Unioni civili: Laura e Rosalba, prime spose a Catania!

di

"Mia mamma mi ha anche portata dalla psicologa". Ma dopo aver compreso, ieri era presente al matrimonio!

CONDIVIDI
478 Condivisioni Facebook 478 Twitter Google WhatsApp
12798 2

Un altro bellissimo sì da festeggiare, questa volta in Sicilia! Laura Testa e Rosalba Caruso, 34 e 45 anni, si sono unite ieri alle 18 al Castello Ursino di Catania. Già nel giugno 2015, dopo l’istituzione del registro comunale, avevano siglato gli stessi documenti davanti al primo cittadino Enzo Bianco: ora però la voglia era quella di diventare famiglia anche per lo Stato italiano.

Rosalba, insegnante per bambini disabili, racconta: “Laura ci teneva al matrimonio ed io sono molto cattolica. Siamo andate da un prete a farci benedire le fedine, un prete molto aperto. E la nonna gli ha chiesto se quello che stavamo facendo fosse una cosa normale. E lui ha risposto: ‘Quando si ama, il Signore non vede cattiverie. Le vede quando ci sono violenze“. E ancora: “Prima del matrimonio non ho dormito per 5 giorni. Avevo l’ansia che qualche bigotto omofobo potesse venire a fare qualche stupidaggine”. Ma per fortuna nessun disturbatore retrogrado si è recato alla cerimonia, che si è svolta tra la gioia degli amici e dei parenti.

Laura ha scoperto di essere lesbica a undici anni: “Io sapevo quello che volevo, sono sempre stata così“. Rosalba, invece, ha fatto un percorso diverso: “Lei non è lesbica, è bisessuale. Lo ha scoperto poco prima che ci conoscessimo“. La prima volta che si sono viste, nel 2000, non avevano fatto molto caso l’una all’altra. Poi, sei anni fa, l’incontro definitivo: “Io stavo con la sorella del suo migliore amico“, sorride Laura, “ma da quando ci siamo viste non ci siamo più separate“.

L’accettazione da parte delle famiglie, nel loro caso, non è stata scontata e semplice: Laura per esempio ha avuto numerosi problemi con sua madre. “Non lo ha mai accettato e non lo accetterà mai, anche se adesso va meglio. Mia mamma si metteva d’accordo con i miei zii per farmi prendere gli appuntamenti con gli uomini e mi ha anche portata dalla psicologa”. Anche per il padre di Rosalba è stato difficile accettare la relazione della figlia. “Mio padre, che ha 79 anni ed è tradizionalista, non l’ha presa bene, per lui è stata una vergogna. Poi le mie nipoti gli hanno parlato e gli hanno detto ‘Se lei è felice, cosa ti importa di quello che dicono le persone?‘. Per fortuna ho avuto una famiglia intelligente cha ha cercato di ammorbidire mio padre. Anche io ho parlato con lui a lungo, cercando di fargli capire”Ed evidentemente il padre di Rosalba ha capito, visto che era presente alle nozze come tutti gli altri genitori. “Ci hanno persino regalato le fedine“, chiosano in coro le spose novelle.

 

Le due sono consapevoli che la strada per la piena uguaglianza dei diritti è ancora lontana: “Il prossimo divieto che deve cadere è quello delle adozioni“. E infatti non escludono la possibilità di averne. “Io sono per l’adozione del figlio di altri“, dice Laura, “ma discuteremo insieme se invece provare tramite la fecondazione assistita. Ovviamente all’estero“.

 

Fonte: Meridionenews, Cataniatoday, CataniaLiveSicilia

Leggi   Proposta di matrimonio tra poliziotti durante una cerimonia di laurea - video
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...