamenti dalla comunità gay come per il video di ‘She Wolf.’ Mi fa piacere. I gay di solito sono abbastanza spietati nel giudicare esteticamente le donne, perciò se il video è piaciuto vuol dire che il mio sedere e le mie gambe sono ok. Be’, almeno qualcosa di buono l’ho fatto!”

PS: Verrà in tournée da noi all’inizio del 2010.

di Matteo Colombo