Innamoratevi di quest’angelo: torna Leonardo DiCaprio

Sta per approdare sugli schermi italiani “The beach”, il film che vede il biondo attore quasi sempre seminudo su spiagge tropicali.

Eccolo di nuovo, l’angelo del cinema, l’efebo della celluloide, il più bello di tutti i Titanic-boy. Torna solo per i nostri occhi e si presenta così, senza pudore, seminudo e selvaggio nell’attesissimo film “The beach”, tratto dal libro di Alex Garland (edito in Italia da Bompiani) e diretto, sceneggiato e prodotto da Danny Boyle. In questo film, prestissimo sgli schermi italiani, Leonardo apparirà tra spiagge bianche e mari tropicali, costantemente seminudo (ma mai nudo integrale…), biondissimo e abbronzato.

Una gioia per gli occhi dei DiCaprio-dipendenti. “Il mio personaggio – ha scritto lui su u taccuino di appunti durante la lavorazione del film – cerca qualcosa che gli provochi una reazione emotiva, lontano dal mondo fatto di televisione, cinema e videogiochi. Vuole provare un’esperienza pericolosa magari, ma che sia vera”. Il personaggio che interpreta si chiama Richard, ed è un ragazzo americano che arriva in Thailandia in cerca di avventura e, forse, per dimenticare un amore finito male. Accompagnato da una coppia di giovani francesi (interpretati da Virginie Ledoyen e Guillaume Canet) Richard-Leo lascia una frastornante Bangkok per raggiungere una spiaggia segreta indicata su una mappa che un folle (Robert Carlyle) gli ha dato prima di suicidarsi.

I tre scopriranno che su questa misteriosa isoletta thailandese vive una comunità segreta governata da una donna di nome Sal (la grande Tilda Swinton) e popolata da ragazzi che arrivano da tutto il mondo. Un paradiso, all’apparenza. Ma l’idillio presto si spezza, dopo che due ragazzi svedesi vengono uccisi da uno squalo. E la scena di sesso fra la Swinton e DiCaprio, per niente romantica, accentua la disillusione del protagonista. Il paradiso diventa un inferno, e la pulsione distruttiva degli esseri umani fa capolino anche in un’utopica comunità persa su una spiaggia tropicale. Morale: il mondo va così dappertutto, la vita e quel che è, tornatevene a casa e accettatela. Ma anche nell’inferno DiCaprio resta un angelo: guardare per credere.

Il bel Leonardo (nella foto a destra a letto con David Thewlis nel film in cui interpretava Rimbaud), compirà fra poco ventisei anni: su di lui c’è poco da aggiungere, se non che il suo secondo nome è Wilhalm (lo sapevate?), e che si è messo in testa di dirigere un festival di cortometraggi su Internet, all’indirizzo www.LeoFest.com. Il sito del film on line, invece, è www.thebeachmovie.com.

Buona visione.