Rossella Brescia: “Ora capisco perché Vendola è andato via!”

Sono per il matrimonio egualitario. Non capisco dove sia il problema nei confronti dell’amore. Non capisco perché in Italia non si debba mai gioire della felicità altrui.

L’appuntamento è al telefono alle ore 10. Rossella Brescia, tra una risposta e l’altra, alza la voce per riuscire a farsi sentire tra clacson e sirene. Eppure, nonostante i disastri della capitale siano sotto gli occhi di tutti, la conduttrice più  mattiniera d’Italia non cambierebbe mai Roma, con nessun’altra città al mondo. O forse sì.  Forse la cambierebbe con Montréal, per raggiungere l’ex Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.

E’ vergognoso che Vendola sia dovuto andar via dall’Italia, per tutelare la sua relazione e, soprattutto, suo figlio. Ma in che razza di Paese viviamo? L’omofobia è davvero uno dei mali di questo secolo” mi confessa Rossella, e aggiunge: “Capisco perché Nichi abbia scelto il Canada. Lì c’è un rispetto per le persone che da noi non esiste”.

Inizia così la mia conversazione con la Regina degli ascolti radiofonici, nonché voce di punta di Radio Dimensione Suono. Infatti, per quei pochi che ancora non lo sapessero, la Brescia oltre a ballare, recitare e fare da testimonial alle migliori compagnie di bellezza, conduce, tutte le mattine, assieme a Max Pagani, Barty Colucci e Claudio Cannizzaro , l’irriverente TUTTI PAZZI PER RDS. Tra un clacson e un altro, la bellissima Rossella parla delle sue aspettative, di lavoro, di diritti civili, di adozioni e mette subito in chiaro una cosa: la sindaca Virginia Raggi non è omofoba!

2015612155449brescia

Scusi, ma a che ora suona la sua sveglia?

Suona alle 6 di mattina, ma solo perché abito molto vicino alla sede della Radio. Però, prima di cominciare, le posso fare una richiesta?

Prego..

Mi dia del tu.

Non l’ho mai fatto in tutta la mia vita, mi creda.

Bene: c’è sempre una prima volta.

E come riesci, nonostante la sveglia, ad essere così energica per tutto il giorno?

L’unico vero scoglio da superare è il letto. Una volta che mi sono alzata, tutto passa in secondo piano. Poi, ad RDS, mi sento veramente a casa. Ho dei colleghi davvero meravigliosi.

ROSSELLA-BRESCIA-orizzontale-580x333

E la sera, invece, a che ora raggiungi Morfeo?

Per non fare una vita monacale, m’impongo di non andarci prima delle 23:30 e quando qualche volta faccio le ore piccole, ne risento per tutto il giorno.

Dopo tanta tv, da qualche anno, un successo radiofonico senza precedenti. Non avrai mica chiuso con la tv?

Ti suggeriamo anche  Roma Pride 2018, ci sarà il presidente della Regione Nicola Zingaretti - e la Sindaca Virginia Raggi?

La tv è meravigliosa. E’ uno strumento di comunicazione pazzesco, ma al momento non c’è niente che fa per me. Quando e se ci sarà un bel progetto, non mi tirerò assolutamente indietro, anzi. Spesso, chi fa tanta tv, si dimentica di farne un buon uso. Questo non significa necessariamente parlare di libri e di storia, ma c’è modo e modo di fare intrattenimento.

C’è qualcosa che toglieresti dal tuo curriculum televisivo?

No, non toglierei nulla. Tutto mi è servito ad essere quella che sono oggi.

Una pugliese in trasferta a Roma..

Io amo Roma. E’ la mia seconda città. Al di là delle buche, della sporcizia, del traffico e di tutte quelle cose che sono realmente brutte, c’è un museo a cielo aperto che mi basta guardare per dimenticarmi di tutte le brutture che ci sono. Prima di venire a Roma avevo quasi paura di non trovarmi bene. Venivo da un piccolo paese (Martina Franca, ndr) e non sapevo come sarebbe stata la vita in città. E invece, ora come ora, non potrei più farne a meno. Amo i romani e il loro modo di farti sentire, tutti i giorni, una di loro.

Piuttosto, l’ex Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, si è trasferito in Canada per proteggere suo figlio Tobia dall’omofobia italiana. Come vedi questo sua scelta?

Il Canada è uno dei Paesi più belli che io abbia mai visto e capisco perché Nichi sia andato lì. C’è un rispetto per le persone che fa paura, ovviamente nel senso migliore del termine. Mi dispiace che sia andato via e mi dispiace ancor di più, che sia andato via per colpa dell’omofobia. E’ una vergogna e mi si stringe il cuore al solo pensiero. Spero che Nichi, il suo compagno e il piccolo Tobia, possano trovare la serenità di cui hanno bisogno.

Rossella-Brescia-620x372

Invece, la tua seconda città ha un nuovo Sindaco. Come trovi la Raggi?

Ti suggeriamo anche  Nichi Vendola stronca il Congresso della Famiglia: 'un ritrovo di bulli, io, mio figlio e mio marito siamo una Famiglia' - video

Io la trovo, come figura, molto rassicurante e sono molto contenta del suo arrivo in Campidoglio.

Non pensi che la sua poca preparazione politica possa essere un limite per una città come Roma?

Assolutamente no. La Raggi è preparatissima, al contrario di quel che si può pensare, ed è anche una bravissima persona. Ha studiato e continua a studiare per non farsi cogliere impreparata. Ho la fortuna di lavorare con suo marito (Andrea Severini, ndr) e so per certo che ce la metterà tutta per non deludere chi l’ha votata.

Il popolo LGBTI non ha vissuto bene l’aver cancellato, dal  programma elettorale, il suo interesse nei confronti delle unioni civili. Non pensi che la Raggi abbia strizzato l’occhio alla Destra più estrema?

Questo è un discorso che devo approfondire e ti dirò: gliene parlerò non appena avrò modo di sentirla. Io, per quel poco che la conosco, sono certa che non sia omofoba e sono ancor più certa che, anche dietro questa situazione, ci sarà una spiegazione. Sul suo conto se ne dicono tante, ma è sempre l’esatto opposto di quel che i media raccontano.

Tu, piuttosto, politicamente parlando dove ti collocheresti?

Io, oramai, non penso più ai partiti e a quello che rappresentano. Cerco di votare, come alle comunali, la persona, anziché il partito. Ad ogni modo, personalmente, mi colloco con le persone oneste e con tutte quelle persone che hanno voglia di un netto cambiamento. Non se ne può più di vedere una città come Roma, abbinata sempre e solo alla Mafia.

Sei favorevole al matrimonio egualitario o pensi che la Legge Cirinnà sia più che sufficiente?

Ti suggeriamo anche  Cancellata dal tribunale la trascrizione di un bimbo con 2 papà. Ma si apre all'adozione?

La Cirinnà è un buon punto di partenza, poi bisogna e bisognerà continuare a lottare per arrivare al matrimonio egualitario. Io non riesco a capire dove sia il problema nei confronti dell’amore. Non capisco perché, in questo Paese, non si debba mai gioire della felicità altrui.

E sulle adozioni per le coppie dello stesso sesso che posizioni hai?

Sono certa che l’amore e l’educazione, siano gli unici due elementi essenziali per la buona crescita di un bambino. Conosco una coppia di genitori dello stesso sesso, hanno due figli e i loro bambini sono felici come tutti gli altri. Ogni tanto vorrei fare un tweet su questi argomenti, ma poi mi fermo. Perché non voglio più mettermi a discutere con gente che non merita nessuna attenzione.

Rossella-Brescia-2

 

Ti capita mai di soffermarti a pensare a dove sei arrivata?

No, anzi. Mai fermarsi a pensare a dove si è arrivati, piuttosto bisogna soffermarsi a pensare a dove andare e a quello che dobbiamo ancora raggiungere. Noto, con dispiacere, che sono più gli altri ad esser sempre pronti a farti notare qualcosa che ti riguarda.

Dove ti vedi da qui ai prossimi vent’anni?

Non saprei. E’ così importante il presente che poco mi soffermo a pensare al futuro. Mi piacerebbe solamente invecchiare, in una piccola casa in riva al mare.

E quest’estate cosa farai?

Parto. Partirò ad Agosto, come tutti. Non resterò in Italia, perché durante l’anno, per via del lavoro, non riesco a viaggiare per più di due, tre giorni e quindi, quando ho un lungo periodo, vado a scoprire posti nuovi.

bf8b0d_0733ef8f974a4f19a4de8af830a31e6d

 

 

Donne

Renault Clio, il meraviglioso spot con una storia d’amore lesbica – video

130 secondi di pure emozioni arcobaleno. Vedere per credere.

di Federico Boni