“Ho erezioni dal medico: terrorizzato che mi credano frocio”

Così Rocco Siffredi si racconta sul numero di Max in uscita martedì: “La prova più dura? Tre ultrasessantenni insieme: ho fatto far loro certe lesbicate!”. E poi c’è la cornea trapiantata da cadavere.

A pochi giorni dall’uscita nelle sale di "Matrimonio a Parigi" al fianco di Massimo Boldi, Rocco Siffredi si racconta a modo suo, ovvero senza peli sulla lingua, sul numero di Max in edicola e su iPad da martedì 4 ottobre. Racconta, il porno attore più famoso d’Italian di avere lasciato il set dei film hard nel 2004 su richiesta della moglie Rosza Tassi, ma di essere stato costretto a tornare davanti alle telecamere perché depresso. E per curare la depressione ha girato in un solo anno ben 40 film.

Siffredi tocca vari argomenti nell’intervista tra cui quello del corpo e dell’autocontrollo: "Andare dal medico è terribile, ogni volta mi parte l’erezione. Ho il terrore che pensino sia frocio, così lo stress aumenta, e anche l’erezione". E alla domanda si quale sia stata la sua prova più dura sul set, risponde: "Farmene tre, dai 67 ai 73 anni, e ho fatto far loro cose pazzesche, certe lesbicate! Sul set non mi risparmio. Ho girato scene assurde, appeso a un elicottero, a 10° sotto zero. Perché il porno non è come il cinema, nessuno ti scalda il pavimento per farti sentire a tuo agio".

"Sono un challenger – dice -, mi piace far quello che nessuno crede possibile, ad esempio sesso con donne grassissime, brutte o anziane. Sessualmente sono un razzista, posso andare anche con le nere e le asiatiche, ma solo per lavoro".

Ti suggeriamo anche  Russell Tovey di Looking sposerà il fidanzato Steve Brockman

Infine racconta di cosa gli sia costato, in termini di usura del corpo, il suo lavoro: "Ho i legamenti del ginocchio trapiantati, e poi vari pezzi di sintesi nella schiena, alla clavicola, alle spalle, al polso. Certe posizioni creano degli scompensi pazzeschi all’anca e quindi alla colonna vertebrale. Tutto per metterti a favore di telecamera. In più mi è partito l’occhio destro, vedevo tre donne al posto di una. Ho fatto un trapianto di cornea da cadavere".