Stati Uniti: le persone transgender sono raddoppiate in soli 10 anni

I giovani sono i più propensi a rivelare la propria identità, per via di molteplici fattori. In Italia la situazione non è così rassicurante.

Quasi un milione e mezzo di persone, nei soli Stati Uniti, si identificano come transgender. Lo studio è stato realizzato dal Williams Institute alla UCLA School of Law: la percentuale di persone transgender è dello 0,6 % della popolazione americana. Perché è importante una stima numerica della popolazione trans? Perché qualsiasi legge, qualsiasi politica deve fare i conti con un numero concreto di persone. A partire dalla (assurda) “guerra dei bagni” in North Carolina, che vede fondamentalisti di destra opporsi all’uso del bagno scelto dalle persone trans.
La ricerca inoltre riporta i numeri anche all’interno dei singoli Stati americani. Hawaii, California, Georgia, New Mexico Texas e Florida sono gli Stati con più alto numero di persone transgender (dallo 0,7 allo 0,8 %).

Dall’altra parte dello spettro North Dakota, Iowa, Wyoming, Montana e South Dakota hanno le percentuali più basse, intorno allo 0,3%. Sono i giovani i più aperti a dichiarare la loro identità sessuale: nella fascia 18-24 la percentuale trans è dello 0,7%, che scende fino allo 0,5 degli ultra 65.

La stima di 1,4 milioni è raddoppiata rispetto a solo 10 anni fa. A favore di questo ci sono vari motivi, tra cui una visibilità maggiore, una maggiore accettazione sociale e soprattutto vari interventi di leggi a tutela dalle discriminazioni.

Ti suggeriamo anche  Stati Uniti, la popolazione LGBTI sale al 4,5%. Sostegno al matrimonio egualitario mai così alto

In Italia si stimano circa 40mila persone trans, con un tasso di crimini nei loro confronti altissimo. Le ultime statistiche parlano di 285 omicidi nel 2012 e 238 nel 2013. Numeri impressionanti rispetto al gruppo di riferimento.

Storie

Bullismo omofobo in Trentino: dagli insulti alle botte

Una violenza inaudita contro il ragazzo 15enne.

di Alessandro Bovo