Ariana Grande: “Gli omofobi sono ignoranti e stupidi”

La cantante sfoga la sua frustrazione durante un’intervista per V Magazine

Ariana Grande, la giovanissima e stupefacente cantante pop emersa negli ultimi 2 anni, ha recentemente preso parte alla serie televisiva Scream Queens, creata dallo sceneggiatore omosessuale Ryan Murphy.
Durante una recente intervista per V Magazine, la performer ha avuto modo di esprimere tutto il suo apprezzamento per la comunità Lgbt, condannando pesantemente ogni forma di omofobia.

Rispetto alla sua educazione ha raccontato:

Nella mia famiglia nessuno ritiene l’essere gay come un fatto anormale. Quindi per me incontrare persone che usano la parola ‘frocio’ come un insulto, con un significato dispregiativo, è surreale. Non lo capisco. È una mentalità che non mi appartiene. Sono cresciuta in una famiglia nella quale essere gay è la cosa più normale del mondo.

Ariana si è inoltre espressa riguardo ai suoi rapporti significativi con persone omosessuali, incluso il fratello:

Sapete, mio fratello è gay, tutti i miei migliori amici sono gay. Quando mio fratello è uscito allo scoperto, non è stato un grosso problema per la mia famiglia. Anche mio nonno, che è come dire…super vecchia scuola, non ha avuto altro da dire a parte un buon per te!

Concludendo con una decisa condanna di ogni comportamento di matrice omofoba:

È scandaloso vedere un essere umano odiarne un altro solamente per la sua sessualità. Odio l’intolleranza e il giudizio a priori. La maggior parte delle persone importanti nella mia vita sono gay. È qualcosa che mi tocca da vicino dal momento che quando vedo una persona cara, o persino mio fratello, soffrire per la sua sessualità, perdo letteralmente il controllo. Quando si vede qualcuno che ami soffrire, per una persona che giudica qualcuno senza neanche averci parlato, non puoi non incazzarti seriamente. Gli omofobi sono quanto di peggio si possa trovare sulla faccia della terra.”

Ti suggeriamo anche  Pisa, consigliere leghista contro coppia gay: 'si baciassero a casa loro'