Ragazzi etero limonano per la prima volta con ragazzi gay per sfidare l’omofobia

La challenge ha uno scopo importante: dimostrare che è possibile baciare un altro ragazzo senza per questo perdere la dignità né diventare gay.

“Non è stato male, meglio di un paio di mie ex”, ha commentato uno dei ragazzi. Un altro: “Continuo a sentirmi etero e attratto dalle donne”. Un altro ancora: “Non dire che non ti piace finché non l’hai provato”, e ancora: “È stata un’esperienza interessante. Ora conosco meglio la mia sessualità”. “Credo che un vero uomo dovrebbe farlo almeno una volta in modo da essere sicuro di conoscere la propria sessualità”.

Questi quattro ragazzi etero hanno accettato di provare, per la prima volta nella loro vita, a baciare un ragazzo gay. Con la lingua. Aldilà della componente friccicarella (molti film hard puntano su combinazioni simili) la challenge ha uno scopo importante e nobile: dimostrare che è possibile baciare un altro ragazzo, anche se si è eterosessuali, senza che questo infanghi la propria dignità, né renda necessariamente gay.

Nel video-esperimento, pubblicato sul canale BriaAndChrissy, si può vedere il prima, durante e dopo: il nervosismo dell’inizio, i vari modi in cui scatta l’approccio, il bilancio finale.

Ci piace.

Ti suggeriamo anche  Messina, omofobia sul bus ai danni di una coppia gay: "Se fossi mio figlio ti prenderei a colpi di bastone"
Cinema gay

Paris is Burning, compie 30 anni il fantastico documentario sulla ball culture LGBT di New York

Lo strepitoso documentario di Jennie Livingston ha ispirato Ryan Murphy nella realizzazione di Pose.

di Federico Boni