Lo Spettegayezzo n°13

di

Victoria e Geri mollano la musica e la moglie di David confessa: "Ormai piaccio solo ai gay". Zero vuole l'amore imperfetto mentre Ambra non ha bisogno di sposarsi....

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2995 0

A Elle magazine ebbe modo di dire: «Non mi interessa nulla di cosa pensa la gente di me. Sono un gay intrappolato nel corpo di una donna!». Adesso Victoria Beckham torna a confidare le sue angosce ad un altro tabloid, il Sun, al quale ha detto sconsolata di sentirsi etichettata dai maschietti solo come "deliziosa mamma" e basta. «Ormai – ha detto la signora Beckham – il mio corpo è oggetto di desiderio esclusivamente per il mondo omosessuale.» Come si sentirebbe la Posh Spice se le dicessero la verità e cioè che il mondo omosex è interessato pìù che al suo corpo, a quello del maritino David?

Sempre a proposito delle Spice Girls, il gruppo che le ha dato la celebrità, Victoria ha preannunciato di voler lasciare definitivamente il mondo della musica. Così come la collega Geri, che ha detto: «Ho appeso al chiodo i miei hot pants. Ho dovuto essere onesta con me stessa: la mia carriera come solista si è conclusa. Ora mi sento molto a mio agio come autore di libri.» La Ginger Spice infatti è in uscita con il suo primo libro per bambini, Eugenia Lavender. Geri crede che il tour appena concluso delle Spice sia servito a unirle ancora di più. «Mi è spiaciuto quando ci siamo separate, è per questo motivo che ho accettato la reunion con tanto entusiasmo".

«Sposarmi io? Un’altra bufala dei giornali». È quanto ha dichiarato Ambra in un’intervista a Donna Moderna. La star di "Questa sera niente Mtv" ha detto di credere troppo nel matrimonio per fare quel passo in modo affrettato: «Francesco, da buon bresciano, ha il culto della famiglia. E mi sposerebbe solo in chiesa! Ma proprio per questo preferiamo aspettare: andremo all’altare quando ci sveglieremo un mattina con la voglia di farlo». E ha aggiunto: «È assurdo sposarsi per conformismo come fanno tanti. Spesso, poi, finisce male. Il mio matrimonio sono i miei figli: Jolanda e Leonardo».

Renato Zero ha 58 anni e un figlio adottivo che gli ha dato due nipotini, ma nonostante questo confessa di sentirsi solo. Il re dei sorcini ha dichiarato a Grazia di cercare l’amore: «Scalare da solo, se non c’è nessuno che ti tira una fune al momento opportuno, è pericoloso. Ma questo fa parte degli incerti del mestiere. Credo tantissimo nell’amore». Zero ha poi precisato di sentirsi attratto dall’amore imperfetto: «Sono gli amori coi difetti che mi piacciono di più – afferma -. Quelli che schiattano di salute, pieni di soldi, benestanti non mi piacciono: io voglio un amore anemico, che ha bisogno di vitamine, che devi accudire e far sentire al centro dell’attenzione. sennò diventa una camera a gas".

«Mai stato gay.» La precisazione arriva da un mostro della moda: Roberto Cavalli. «Vivo di emozioni: piango spesso, davanti a un film a della bella musica o a dei cuccioli di animale – ha detto lo stilista – e sfido chiunque a non fare lo stesso. L’amore è centrale nella vita.». Cavalli ha poi dichiarato che si tratta di amore eterosessuale: non sono gay e non potrei mai esserlo. Quello che amo di più è la sensazione della seta che solo la pelle di una donna può dare. E non c’è bisogno che sia nuda per eccitarmi». Già.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...