Fetish religiosi, nasce il sito hard gay dei mormoni

Nasce su internet un sito gay vietato ai minori di ragazzi mormoni. I modelli potrebbero rischiare la scomunica da parte della loro Chiesa, da sempre contraria alle unioni omosessuali.

Una nuova provocazione dal mondo del porno online. Paul Jackson, noto imprenditore nel settore di siti hard, ha lanciato un nuovo progetto che mira a soddisfare uno dei feticismi più insoliti, l’attrazione per gli uomini di fede. MormonBoyz.com, infatti, ritrae giovani ragazzi mormoni intenti a masturbarsi. Nei vari shooting fotografici, alcuni dei modelli indossano la divisa classica dei rappresentanti mormoni con tanto di cartellino di riconoscimento. L’iniziativa di Jackson si rivolge apertamente ad un pubblico omosessuale e potrebbe infastidire i rappresentanti della religione, dichiaratamente contrari all’unione tra individui dello stesso sesso.

La Chiesa mormone ha contribuito, infatti, al 50% dei finanziamenti necessari alla causa Yes to Prop 8, una campagna che chiedeva a gran voce un emendamento per vietare i matrimoni gay in California. Se i militari americani che hanno posato senza veli per un sito pornografico "a tema" molto simile a quello di Paul Jackson sono stati sospesi dal servizio, è molto probabile che anche i ragazzi di MormonBoyz.com vadano incontro a severi provvedimenti come, ad esempio, la scomunica da parte della Chiesa, che in tutto il mondo conta più di 13 milioni di fedeli. E intanto in rete le battute sul "missionario" si sprecano.

Ti suggeriamo anche  Ezra Miller, 'ecco l'uomo che cerco'