Pubblicato da Marco Barbagli su Domenica 18 dicembre 2016

Unione civile ad Arezzo tra Edoardo a Bruno, storico attivista: “Dopo 40 anni insieme riconosciuti i nostri diritti”

di

"È una vittoria di civiltà: ora però serve una legge contro l'omofobia", commenta il co-fondatore di Arcigay Bologna.

CONDIVIDI
118 Condivisioni Facebook 118 Twitter Google WhatsApp
5492 8

Unione civile speciale a Marciano della Chiana, provincia di Arezzo.

Bruno Tommassini, storico attivista gay, si è unito civilmente al suo compagno Edoardo Marziari, dopo ben 40 anni insieme.

“È una vittoria di civiltà: ora però serve una legge contro l’omofobia“, commenta Bruno, fondatore di Arcigay Arezzo e ex assessore in Comune. Tommassini è stato ancora tra i fondatori dell’Arcigay nazionale a Bologna nel 1985.

unione civile

La Torre di Marciano ha ospitato la prima unione civile, l’ex assessore Bruno Tommassini Pugliese oggi con Edoardo ha potuto coronare il sogno di una vita, unirsi alla persona con cui ha condiviso gioie e dolori per quarant’anni. Auguri a voi“, ha commentato il sindaco Marco Barbagli, che ha officiato la cerimonia.

Presente anche il direttore de L’Espresso Tommaso Cerno.

Leggi   La vacanza gay-friendly lungo lo Stivale: mare o montagna?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...