Sam Smith, una foto senza maglietta contro il body shaming: ‘finalmente celebro il mio corpo COSÌ COM’È’

Sam Smith ringrazia il fotografo Ryan Pfluger per averlo aiutato a superare un trauma. Con il proprio corpo.

A soli 26 anni ha vinto un Oscar, un Golden Globe, quattro Grammy Awards, tre BRIT Awards, tre Billboard Music Awards e un American Music Award, oltre ad aver venduto decine di milioni di dischi.

Eppure Sam Smith, dagli esordi gay dichiarato, ha sempre faticosamente vissuto la popolarità, a causa di un corpo da lui mai del tutto accettato. Ecco perché ha fatto clamore l’immagine pubblicata sui social nelle ultime ore, che ce lo mostra per la prima volta senza t-shirt. Un vero e proprio manifesto contro il body shaming, il suo, finalmente in pace con i propri lineamenti.

“In passato, quando dovevo fare un servizio fotografico con anche solo una T-shirt indosso, mi lasciavo morire di fame per settimane. Poi andavo a rimarcare ogni frammento delle foto, finendo per levarle di mezzo. Ieri ho deciso di reagire. Di riappropriarmi del mio corpo e smettere di cercare di cambiare questo petto e questi fianchi e queste curve che mia madre e mio padre hanno creato e amato in modo così incondizionato. Alcuni potranno prenderla come un’esternazione narcisistica e vanitosa ma se sapeste quanto coraggio c’è voluto per fare questo, e il trauma che per colpa del mio corpo ho provato da piccolo, non la pensereste così”. “Grazie a Ryan Pfluger per avermi aiutato a celebrare il mio corpo COSÌ COM’È. Ryan, non mi sono mai sentito al sicuro come con te”. “Sarò sempre in guerra con questo maledetto specchio ma questo servizio fotografico e questo giorno sono stati un passo in avanti nella giusta direzione”.

Quasi 20.000 commenti e oltre un milione di ‘like’ per la foto,  che ci ha regalato un Sam Smith per la prima volta a proprio agio con il proprio corpo. Noncurante degli eventuali sfottò, come dovrebbe sempre essere.

View this post on Instagram

In the past if I have ever done a photo shoot with so much as a t-shirt on, I have starved myself for weeks in advance and then picked and prodded at every picture and then normally taken the picture down. Yesterday I decided to fight the fuck back. Reclaim my body and stop trying to change this chest and these hips and these curves that my mum and dad made and love so unconditionally. Some may take this as narcissistic and showing off but if you knew how much courage it took to do this and the body trauma I have experienced as a kid you wouldn’t think those things. Thank you for helping me celebrate my body AS IT IS @ryanpfluger I have never felt safer than I did with you. I’ll always be at war with this bloody mirror but this shoot and this day was a step in the right fucking direction 👅🤘🏼🍑

A post shared by Sam Smith (@samsmith) on

Ti suggeriamo anche  Sam Smith a Milano, è trionfo arcobaleno: 'Sono così orgoglioso di essere gay'