Marcelo Burlon definisce Madonna una ‘cessa’. Dopo l’attacco sui social, arrivano le scuse

Assalito dai commenti inferociti degli utenti fan di Madonna, ha dovuto ricorrere a un mea culpa ufficiale.

Un attacco sui social internazionale, quello scatenato da Marcelo Burlon, ex concorrente di Pechino Express, che ha voluto dire la sua opinione sulle ultime performance di Madonna. E se ognuno può dire quel che pensa, c’è sempre modo e modo. E quello utilizzato da Burlon non è stato affatto gradito dai fan della star, che è stato innondato di offese, a sua volta. Ieri, tramite il suo profilo Facebook, ha pubblicato un post:

Una caricatura di se stessa, scrivendo e cantando di m*rda. Pensa che al suo ultimo concerto a Milano siamo andati via dopo mezz’ora. IMBARAZZANTE.

Oltre a questo, l’aveva definita “cessa” per i vestiti indossati e classificata come “pessima artista”. Immediata la reazione degli utenti. Una reazione che Marcelo Burlon non si aspettava, che lo ha costretto a fare ammenda, scusandosi con tutti e soprattutto con Madonna, in un post pubblicato stavolta su Instagram, in lingua inglese (dato che la notizia ha fatto in poche ore il giro del mondo).

Le scuse di Marcelo Burlon dopo le offese a Madonna

Pubblicando una foto completamente nera sul suo profilo IG, ha riportato le sue scuse.

Ho commesso un errore enorme e vorrei innanzitutto scusarmi per la mia stupidità. I social media sono uno strumento che può essere spesso usato per una risata frivola. Ma quello che ho imparato oggi è che non dovrebbe mai essere fatto a spese di un’altra persona o di un gruppo di persone.

Nel messaggio, spiega il suo errore, per un termine che usa quotidianamente, ma che nei social può avere un significato completamente diverso:

Vorrei chiedere perdono e esprimere il mio più sincero rammarico nei confronti di Madonna e a chiunque possa aver offeso, insultato o toccato. Ieri ho postato le immagini di Madonna che vestiva il mio marchio, affermando che lei stessa ha acquistato i capi. Irresponsabilmente ho usato un insulto italiano per descriverla. Il termine, che uso spesso con gli amici più intimi, contestualizzato non è offensivo, ma capisco chiaramente che è stato un mio errore presumere di poter parlare sui social media usando lo stesso tono che uso nella mia vita privata quotidiana.

E continua il mea culpa:

Invece di celebrare il fatto che una donna famosa e molto rispettata come Madonna (che è una donna, una madre, una figlia, un’amica e un’ispirazione per molti) ha scelto di indossare liberamente qualcosa della mia collezione, sono stato sciocco e irriverente. La mia intenzione non è mai stata quella di provocare antagonismo o odio.

Visti i commenti, ci tiene a sottolineare che la misoginia in questo caso non c’entra:

Ho fatto un errore ingenuo e stupido ma la radice di questo non dovrebbe essere fraintesa come misogina perché non era in alcun modo la mia motivazione.
Come può testimoniare chiunque mi sia vicino, ho sempre cercato di vivere in modo efficace la mia vita senza genere, età o pregiudizi basati sulla razza. Non sono perfetto, e anch’io imparo quotidianamente da ciò che mi circonda, è per questo che mi piacerebbe sinceramente sottolineare che non c’era in alcun modo un intento malevolo basato sul genere o sull’età nel mio post. Io amo e voglio condividere amore e armonia. Intendo anche imparare dai miei errori. Con umiltà.

Insomma, dopo queste lunghe scuse ufficiale… a Marcelo Burlon piace o non piace Madonna? 

View this post on Instagram

I made a huge mistake and I would first and foremost like to apologize for my stupidity. Social media is a tool which can often be used for a frivolous laugh, but what I really learned today is that this should never ever be at the expense of another person, or group of people. I would like to ask forgiveness and express my most sincere regret to Madonna and anyone whom I might have offended, insulted, or touched. Yesterday I posted images of Madonna wearing my brand stating that she purchased the garments herself. I haphazardly and irresponsibly used a common italian slur to describe her. The term, which I use often with close friends, in context is non offensive, but I clearly understand that it was my mistake to assume that I could speak on social media using the same tone that I use in my daily private life. Instead of celebrating the fact that a celebrated, and highly respected woman like Madonna ( who is a woman, a mother, a daughter, a friend, and an inspiration to many ) made a choice to freely wear something from my collection I have played foolish and irreverent. My intention was never to provoke antagonism or hate. I made a naive and stupid mistake but the root of this should not be misunderstood as misogynistic because that was in no way my motivation. As anyone close to me can attest, I have always attempted to effectively live my life without gender, age, or racially based prejudice. I am not perfect, and I too learn daily from my surroundings which is why I would sincerely like to punctuate that there was in no way malicious intent based on gender or age in my post. I love and I want to share love and harmony. I also intend to learn from my mistakes. With humility. Sincerely, Marcelo Burlon.

A post shared by Marcelo Burlon (@marceloburlon) on

Ti suggeriamo anche  Fashion Week FW 2018, i cinque momenti musicali migliori tra Milano e Parigi